Domina Zagarella Hotel Sicilia

La seconda edizione del Domina International Olive Oil Contest concluso con l'evento di tre giorni di maggio 7 nello splendido scenario del Domina Zagarella Sicily Hotel, a Palermo.

Crediamo nella qualità e nella difesa della biodiversità, e con questa competizione, cerchiamo anche di proteggere centinaia di varietà minori prodotte da piccoli, medi e grandi produttori.- Antonio G. Lauro, presidente della D-IOOC

La sessione finale del concorso è stata aperta dal suo presidente, Antonio G. Lauro, con Stefania Reggio e David Oddsson. Dopo un omaggio alla memoria di Raul C. Castellani, Lauro ha dato il via libera ai giudici per la valutazione delle voci 347. Venti assaggiatori provenienti da Spagna, Palestina, Italia, Grecia, Croazia, Giappone, Israele, Cina e Turchia hanno analizzato campioni provenienti da paesi 19.

Parlando degli altri numeri del concorso, i membri del panel hanno valutato il profilo di novantanove diversi monovarietali, che comprendevano il 60 percento delle voci.

Un totale di medaglie 195 - 95 Gold e 100 Silver - sono state assegnate alle aziende partecipanti a questa seconda edizione del D ‑ IOOC.

I membri del pannello D ‑ IOOC

L'Italia è salita sul podio con le medaglie 95 (55 Gold e 40 Silver), seguita dalla Spagna con le medaglie 27 (17 Gold, 10 Silver) e la Grecia con le medaglie 18 (5 Gold e 13 Silver), poi la Turchia (3 Gold Medal e 7 Medaglie d'argento) e Argentina (medaglie d'oro 2 e medaglie d'argento 7). Inoltre, i riconoscimenti sono andati in Palestina, Brasile e Sudafrica.

"I produttori sono lieti di aver partecipato a questo concorso" italiano-internazionale ", ha dichiarato il presidente della D-IOOC, Antonio G. Lauro. "Oltre al suo prestigio, hanno apprezzato l'affidabilità delle regole, l'alto livello di assaggiatori e l'indipendenza dei supervisori che provengono da entrambi gli emisferi", ha sottolineato, aggiungendo che il D-IOOC aspira a diventare il concorso più importante nell'area mediterranea.

“Non abbiamo stereotipi sulla produzione mondiale di olio d'oliva. Che sia verde o maturo, da nord o da sud, una varietà rara o diffusa - trattiamo ogni olio extra vergine di oliva con il rispetto che meritano ”, ha osservato Lauro. "Crediamo nella qualità e nella difesa della biodiversità, e con questa competizione, cerchiamo anche di proteggere centinaia di varietà minori prodotte da piccoli, medi e grandi produttori".

Il numero di partecipanti e lo stile della competizione sono stati motivo di soddisfazione, ha affermato Stefania Reggio, amministratore delegato di D ‑ IOOC. "Abbiamo l'obiettivo di fornire ai produttori strumenti utili per promuovere i loro prodotti", ha spiegato. “Abbiamo organizzato varie attività, tra cui un seminario di marketing, e abbiamo partecipato alla fiera alimentare internazionale Tuttofood a Milano, dove i produttori hanno incontrato importatori internazionali. Inoltre, abbiamo molte altre idee per la prossima edizione. ”

Mimì's Donato Conserva alla cerimonia di premiazione

"Questo premio ci ha reso orgogliosi, soprattutto perché la nostra azienda è giovane", ha dichiarato Donato Conserva, che ha vinto il premio internazionale Best Emisfero Nord con Mimì. "Nel nostro secondo anno di attività, questo riconoscimento internazionale ci ha incoraggiato a lavorare di più e meglio". Ha spiegato che è stata una stagione complicata con un calo della quantità e che era necessario molto lavoro nell'oliveto per ottenere un extra di alta qualità olio vergine d'oliva.

"Questo premio è un riconoscimento del nostro impegno a produrre una grande Coratina, una varietà autoctona del nostro territorio, caratterizzata da amarezza e pungenza distintive ma armoniose e alto contenuto di polifenoli", ha dichiarato Conserva.

"È stato importante essere premiati in questo concorso, con l'elevato numero di oli di qualità in competizione", ha osservato Cristina Stribacu. “In Messenia, abbiamo prodotto il Koroneiki monovarietale Liá e siamo ancora più felici per la medaglia d'oro che abbiamo ricevuto, considerando la stagione difficile che abbiamo dovuto affrontare. "

Cristina Stribacu in Messenia

Descrive il loro olio extra vergine di oliva come un fruttato medio, di grande complessità con sentori di banana verde, carciofo, finocchietto selvatico ed erbe aromatiche e amarezza e pungenza equilibrate che ricordano il pepe rosa. "Oltre all'attenzione rivolta alla gestione dell'oliveto, di solito effettuiamo un raccolto precoce per ottenere la massima qualità", ha aggiunto.

Ecco la Top 10 dei premi internazionali e territoriali:


Concorso internazionale di olio d'oliva Domina 2017

Miglior premio internazionale Emisfero Nord 2017
Azienda Agricola Donato Conserva - Mimì Coratina (Italia)

Miglior premio internazionale 2017 Southern Hemisphere
Solfrut Sa - Oliovita Edición Limitada Picual (Argentina)

Miglior emisfero nord monovarietale internazionale 2017
Almaz. De La Subbetica - Rincon De La Subbetica Dop Priego De Cordoba (Spagna)

Migliore emisfero sud monovarietale internazionale 2017
Verde Louro Azeites Ltda - Verde Louro Arbosana (Brasile)

Migliore miscela internazionale 2017 dell'emisfero settentrionale
Muela-Olives Sl - Venta Del Baron Aceite De Oliva Virgen Extra (Spagna)

Migliore miscela internazionale 2017 Southern Hemisphere
Agroland Sa - Colinas De Garzón Olio Novo 2016 (Uruguay)

Miglior emisfero nordico internazionale 2017
Domenica Fiore - Olio Reserva (Italia)

Miglior emisfero nord Dop / Igp 2017 internazionale
Frantoio Franci - Bio Igp Toscano (Italia)

Il meglio della Regione Sicilia 2017
Frantoi Cutrera - Primo Dop (Italia)

Best of South America Special Award Raul C. Castellani 2017
Trilogía - Aceite De Oliva Virgen Extra (Argentina)

Il meglio della Turchia 2017
Zeytindostu İktisadi İşletmesi - Öveçli (Izmir)

Il meglio di Creta 2017
Terra Creta - Biologico Extra Virgin Olio d'oliva (Kolymvari Chania)


Puoi consultare l'elenco completo dei vincitori sul D‑IOOC web­site.



Commenti

Altri articoli su: ,