Crescono Consumi, Esportazioni di DOP e IGP italiane

Da un'indagine emerge che le esportazioni e il consumo di oli extravergine di oliva italiani con indicazioni geografiche sono cresciuti costantemente in cinque anni.
Trequanda provincia di Siena (Foto: Consorzio Toscano IGP)
Dicembre 30, 2020
Ylenia Granitto

Notizie recenti

Esportazioni di oli extravergine di oliva italiani con a Denominazione d'origine protetta (DOP o DOP) e Indicatore geografico protetto (IGP o IGP) è aumentato del 55 per cento negli ultimi cinque anni, passando da 40 a 62 milioni di euro.

Anche il consumo annuale di oli a indicazione geografica protetta in Italia è aumentato del 28 per cento, raggiungendo quasi 150 milioni di euro.

Miriamo ad aumentare la produzione di qualità e preservare il nostro grande patrimonio di varietà di olive, che è un fiore all'occhiello per il nostro paese.- Fabrizio Pini, presidente, Italia Olivicola

Questi i risultati di un'analisi condotta dal Consorzio nazionale degli olivicoltori, Italia Olivicola, utilizzando i dati forniti da primari enti del settore oleario e da varie organizzazioni governative.

Vedi anche: L'Europa lancia una banca dati completa di indicazioni geografiche

Dall'indagine è emerso anche che la produzione di DOP e IGP italiane è passata da meno di 10,000 tonnellate nel 2015 a oltre 13,000 tonnellate nel 2020, di cui quasi il 45 per cento viene esportato.

Rappresentando il cinque per cento dei volumi totali di olio extravergine di oliva prodotto in Italia, i maggiori produttori sono Terra di Bari DOP con 5,000 tonnellate all'anno, Toscano IGP con 2,500 tonnellate e Val di Mazara DOP con 1,200 tonnellate.

Ci sono 42 DOP e sette IGP in Italia, tra cui l'Olio di Roma IGP, che è nel processo di riconoscimento. L'Italia rappresenta il 40 per cento delle indicazioni geografiche europee per l'olio extravergine di oliva.

brief-produzione-consumo-export-di-pdos-e-pgis-italiani-keep-grow-olive-oil-times

Oliveti in Toscana

"Miriamo ad aumentare la produzione di qualità e preservare il nostro grande patrimonio di varietà di olive, che è un fiore all'occhiello per il nostro Paese ”, ha detto il presidente di Italia Olivicola, Fabrizio Pini. "Utilizzare gli oli extravergine di oliva italiani DOP e IGP è un'esperienza di gusto unica, grazie alle loro innumerevoli caratteristiche sensoriali tutte da scoprire e abbinare al cibo ”.

Con l'aumento della domanda di indicazioni geografiche, aumentano anche i loro standard di produzione di qualità. Recentemente, il consiglio di amministrazione del Consorzio Toscano IGP ha stabilito che il termine per la molitura del prodotto destinato alla certificazione è il 10 dicembre, quando in precedenza il disciplinare della IGP prevedeva che la data di fine molitura fosse decisa dal consiglio su base annuale , comprese le deroghe per la raccolta tardiva.

"Una scelta che guarda alla responsabilità dei produttori e ad un mercato che cambia, dove i consumatori sono sempre più alla ricerca della qualità ”, ha detto Christian Sbardella, responsabile comunicazione e marketing dell'IGP Toscano. Olive Oil Times. "Sono sempre più consapevoli, avendo la necessità di conoscere e riconoscere l'origine dei prodotti, e le certificazioni DOP e IGP rispondono perfettamente a questo requisito ”.





Related News

Feedback / suggerimenti