`La Cina potrebbe rivaleggiare con la Spagna come capitale mondiale dell'olio d'oliva? - Olive Oil Times

Potrebbe la Cina rivivere la Spagna come capitale mondiale dell'olio d'oliva?

Gennaio 14, 2013
Julie Butler

Notizie recenti


Una fattoria di ulivi a Kumming in Cina (Foto: Denise Lai)

Il costo del lavoro a basso costo e l'accesso all'acqua, oltre a piani di espansione ambiziosi, potrebbero vedere la Cina minacciare lo status della Spagna come il principale produttore mondiale di olio d'oliva entro un decennio, afferma un importante quotidiano spagnolo.

Sotto il titolo "La Cina inizia a produrre il proprio olio d'oliva ", Il Mondo ha riferito che in pochi anni il gigante asiatico potrebbe avere circa 59 milioni di ulivi in ​​piena produzione - in aumento del 50% rispetto ai suoi attuali 39 milioni distribuiti su 136,000 ettari - corrispondenti alla zona di piantagione di Jaén, la più grande regione produttrice di olio d'oliva a livello globale.

"L'interesse della Cina per la produzione di olio d'oliva si sta materializzando ora in piantagioni così importanti che in un futuro non troppo lontano la sua comparsa nei mercati internazionali potrebbe essere una minaccia commerciale per la leadership della Spagna ", afferma il documento.

"Si stima che in 10-12 anni la Cina possa vantare il dominio mondiale sul mercato dell'olio d'oliva che detiene attualmente la Spagna. "

Il principale vantaggio competitivo della Cina è la manodopera a basso costo, equivalente a circa € 20 ($ 27) a persona al mese. Ha anche il vantaggio fondamentale di un'abbondante acqua per le sue piantagioni sul fianco della montagna - come nelle province di Gansu, Sichuan e Shaanxi - grazie al disgelo del ghiaccio in primavera.

Per alcuni anni, gli agricoltori e gli uomini d'affari cinesi hanno visitato la Spagna per scoprire come produce i suoi prodotti icona, come l'olio d'oliva.

L'abilità della Cina nel reverse engineering si è estesa a un'altra ammiraglia spagnola: il prosciutto crudo. Si dice che un tentativo sventato da parte di due società cinesi di registrare il famoso nome Jabugo in Cina abbia mandato un brivido lungo la schiena della Spagna.

Olio d'oliva e olio di sansa di oliva le importazioni in Cina sono cresciute del 38% nel 2011/12, secondo il Consiglio oleicolo internazionale. La Spagna è stata il principale fornitore, ma ora è alle prese con un raccolto pessimo, cercando di essere ben al di sotto della metà del record della scorsa stagione di 1.6 milioni di tonnellate.

Nel frattempo, quest'ultimo potrebbe essere il guadagno di Marocco, Tunisia e Turchia - si dice che gli imbottigliatori spagnoli e italiani si aspettino di aumentare le loro importazioni da questi paesi per coprire la carenza della Spagna.

I prezzi franco fabbrica sono ancora in aumento in Spagna. Il prezzo medio ponderato per la settimana da 12 a gennaio è stato di € 2.86 / t ($ 3.81 / t), secondo POOLred.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti