`L'Andalusia testa la produzione di olio d'oliva per combattere le frodi - Olive Oil Times

L'Andalusia prova la produzione di olio d'oliva per combattere la frode

Giu. 8, 2010
Daniel Williams

Notizie recenti

L'olio extra vergine di oliva spagnolo, reso ampiamente accessibile al pubblico grazie all'imbottigliamento in serie a basso costo, sta destando preoccupazione dalle voci nel settore della produzione petrolifera spagnola. Il governo andaluso, rispondendo a queste preoccupazioni, sta attualmente implementando misure per controllare la possibile esistenza di prodotti di olio d'oliva alterati, adulterati o fraudolenti.

In Andalusia, il Ministero della Salute, per volere dell'Ufficio Generale dei Consumatori, sta attualmente collaborando con il Ministero dell'Agricoltura per condurre una campagna globale per ispezionare la qualità dell'olio d'oliva a disposizione dei consumatori in tutta la regione. L'obiettivo della campagna è valutare la qualità dell'olio d'oliva dei produttori a basso costo, qualcosa che è stato più volte messo in discussione poiché i prezzi continuano a precipitare. Le ispezioni sono già in corso nelle province di Jaén e Córdoba, i due maggiori centri di produzione di olio d'oliva andaluso. Nelle campagne precedenti, solo il 5% dell'olio d'oliva analizzato ha ricevuto una valutazione positiva dagli ispettori.

Durante questo processo, bottiglie di tutte le dimensioni e qualità saranno sottoposte a ispezioni casuali. I campioni vengono analizzati nei laboratori del Ministero dell'Agricoltura e vengono sottoposti a vari test che cercano di verificare le affermazioni fatte dall'etichettatura. Il processo garantisce che le dichiarazioni su queste etichette corrispondano alla qualità effettiva del prodotto all'interno. L'ispezione cerca anche di confermare che il sigillo della bottiglia è rimasto intatto e che l'olio d'oliva è finora intatto. Il laboratorio studia la composizione chimica dell'olio d'oliva, rilevandone l'acidità e il contenuto di acidi grassi tra gli altri fattori, quindi effettua una valutazione finale per verificare se la qualità del prodotto corrisponde alla sua pubblicità. Se un prodotto non supera l'ispezione, l'azienda viene valutata con frode e riceve la sanzione appropriata.

Il 90% di queste indagini esamina prodotti che si pubblicizzano come olio extravergine o olio d'oliva vergine. Gli investigatori sono particolarmente desiderosi di testare i prodotti a base di olio d'oliva venduti sfusi, come quelli che si trovano nei principali negozi di alimentari. Gli ispettori presteranno inoltre molta attenzione ai marchi che hanno dimostrato di aver adulterato prodotti in passato, nonché marchi più piccoli e sconosciuti che hanno venduto olio d'oliva a un prezzo ben al di sotto del prezzo di mercato.

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti