La riforma dei sistemi alimentari è cruciale nella lotta ai cambiamenti climatici, rileva il rapporto

Nella lotta per impedire che le temperature globali aumentino di oltre 2 ºC (3.6 ºF) al di sopra dei livelli preindustriali, i responsabili politici dovranno concentrarsi sull'adattamento dei loro sistemi alimentari in modo che siano più vegetali e sostenibili, secondo le Nazioni Unite e il mondo. Fondo per la fauna selvatica.
Settembre 8, 2020
Daniel Dawson

Notizie recenti

I responsabili politici globali non hanno preso in considerazione le necessarie riforme del sistema alimentare nella formulazione dei rispettivi piani per aderire all'accordo di Parigi sul clima, un nuovo rapporto dalle Nazioni Unite, ha scoperto il World Wildlife Fund e il Climate Focus.

Secondo il rapporto, il agricoltura, la silvicoltura e i settori di utilizzo del suolo rappresentano fino al 37% di tutti i settori antropogenici (creati dall'uomo) emissioni di gas serra e quasi un quarto delle emissioni totali mondiali.

Vedi anche: Cambiamento climatico

"I sistemi alimentari sono a opportunità di mitigazione trascurata e raramente c'è un'opportunità di mitigazione con così tanti vantaggi sostenibili ", ha affermato Charlotte Streck, co-fondatrice e direttrice di Climate Focus.

Il rapporto identifica sedici modi in cui i responsabili politici possono aumentare la sostenibilità lungo tutta la catena di produzione alimentare.

pubblicità

Affrontare il cambiamento dell'uso del suolo e le emissioni agricole, ridurre la perdita e lo spreco di cibo e il passaggio a diete sostenibili e sane potrebbe costituire il 20% dello sforzo di mitigazione richiesto per mantenere l'aumento della temperatura globale sull'obiettivo di 1.5 ºC (2.7 ºF) entro il 2050.

"Con una revisione sistematica, la produzione alimentare potrebbe essere parte della soluzione ", ha affermato Emma Keller, responsabile del settore alimentare del World Wildlife Fund-UK. "In pratica, questo significa utilizzare metodi di coltivazione che lavorano con la natura, ripristinare terreni degradati o disboscati, spostarsi su altri diete a base vegetale e, soprattutto, non prendere più del necessario ".

Il rapporto raccomandava modi in cui l'agricoltura e l'allevamento esistenti potrebbero essere rese più sostenibili migliorando i sistemi di drenaggio nelle aree soggette a inondazioni, investendo nella produzione di fertilizzanti sintetici e allontanandosi dalla monocoltura.

Anche l'ammodernamento del settore agricolo del trasporto e dello stoccaggio è stato identificato come un modo per ridurre sia le emissioni di gas serra che gli sprechi alimentari nelle fasi successive alla raccolta del sistema alimentare. Secondo il rapporto, le sole riforme dei trasporti e dello stoccaggio potrebbero ridurre le emissioni del XNUMX%.

Sebbene la maggior parte delle riforme fosse rivolta ai partecipanti diretti nel settore agricolo e marittimo, il rapporto si è anche concentrato sul ruolo dei consumatori nel ridurre le emissioni agricole.

Il rapporto ha sottolineato che il passaggio a diete ad alto contenuto di cereali grossolani, frutta, verdura, noci e semi, oltre a limitare l'assunzione di carne a 60 grammi per persona al giorno da soli, potrebbe ridurre le emissioni agricole fino a otto gigatonnellate di carbonio all'anno .

"Eliminare il consumo eccessivo di carne, migliorare le strutture di stoccaggio e ridurre gli sprechi alimentari fa bene alla nostra salute e migliora la sicurezza alimentare ", ha affermato Streck. "Con una lista di controllo ed esempi concreti di attività e obiettivi, questo rapporto fornisce una guida ai responsabili politici per integrare i sistemi alimentari nelle loro strategie nazionali sul clima ".





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti