`La Siria dice che produrrà più olio d'oliva quest'anno che mai - Olive Oil Times

La Siria dice che produrrà più olio di oliva quest'anno rispetto a prima

Ottobre 15, 2015
Olive Oil Times STAFF

Notizie recenti

Una furiosa guerra civile durata cinque anni ha causato quasi 11 morti. La maggior parte della popolazione - circa - milioni - ha abbandonato le proprie case. La maggior parte del territorio è sotto il controllo delle insurrezioni rivali. Attacchi aerei di aerei da guerra russi e americani colpiscono la campagna.

Combattere e bombardare spesso rendono insicuro uscire nel frutteto o nel mulino.- Mohammed Hassan Zeno, Zeno Olive Oil

La Siria non sembra proprio un posto dove produrre olio d'oliva ora, eppure secondo le stime ufficiali questo sarà un anno eccezionale per l'olio d'oliva siriano.

Il Consiglio oleicolo internazionale ha dichiarato questa settimana che la Siria prevede una produzione di tonnellate 215,000, più che raddoppiando l'anno precedente e ponendo il paese devastato dalla guerra ben prima della Turchia, della Tunisia e del Marocco in termini di produzione di olio d'oliva. La Siria sarà il quarto produttore mondiale di olio d'oliva.

Uno studio del World Food Programme ha affermato che la guerra ha avuto effetti catastrofici su sistemi e infrastrutture agricoli critici, ha spostato popolazioni di agricoltori, interrotto il commercio e causato danni indicibili all'ecologia. Ma in qualche modo ci sono produttori in grado di continuare, e ancora abbastanza lavoratori per raccogliere le olive.

Hassan Zeno

Mohamad Hassan Zeno, un produttore di Aleppo, ha detto a IBTimes UK che la sicurezza dei suoi lavoratori è un grosso problema: combattimenti e bombardamenti spesso rendono pericoloso uscire nel frutteto o nel mulino.

Zenone ha detto che i suoi camion, pieni di olio d'oliva, vengono dirottati ripetutamente mentre escono dall'area controllata dai curdi, dove la compagnia ha sede in aree detenute da insorti rivali prima di raggiungere il porto di Latakia detenuto dal governo. Ad ogni checkpoint, i suoi autisti sono costretti a pagare tangenti. Ha accreditato i suoi bassi costi per mantenere l'azienda redditizia in mezzo a tutte le battute d'arresto.

Nonostante abbia perso il controllo di oltre l'80% del territorio siriano, il governo di Assad ha cercato di persuadere i siriani a mantenere una vita normale durante la crisi. Proiettare la vita come al solito è visto dal leader combattuto come essenziale per la propria sopravvivenza politica. Questa settimana c'è stata una fiera di articoli sportivi a Damasco e una fiera dell'artigianato a Homs con "attività culturali e artistiche oltre a una mostra di opere fatte a mano e artigianato. "

Un festival culturale che si svolge questo fine settimana a Latakia detto "Siria Stronger ", hanno detto gli organizzatori, "trasmette un messaggio sulla resilienza del popolo siriano e sulla sua determinazione a vivere la vita con tutti i suoi dettagli dolci e amari ".



pubblicità

Related News