La Commissione europea stanzierà milioni di € 200.9 ($ 222.5 milioni) in 2020 per finanziare attività di promozione di prodotti agroalimentari dell'UE in patria e all'estero.

L'UE non è il primo esportatore mondiale di prodotti agroalimentari per caso.- Phil Hogan, commissario agricolo

Il programma di lavoro sulla politica di promozione 2020 adottato dalla Commissione delinea le principali priorità di sostegno. La politica dell'UE in materia di promozione dei prodotti agroalimentari è concepita per aiutare il settore a trarre vantaggio dall'espansione e sempre più dinamico mercato agroalimentare globale, sensibilizzare sugli schemi di qualità, compresi i prodotti biologici, e aiutare i produttori in caso di perturbazioni del mercato.

Il commissario per l'agricoltura e lo sviluppo rurale Phil Hogan ha dichiarato: “La reputazione dell'Europa nel mondo per i prodotti agroalimentari non ha eguali. L'UE non è il primo esportatore mondiale di prodotti agroalimentari per caso. La nostra politica di promozione con un budget sempre maggiore supporta i produttori dell'UE nel far conoscere i loro prodotti sia all'interno che all'esterno dell'UE, ma anche nell'affrontare le difficoltà del mercato aumentando la consapevolezza dei loro prodotti. Gli accordi commerciali in essere creano anche le condizioni per aumentare le loro esportazioni verso mercati in forte crescita. La recente conclusione dell'accordo bilaterale UE-Cina sulle indicazioni geografiche è un altro esempio del lavoro svolto dalla Commissione per creare opportunità per i produttori e prodotti UE di alta qualità. "
Guarda anche: EU Agriculture Commissioner Pledges Support for Spanish Olive Sector

In 2020, oltre la metà del budget, ovvero € 118 milioni ($ 130.7 milioni), andrà verso campagne che perseguono mercati al di fuori dell'UE con potenziali di crescita elevata, come Canada, Cina, Giappone, Corea, Messico e Stati Uniti . I settori ammissibili comprendono latte e formaggi, olive da tavola e olio d'oliva e vini. Le campagne selezionate dovrebbero migliorare la competitività e il consumo dei prodotti agroalimentari dell'UE, aumentare il loro profilo e aumentare la loro quota di mercato in questi paesi interessati.

Le campagne informeranno inoltre l'UE e i consumatori globali dei vari schemi ed etichette di qualità dell'UE come indicazioni geografiche o prodotti biologici. Un ulteriore focus delle campagne sarà anche quello di evidenziare gli elevati standard di sicurezza e qualità, nonché la diversità e gli aspetti tradizionali dei prodotti agroalimentari dell'UE. Infine, all'interno dell'UE, l'attenzione sarà rivolta alla promozione di un'alimentazione sana e all'aumento, nel quadro di diete equilibrate, del consumo di frutta e verdura fresca.

Gli inviti a presentare proposte per le prossime campagne 2020 saranno pubblicati a gennaio 2020. Una vasta gamma di organismi, come le organizzazioni commerciali, le organizzazioni di produttori e i gruppi agroalimentari responsabili delle attività di promozione sono ammissibili per richiedere finanziamenti e presentare le loro proposte.

I cosiddetti programmi "semplici" possono essere presentati da una o più organizzazioni dello stesso paese dell'UE; i "multi" programmi provengono da almeno due organizzazioni nazionali di almeno due Stati membri o da una o più organizzazioni europee.

Per 2020, € 100 milioni sono assegnati a programmi semplici, mentre € 91.4 milioni saranno destinati a più programmi.

Un ulteriore milione di € 9.5 è destinato alle iniziative della Commissione. Questi includono la partecipazione a fiere e campagne di comunicazione, nonché offensive diplomatiche guidate dal Commissario europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale e accompagnate da una delegazione di imprese. Queste iniziative saranno ulteriormente rafforzate da ulteriori 17,2 milioni di € disponibili dai programmi multi-promozione 2019. Ciò rappresenta un ulteriore supporto per formaggi e burro, olio d'oliva e olive da tavola in un mercato globale stimolante.




Commenti

Altri articoli su: ,