`Un raccolto eccezionale in Tunisia

Africa / Medio Oriente

Un raccolto eccezionale in Tunisia

Novembre 13, 2014
Aldo Pesce

Notizie recenti

Ulivi a Takrouna, in Tunisia

Nessuno, nemmeno gli anziani, può ricordare alberi così pieni di olive.

Mentre la produzione mondiale di olio d'oliva sta vivendo un anno negativo, il raccolto in Tunisia si preannuncia uno dei migliori di sempre. Condizioni climatiche perfette per la produttività hanno aiutato gli ulivi pronti per una stagione da record.
Guarda anche: Copertura completa del raccolto 2014
Già il più grande produttore tra i paesi arabi, quest'anno la Tunisia aspira ad essere il terzo produttore di olio d'oliva al mondo. La produzione di quest'anno dovrebbe essere compresa tra 265,000 e 285,000 tonnellate - più del doppio della produzione dell'anno scorso - secondo il Ministero dell'Agricoltura.

E mentre è un grande guadagno per il settore dell'olio d'oliva tunisino, la raccolta paraurti presenta alcuni problemi.

L'alto costo della manodopera, la mancanza di lavoratori qualificati e il pericolo di rapine sono vere minacce per i produttori. Tuttavia, gli esportatori tunisini cercheranno di prosperare in Europa, approfittando dei cattivi raccolti in una roccaforte di olio d'oliva che non riusciranno a soddisfare la propria domanda interna.

Misure speciali sono state adottate da esperti e autorità locali per le operazioni di raccolta più grandi del normale. Gli agricoltori Sfax hanno iniziato a raccogliere lunedì 9 novembre e i produttori di altre regioni sono stati autorizzati a iniziare prima a causa di una grandinata.

Sono state inoltre prese in considerazione nuove iniziative per commercializzare l'olio d'oliva tunisino per soddisfare l'elevata domanda nel mercato internazionale

pubblicità

Related News