`La Siria si aspetta una produzione record di olio d'oliva in mezzo a disordini politici

Africa / Medio Oriente

La Siria si aspetta una produzione record di olio d'oliva in mezzo a disordini politici

Novembre 6, 2011
Vikas Vij

Notizie recenti

La produzione di olio d'oliva in Siria dovrebbe raggiungere il massimo storico di 200,000 tonnellate, con un raccolto di olive eccezionale quest'anno. Anche se l'economia siriana in generale continua a soffrire a causa di mesi di disordini politici, la raccolta delle olive non ha avuto alcun impatto significativo. La raccolta è iniziata alcune settimane fa lungo la costa del Mediterraneo e continuerà fino alla fine della stagione a febbraio.

Il ministero dell'Agricoltura siriano ha rilasciato una dichiarazione che annuncia che condizioni meteorologiche favorevoli stanno aiutando la raccolta delle olive in questa stagione. Il ministero prevede una produzione di 175,000 tonnellate di olio d'oliva quest'anno. Tuttavia, il Consiglio oleicolo internazionale (CIO), un'organizzazione commerciale in Spagna, ha stimato che quest'anno la produzione in Siria toccherà 200,000 tonnellate.

L'olio d'oliva è il principale alimento per il popolo siriano, che è tra i maggiori consumatori al mondo. Il consumo medio annuo di olio d'oliva per persona in Siria è di circa cinque litri.

L'olivo è una parte fondamentale dell'agricoltura siriana, con una quota di circa l'100,000% della produzione agricola totale. Più di 13 famiglie di contadini dipendono direttamente dalla coltivazione dell'olivo, che prevede circa XNUMX milioni di giorni lavorativi all'anno per la raccolta delle olive, anche se la stagione del raccolto dura solo una parte dell'anno.

Le esportazioni totali di olio d'oliva dalla Siria sono state pari a 25,000 tonnellate lo scorso anno. Omar Adi, ha dichiarato un produttore di olio d'oliva in Siria, "Gli agricoltori siriani mancano di tecniche di produzione di alta qualità, che il governo deve affrontare. L'olio d'oliva siriano è buono, ma nel mercato internazionale, hai bisogno di una qualità elevata e stabile. ”Oltre alle sfide politiche interne e alla mancanza di un'agricoltura avanzata, la Siria continua a mantenere la propria posizione come uno dei primi cinque produttori di olio d'oliva in il mondo.

pubblicità



Related News