Forti piogge e grandine hanno gravemente danneggiato quasi 1,000 acri di ulivi ad Arganda del Rey, un piccolo comune fuori Madrid. Quasi tutti gli alberi danneggiati appartengono a piccoli produttori familiari.

L'Associazione dei giovani agricoltori e allevatori (Asaja) ha dichiarato che la produzione di olio d'oliva è stimata in questo modo inferiore del 90 quest'anno.

Una combinazione di forti venti, forti piogge e grandi pezzi di grandine colpiscono la cittadina, lasciando 998 acri di alberi senza frutti.

“Quando siamo usciti abbiamo avuto più di mezzo metro di grandine. La grandine si muoveva come blocchi di iceberg su strade e sentieri ”, ha detto ad Agropopular Cipriano Guillén, un coltivatore di olive locale e delegato di Asaja Madrid. “Abbiamo visto che c'erano alcune aree che sono state completamente rase al suolo. E tutto questo 48 ore prima di pianificare la campagna olivicola. "

Arganda del Rey non è un grande produttore di olio d'oliva, quindi i dati di produzione complessivi per la Spagna sono in gran parte inalterati.

Il comune si aspettava già un rendimento significativamente più basso, rispetto allo scorso anno, a causa del fatto che molti agricoltori entrano in un periodo di riposo e una mancanza di pioggia in primavera.

"Ora non ci sarà assolutamente quasi nulla", ha detto Guillén.



Altri articoli su: ,