Mentre la raccolta inizia in Croazia, i funzionari forniscono consigli di sicurezza agli agricoltori

Dalle ossa rotte ai morsi velenosi, c'è un sacco di pericoli intrinseci durante la raccolta delle olive. Le lesioni oculari sono tra le più diffuse negli uliveti croati.
Foto: Gregory Lee per Depositphotos
Ottobre 26, 2021
Nedjeljko Jusup

Notizie recenti

Gli olivicoltori in Croazia hanno iniziato la raccolta.

Dal primo ottobre alla fine di novembre dovrebbero essere raccolti i frutti di 5.5 milioni di alberi, che si estendono per più di 500 chilometri lungo la costa adriatica da Savudrija in Istria a Prevlaka nella Dalmazia meridionale.

Le lesioni oculari corneali, con fratture agli arti, sono tra le più frequenti durante la raccolta delle olive.- Vlade Glavota, oculista

La raccolta è una gioia, ma comporta anche molti pericoli, soprattutto dove gli alberi sono alti e il terreno è inaccessibile e roccioso, come lungo la costa del paese e sulle sue numerose isole.

Vedi anche: Produttori in Istria si preparano per un raccolto deludente

Forse nulla racchiudeva i pericoli della raccolta delle olive più di un aneddoto molto raccontato tra gli agricoltori del paese.

Mentre un uomo si preparava per andare a raccogliere le olive, sua moglie gli chiese, "quando mi porti il ​​pranzo?" Lui ha risposto: "Non lo so, ma non mettermi fretta. Forse pranzerò in ospedale».

Questo aneddoto cupamente umoristico è stato raccontato per anni ed è sempre rilevante perché ha un punto d'appoggio nella realtà.

Quando inizia la raccolta, soprattutto in ottobre e anche nel mese di novembre, il numero dei pazienti nei reparti chirurgici solitamente aumenta. Vengono con arti rotti, più spesso braccia e gambe, ma anche altre lesioni.

business-europe-produzione-al-inizio-della-raccolta-in-croazia-funzionari-forniscono-consigli-di-sicurezza-ai-agricoltori-tempi-dell'olio-d'oliva

Foto: Jure Mišković/Cropix

Secondo i media locali, Blaženko Boban, il prefetto della contea di Spalato e Dalmazia, è caduto da un ulivo e si è rotto tre costole durante la raccolta nel suo boschetto.

In un incidente separato, un residente di 68 anni dell'isola di Hvar è stato morso da una vipera, il serpente più velenoso in Croazia, da un ramo mentre raccoglieva olive nella zona di Selce vicino a Bogomolje.

Per fortuna, in ottobre, negli ulivi vivono solo serpenti molto giovani. Tuttavia, anche questi trasmettono una piccola dose di veleno alle loro vittime.

Purtroppo sono stati registrati anche altri casi dalle tragiche conseguenze.

Sulla isola di Brač, un agricoltore di 74 anni di Nerežišće, è morto raccogliendo olive negli oliveti tra Donji Humac e Lećevica. A un certo punto si arrampicò su un mucchio di pietre per raggiungere più facilmente i frutti dai rami più alti, ma improvvisamente cadde, rompendosi la spina dorsale. È morto sul colpo.

L'anno scorso sono state registrate vittime durante la raccolta a Split na Brdi, dove un uomo anziano è caduto da un ulivo ai piedi di una montagna.

Vedi anche: Produttori pluripremiati su "olta Prepare for Modest Harvest"

Mentre molte storie su sfortunati incidenti di ogni tipo abbondano durante la raccolta delle olive, le lesioni più comuni sono agli occhi, secondo il noto oculista di Spalato, Vlade Glavota.

"Le lesioni oculari corneali, con fratture degli arti, sono tra le più comuni durante la raccolta delle olive", ha scritto in un post sul blog pubblicato sul sito Web del suo studio.

