Un nuovo "marchio greco" per olive e olio d'oliva

Sette aziende in Grecia che producono olive da tavola ed extravergine e olio d'oliva vergine sono state le prime nel paese a mostrare un "marchio greco" sulla loro etichetta, parte di un progetto per distinguere i prodotti greci nei mercati esteri.

Ottobre 16, 2018
Di Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Sette aziende in Grecia che producono olive da tavola e olio extra vergine di oliva e vergine sono state le prime nel paese a esibire un "Greek Mark ”sulla loro etichettatura, parte di un progetto che mira a identificare i vari prodotti della Grecia per distinguerli nei mercati esteri.

Aiuterà i consumatori a discernere facilmente l'olio d'oliva di qualità greca sugli scaffali dei supermercati.- Emmanouil Karpadakis, Terra Creta

La legislazione che ha abilitato il marchio, che ricorda una bandiera greca, per le olive commestibili e l'olio d'oliva è entrata in vigore lo scorso agosto. Contiene i prerequisiti che i prodotti devono soddisfare, richiedendo inizialmente che un processo di produzione verticalmente integrato esista totalmente in Grecia.

Per l'olio d'oliva significa che tutte le fasi della produzione devono avvenire all'interno del Paese: coltivazione della frutta, lavorazione e confezionamento ed esportazione del prodotto finale.

Vedi anche: I migliori oli d'oliva dalla Grecia

Oltre a certificare l'origine dei prodotti, si spera che il marchio fornisca un valore aggiunto per l'industria olivicola greca. 

Il marchio greco è visto come un altro strumento per combattere la falsificazione e l'adulterazione dell'olio d'oliva e aiuta a limitare le quantità di olio d'oliva venduto sfuso nel paese e all'estero.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Vassilis Kokkalis, il vice ministro dell'agricoltura, ha affermato che la strada sicura per i prodotti agricoli greci in un mercato globale altamente competitivo deve essere chiaramente riconosciuta in tutto il mondo utilizzando il simbolo. Ha inviato un invito aperto alle aziende del settore dell'olio d'oliva per soddisfare i requisiti e guadagnare il marchio. 

Due delle aziende a cui è stato assegnato il marchio hanno parlato con Olive Oil Times.

Emmanouil Karpadakis di Terra Creta, uno dei maggiori produttori di Creta, si aspetta che il marchio greco rafforzi il proprio marchio all'estero. "È qualcosa che ci aiuterà a comunicare la qualità dei nostri prodotti sui mercati internazionali ", ha affermato. 

"Aiuterà i consumatori a discernere facilmente l'olio d'oliva di qualità greca sugli scaffali del supermercato da miscele di olio d'oliva di altri paesi e di qualità ambigua ", ha continuato. "Attualmente inviamo i nostri prodotti in 42 mercati in tutto il mondo, ma prevediamo che il marchio attirerà più attenzione nei paesi europei e negli Stati Uniti che in Cina o nei mercati africani ". 

Karpadakis ha affermato che più aziende greche dovrebbero optare per il marchio per aiutarle a distinguersi dalla concorrenza, a condizione che i loro prodotti corrispondano alla qualità che il marchio dichiara di offrire. 

Olico Brokers, una società con sede ad Atene, ha affermato di utilizzare già la bandiera greca sulla confezione dell'olio d'oliva e si aspettano che il marchio rafforzerà ulteriormente la loro presenza nei mercati esteri. "Riteniamo che si dimostrerà utile e darà ancora più credito e riconoscibilità ai nostri prodotti di qualità ", hanno affermato. 

Hanno anche sottolineato che tutti coloro che desiderano vendere olive o olio d'oliva con il marchio sull'etichetta dovrebbero essere consapevoli che ci sono criteri di produzione e qualità rigorosi da soddisfare. 

La concorrenza globale nel settore dell'olio d'oliva e delle olive da tavola è feroce e richiede un alto livello di marchio. Il voto viene assegnato da Elgo-Dimitra, un'organizzazione incaricata di promuovere la ricerca e l'istruzione agricola, e dal laboratorio di stato della chimica generale della Grecia. 

C'è un registro online consentendo a chiunque di cercare prodotti che portano il marchio greco.





Related News

Feedback / suggerimenti