`I produttori di olio d'oliva sudafricani cercano riforme - Olive Oil Times

I produttori di olio d'oliva del Sud Africa cercano riforme

Aprile 30, 2013
Omeros Demetriou

Notizie recenti

Un nuovo capitolo della saga dell'olio d'oliva sudafricano sta prendendo forma con diversi importanti sviluppi che promettono importanti riforme per l'industria locale.

Secondo il presidente della SA Olive, Nick Wilkinson, "il nostro problema più grande è l'olio d'oliva adulterato importato che è etichettato fraudolentemente come extra vergine ". Non solo questo petrolio costa meno da produrre, ma in alcuni casi i produttori ricevono un sussidio che ammonta a quanto costa a un agricoltore sudafricano produrre un litro di petrolio.

Secondo gli ultimi dati di SA Olive, solo il 32% dei 7, 5 milioni di litri consumati nel 2012 è stato prodotto localmente. In assenza di regole di lavoro per esporre olio adulterato spacciato come "extra virgin ”e senza parità di condizioni contro le importazioni sovvenzionate nel loro paese di origine, i produttori più piccoli trovano sempre più difficile competere sugli scaffali dei supermercati. "Fornendo ai nostri scaffali prodotti sovvenzionati e, in alcuni casi, etichettati in modo fraudolento, stiamo supportando le aziende straniere a spese dei nostri produttori e dell'economia locali ", ha affermato Wilkinson.

Nel tentativo di proteggere i circa 75 produttori del paese dallo sfondo di importazioni a basso costo, l'industria ha chiesto all'International Trade Administration Commission (ITAC) l'introduzione di un dazio compensativo. Nick Wilkinson ha detto Olive Oil Times la richiesta, presentata lo scorso anno, è ora nelle sue fasi finali. Il dazio, calcolato in base al sussidio minimo pagato agli agricoltori nell'UE, ha lo scopo di collocare i produttori locali su una piattaforma uniforme, con gli importatori e consentire all'industria locale di attingere alla crescente domanda. Mentre l'emisfero australe si prepara per il raccolto di quest'anno, una rapida decisione in merito potrebbe offrire un certo incoraggiamento agli agricoltori locali che devono affrontare la prospettiva di un aumento del costo del lavoro dopo due mesi di scioperi, culminando in un aumento salariale del 52% al giorno il tasso attuale è di 8.90 €).

I prodotti etichettati fraudolentemente come extra vergini potrebbero presto trovarsi in conflitto ai sensi della recente legge sulla protezione dei consumatori (CPA). "L'industria è ottimista sul fatto che tali prodotti verranno rimossi dagli scaffali dei supermercati con buy-in dalle catene di negozi locali per favorire prodotti di produzione locale a prezzi competitivi ", secondo Wilkinson. Si prevede che l'atto introdurrà una maggiore trasparenza quando si tratterà di indicazioni fuorvianti spesso associate alle diverse classificazioni dell'olio d'oliva e nel farlo proteggere i consumatori su tutta la linea dallo sfruttamento di qualsiasi tipo nella catena di approvvigionamento.

Un'area che riceve particolare attenzione è la ristorazione in cui l'olio d'oliva presentato ai consumatori viene spesso sostituito con prodotti di qualità inferiore. In definitiva, i veri vantaggi per l'industria locale dipenderanno dall'applicazione e dall'impegno efficaci dei rivenditori, alcuni dei quali potrebbero valutare i profitti piuttosto che la responsabilità di offrire prodotti di qualità ai consumatori.

Il numero ha ricevuto l'attenzione dei media tanto necessaria a settembre dell'anno scorso con l'arrivo di Tom Mueller che ha viaggiato in Sudafrica per promuovere il suo nuovo libro, Extra Vergine. Oltre all'incontro con diversi produttori e coltivatori locali nel Capo, Mueller è stato l'oratore chiave in una conferenza ospitata da SA Olive. Insieme a Paul Muller, presidente della Extra Virgin Alliance (EVA), l'evento aveva lo scopo di affrontare i problemi di qualità affrontati dall'industria locale. Mueller - un avido sostenitore del restauro di qualità - ha elogiato il lavoro svolto da SA Olive e ha sostenuto la mossa del paese di acquisire l'appartenenza all'EVA come mezzo per differenziarsi dalle diverse categorie di qualità dell'olio d'oliva in competizione sugli scaffali dei supermercati mondiali. Secondo Wilkinson di SA Olive, l'allineamento con l'EVA è attualmente nelle sue fasi finali. La mossa è considerata importante per il Sudafrica che produce principalmente olio extravergine di oliva di alta qualità.

Nel tentativo di perfezionare i parametri di prova e garantire che la qualità dei prodotti sudafricani sia alla pari con le più alte specifiche internazionali, SA Olive in collaborazione con il Department of Trade and Industry (DTI) e il South African Bureau of Standards (SABS) hanno ha intrapreso un processo per adottare lo standard australiano dell'olio d'oliva. Questa convergenza del Nuovo Mondo, che implica test di qualità più rigorosi di quelli attualmente approvati dal Consiglio oleicolo internazionale (CIO), è considerata più adatta per affrontare le sfide uniche affrontate dall'industria locale.

Il consumo di olio d'oliva in Sud Africa è aumentato in media del 20% all'anno negli ultimi otto anni. Se gli agricoltori potessero aspettarsi di guadagnare un prezzo equo per il loro olio extravergine di oliva, attingere alla crescente domanda locale ha il potenziale per stimolare oltre 50,000 nuovi posti di lavoro per l'economia, secondo SA Olive.

Mentre l'industria attende il risultato di varie decisioni, i produttori si rivolgono a mezzi innovativi e pratici per imballare i loro prodotti per distrarre l'attenzione del consumatore dalla pletora di importazioni sugli scaffali dei supermercati. L'educazione dei consumatori si rivelerà inoltre fondamentale per ridurre la dipendenza dalle importazioni e garantire che il mercato locale continui su questo impressionante percorso di crescita.

Al timone di questa causa informare il consumatore sui vantaggi dell'utilizzo di "un vero affare ”, SA Olive porrà l'accento sulla loro certificazione ""Impegno per la conformità" che assicura al consumatore che il contenuto è olio extra vergine di oliva al 100% che è stato testato chimicamente e organoletticamente, senza difetti.

Riferimenti:

Sito Web di SA Olive
L'industria dell'olio d'oliva attende i dazi all'importazione, Farmer's Weekly, 8 marzo 2013
Gli agricoltori emergenti più colpiti dagli scioperi salariali, Farmer's Weekly, 21 gennaio 2013
Virgin Territory, Sunday Food, 14 October 2012
Richiesta di dazio antisovvenzioni per l'olio d'oliva, Financial Mail, 3 settembre 2012

Related News

Feedback / suggerimenti