Sfax, capitale della cultura araba, ospita il primo Festival internazionale dell'olio d'oliva

La Camera di Commercio e Industria di Sfax (CCIS) ha organizzato il primo Festival Internazionale dell'Olio di Oliva per collegare gli esportatori di olio d'oliva tunisini con acquirenti e importatori internazionali.

Novembre 28, 2016
Di Julie Al-Zoubi

Notizie recenti

All'inizio di questo mese, la Camera di commercio e industria Sfax (CCIS) ha organizzato il primo Festival internazionale dell'olio d'oliva da collegare Olio d'oliva tunisino esportatori con acquirenti e importatori internazionali. Al festival hanno partecipato gli importatori 115 dei paesi 11, tra cui Russia, Canada, Stati Uniti, Regno Unito, Brasile, Tailandia, Sudafrica, India, Portogallo e Francia. Cento compratori provenivano dalla Cina.

La Russia è un nuovo mercato promettente per l'olio d'oliva tunisino; con una nuova linea di navigazione da Sfax al porto russo di Novorossiysk, rendendo il trasporto più veloce. La nuova linea di navigazione Sfax verso la Russia ha iniziato le operazioni il 2 novembre e sarà operativa ogni due settimane. Gli esportatori tunisini beneficeranno di uno sconto del 33% per il trasporto di prodotti alimentari.

Ridha Fourati, presidente della CCIS, ha sottolineato la buona reputazione dell'olio d'oliva tunisino. Ha detto che l'obiettivo dell'organizzazione era quello di promuovere l'olio d'oliva tunisino attraverso la sua storia unica, varietà e alta qualità. Il festival ha presentato una mostra di prodotti a base di olio d'oliva e ha mostrato diverse fasi della produzione di olio d'oliva dalla raccolta e dalla lavorazione all'imballaggio e all'esportazione.

Omar Béhi, segretario di Stato per la produzione agricola ha toccato l'incoerenza nell'olio d'oliva tunisino. Ha affermato che sono necessari sforzi per migliorare la resa, la qualità e l'imballaggio. Béhi ha parlato dell'impegno del governo tunisino per la rigenerazione degli uliveti e lo sviluppo di raccolti più elevati. Il governo tunisino si è impegnato a piantare 10 milioni di nuovi ulivi.

La raccolta delle olive della Tunisia per la stagione 2016 - 2017 dovrebbe essere inferiore del 20 rispetto alla stagione 2015 - 2016 secondo il Ministero delle risorse agricole, della pesca e delle risorse idriche.

La seconda città più grande della Tunisia, Sfax, è stata nominata Capitale della cultura araba 2016. Sfax è stato nominato da ALECSO (Organizzazione della Lega Araba per l'Educazione, la Cultura e la Scienza) un'organizzazione con sede a Tunisi fondata nel 1970. ALECSO ha 22 stati membri. Sfax è la seconda città tunisina a diventare la capitale della cultura araba. Nel 1997 Tunisi deteneva il titolo.

"La cultura ci unisce e ci unisce ”è il tema scelto da Sfax. Houda Kchaou, uno dei coordinatori dell'evento, ha detto: "L'obiettivo di questo evento è sia simbolico che storico, è anche quello di promuovere il turismo e incoraggiare gli investimenti nel Paese ".

L'evento è iniziato la scorsa estate con il lancio di mongolfiere e una flottiglia di piccole imbarcazioni battenti bandiera dei paesi partecipanti. Alla cerimonia di apertura hanno partecipato delegazioni di 12 paesi arabi. Durante tutto l'anno sono attesi oltre 1,000 ospiti dal mondo arabo a scendere a Sfax per conferenze e incontri. Sfax termina il suo regno come capitale della cultura araba il 17 marzo 2017.

Gli sfaxiani sperano di vedere parte del budget stanziato per gli eventi associati diretti a risolvere il problema dell'inquinamento della città e modernizzare le infrastrutture di Sfax. Sfax è una grande città industriale in cui è sorta una metropoli moderna attorno al tradizionale medina (vecchia città).

Gli organizzatori della manifestazione sono stati accusati di corruzione e sperpero di fondi pubblici. Il comitato esecutivo ha negato fermamente le accuse e si è impegnato a presentare l'intero bilancio e le transazioni finanziarie in una conferenza stampa.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti