`L'oleoturismo diventa legge in Italia

Affari

L'oleoturismo diventa legge in Italia

Gennaio 31, 2020
Ylenia Granitto

Notizie recenti

Oleotourism in Italia sta attirando così tanto interesse da essere stato inserito nel Paese bilancio per il 2020.

Secondo la nuova legge, dal 1 ° gennaio, le disposizioni che regolano il settore enoturistico "sono estesi alle attività di turismo dell'olio d'oliva ”e hanno definito il termine 'oleoturismo "come tutte le attività svolte durante l ' coltivazione dell'olivo, raccolta e produzione di olio processi; la degustazione e la commercializzazione di prodotti a base di olio d'oliva; e tutte le attività intese come attività ricreative e informative in oliveti e oliveti.

L'olio d'oliva non è solo un elemento che connota un territorio, ma diventa una potenziale attrazione turistica alla luce di un crescente interesse, dimostrato dal successo di eventi come la passeggiata attraverso gli ulivi.- Roberta Garibaldi, Università di Bergamo

Gli ultimi dati, presentati in occasione del venticinquesimo anniversario dell'Associazione nazionale delle città dell'olio d'oliva, mostrano un forte potenziale di crescita nel settore.

"Le esperienze a tema sull'olio d'oliva stanno acquisendo rilevanza nel contesto del turismo ”, ha affermato Roberta Garibaldi, professore di gestione del turismo all'Università di Bergamo. "L'olio d'oliva non è solo un elemento che connota un territorio, ma diventa una potenziale attrazione turistica alla luce di un crescente interesse, dimostrato dal successo di eventi come il Passeggiata tra gli ulivi. "

Guarda anche: Notizie sull'oleoturismo

Nel suo rapporto "la valorizzazione turistica dell'olio d'oliva ”, afferma Garibaldi, che i turisti sono interessati a visitare fattorie e acquistare prodotti, nonché a prendere parte attiva alle attività di produzione, con il 61 percento delle persone intervistate desiderose di partecipare alla raccolta delle olive e produrre il proprio extra olio vergine d'oliva.

pubblicità

Il quarantuno per cento degli intervistati da Garibaldi ha anche affermato di essere interessato ad attività artistiche negli uliveti. Nel frattempo, il 64 percento ha dichiarato di essere interessato a conoscere l'azienda e il territorio in cui opera. Un ulteriore 57 percento ha dichiarato di essere interessato a incontrarsi e interagire direttamente con il proprietario.

La degustazione di olio d'oliva è anche un elemento di grande attrazione, con il 79% degli intervistati che afferma che vorrebbero combinare gli oli con il cibo locale. Un altro 69 per cento ha riferito che vorrebbero partecipare a esperienze culinarie immersive negli uliveti.

Un forte apprezzamento è espresso verso frantoi storici e ulivi secolari, con il 70 e il 76 percento degli intervistati, rispettivamente, interessati a visitare i siti e a saperne di più su di essi.

Inoltre, gran parte dei turisti italiani vorrebbe assaggiare diversi tipi di olio extra vergine di oliva e, al ristorante, vorrebbe trovare una lista di olio d'oliva abbinata al menu; su questo, una spiegazione da parte del personale sarebbe benvenuta.

"Questi risultati aumentano la possibilità di costruire offerte più ampie e segmentate in grado di stimolare la curiosità e la partecipazione attiva dei turisti dell'olio d'oliva ", ha detto Garibaldi. "Diventa essenziale formare gli operatori per soddisfare tutti questi aspetti. "





Related News