Anche il noto olivicoltore Stanko Sikirić, di Bibinje, ha recentemente raccontato la storia di come ha perso l'occhio per il giornalista di Zara, Velimir Brkić.

business-europe-produzione-al-inizio-della-raccolta-in-croazia-funzionari-forniscono-consigli-di-sicurezza-ai-agricoltori-tempi-dell'olio-d'oliva

Foto: Nedjeljko Jusup

Esattamente 11 anni fa in una raccolta di olive, nello stesso luogo in cui lui e tre membri della sua famiglia stavano raccogliendo, una foglia di olivo lo ha pugnalato all'occhio sinistro. Ricorderà questo momento per tutta la vita perché, dopo la puntura, le cose si sono complicate e ha perso un occhio.

"Dopo un centinaio di viaggi a Zagabria per cure ed esami e due trapianti di cornea, sfortunatamente, ho perso l'occhio ", ha detto Stanko, un olivicoltore pluripremiato, che una volta ha anche raccolto una cipolla rossa da 2.5 chilogrammi.

Le lesioni agli occhi sono in realtà le più comuni, anche se non se ne parla spesso. Le foglie dell'olivo sono spesse, compatte ea forma di punta di lancia. La parte superiore della foglia è appuntita, ma di solito l'olivicoltore se ne dimentica nel momento in cui vuole raggiungere l'ultimo frutto dai rami più alti.

Alcune delle possibili complicazioni derivanti dall'essere colpiti negli occhi dalle foglie di olivo sono la cheratite - infiammazione della cornea - e l'ulcera corneale, che sono il risultato di un'infezione secondaria nel sito di un graffio corneale non trattato.

Il trattamento per queste condizioni è difficile ea lungo termine. Anche dopo il trattamento, spesso rimangono cicatrici del tessuto corneale, portando a una diminuzione dell'acuità visiva.

Vedi anche: Polonia e Israele vincono il quarto campionato mondiale di raccolta delle olive a Postira, in Croazia

Gli occhi sono spalancati mentre gli agricoltori raccolgono, quindi le lesioni sono comuni, ha detto Glavota. I più comuni sono i pazienti con una superficie graffiata dell'occhio, la cornea.

"È accompagnato da dolore sgradevole, sensazione di prurito come se qualcosa fosse caduto nell'occhio, aumento della lacrimazione, incapacità di aprire l'occhio, gonfiore delle palpebre e fotofobia o intolleranza alla luce forte", ha detto.

Il trattamento ha successo e il recupero è relativamente rapido, ma richiede frequenti controlli.

"Sfortunatamente, ci sono spesso casi in cui i pazienti non arrivano in tempo e quando le cose si complicano, il che rende il trattamento più difficile, rallenta il recupero e aumenta il rischio di complicanze", ha scritto Glavota nel suo blog.

In casi molto gravi, l'acuità visiva da cheratite non trattata e ulcere corneali può essere così compromessa che l'unica soluzione per migliorare la vista è un trapianto di cornea.

A causa della crescita eccessiva impropria e della scarsa adesione del nuovo epitelio corneale al sito del graffio, sono frequenti le cosiddette erosioni ripetitive o ricorrenti, che causano periodicamente disturbi simili a quelli al momento della lesione.

Glavota raccomanda a chiunque partecipi alla raccolta delle olive di indossare occhiali o occhiali protettivi per gli occhi. I raccoglitori dovrebbero anche indossare berretti, cappelli a tesa rigida, per proteggersi dalle punte delle foglie di olivo.

business-europe-produzione-al-inizio-della-raccolta-in-croazia-funzionari-forniscono-consigli-di-sicurezza-ai-agricoltori-tempi-dell'olio-d'oliva

Foto: Nedjeljko Jusup

Nella raccolta a mano, senza scuotitori, è anche meglio utilizzare scale in alluminio anziché in legno, perché la possibilità di caduta da esse è minore.

Marijan Tomac, agronomo, avverte i raccoglitori di fare attenzione quando si raccolgono gli ultimi frutti dalla cima dell'albero. Raccomanda ai raccoglitori di non strisciare nella chioma o di arrampicarsi da un ramo all'altro.

"Il diavolo toglie la velocità” è un detto dalmata appropriato per le ferite ricevute durante la raccolta delle olive, e saggio da seguire per i produttori.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti