`Il rapporto trova i nordamericani affamati di olio d'oliva, spesso fuorviati - Olive Oil Times

Rapporto Trova nordamericani affamati di olio d'oliva, spesso sviati

Gennaio 21, 2011
Tom Baker

Notizie recenti

Un recente rapporto della società di consulenza Datamonitor sulla promozione e il consumo di olio d'oliva e olive da tavola negli Stati Uniti e in Canada, ha osservato che sebbene la domanda dei consumatori di olive da tavola sia diminuita, l'industria dell'olio d'oliva è in una posizione molto forte.



Il rapporto, che è stato commissionato dal Consiglio oleicolo internazionale, ha confermato che l'olio d'oliva ha guadagnato popolarità negli ultimi anni con previsioni per la crescita del valore e del volume che dovrebbero continuare a superare quelle di altri grassi, oli e creme spalmabili fino al 2013. Gli aumenti del valore medio dovrebbero essere del 7.8% con un volume previsione di crescita del 3.9%. Queste cifre si confrontano con una crescita complessiva del settore di solo il 3.7% poiché i consumatori comprendono meglio i benefici per la salute dell'olio d'oliva e sono più disposti a pagare per ottenere tali benefici.

Il consumo di grassi, oli e creme spalmabili sia negli Stati Uniti che in Canada rimane elevato. Complessivamente si stima che in chilogrammi gli americani consumino 30 chilogrammi di grassi, oli e creme spalmabili all'anno, con un consumo medio di 27 chilogrammi canadesi. In termini di apporto calorico, i consumatori statunitensi ricevono il 25% della loro indennità giornaliera da questo settore, rispetto a un'assunzione giornaliera canadese del 17%. L'olio d'oliva è stato riconosciuto come concorrente principalmente per la sua quota nel mercato di condimenti per insalata, marinate, sauté, grigliate, frittura e cottura al forno. In secondo luogo, l'olio d'oliva compete con il burro e altri prodotti da spalmare come condimento sul pane,
pasta e patate, così come per alcune applicazioni in padella.

Sebbene l'attenzione ai grassi trans sia stata positiva per l'immagine e le vendite dell'olio d'oliva, non ha visto la concorrenza sul mercato svanire completamente poiché prodotti come il grasso e la margarina sono stati in grado di adattare le loro formule di conseguenza. Si è visto che altri prodotti si attaccano direttamente ai benefici per la salute dell'olio d'oliva senza fornire.

Ciò è stato particolarmente evidente nelle creme spalmabili, molte delle quali aggiungendo una piccola quantità di olio d'oliva alle loro formule esistenti sono state in grado di creare l'idea nella mente dei consumatori che gli stessi benefici possono essere applicati usando questi prodotti come con l'olio d'oliva stesso. Ciò è tuttavia ampiamente fuorviante poiché molti di questi prodotti incorporano solo una quantità molto piccola di olio d'oliva tra gli altri ingredienti. Il rapporto suggerisce anche che le affermazioni sul miglioramento della salute in quest'area possono risuonare più fortemente con quei consumatori che resistono all'allontanamento dai prodotti e dalle creme con cui hanno acquisito maggiore familiarità. Ha anche affermato che i consumatori potrebbero mostrare riluttanza ad allontanarsi dagli spalmabili a causa della confusione causata dalla diversità all'interno della categoria dell'olio d'oliva.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Inoltre, lo studio ha scoperto che nel tentativo di condividere i benefici per la salute con l'olio d'oliva, questi prodotti creano ulteriore confusione per i consumatori sulla validità delle indicazioni sulla salute e sulla loro importanza relativa. Il risultato è che ai consumatori viene costantemente chiesto di valutare nuove informazioni sui grassi che, se supportate dai principali budget di marketing del marchio, diluiscono i messaggi positivi associati all'olio d'oliva.

Lo studio, commissionato dal Consiglio oleicolo internazionale, ha ricevuto una risposta positiva nel settore. Il 14 gennaioth, mentre partecipava alla riunione di metà anno della North American Olive Oil Association, il direttore esecutivo del CIO Jean-Louis Barjol ha annunciato che a marzo sarebbe stato emesso un invito per una campagna per promuovere l'olio d'oliva e le olive da tavola in Nord America nel 2011 e 2012, a mossa accolta con favore dalla NAOO e per la quale questo studio si rivelerà estremamente utile.



Related News

Feedback / suggerimenti