`I produttori di olio d'oliva greci lottano in Cina - Olive Oil Times

La lotta per i produttori di olio d'oliva greco in Cina

Marzo 20, 2014
Marissa Tejada

Notizie recenti

Stelios Vytogiannis di Foodrinco è determinato a farlo in Cina.

La Grecia, uno dei principali paesi produttori di olio d'oliva al mondo, cerca nuove opportunità a est. I produttori e distributori di olio d'oliva stanno guardando l'immenso mercato cinese. Tuttavia, stanno scoprendo che i loro prodotti di qualità non sono facili da vendere. Per molti nel settore, i loro sforzi recenti si stanno rivelando deludenti, ma rimangono fiduciosi.

Il potenziale

Vassilia Fragaki, presidente della Cooperativa Sitia, una delle più grandi cooperative di olio d'oliva in Grecia, ha affermato che il potenziale in Cina è allettante.

"Il potenziale di vendita è ottimo. Quindi abbiamo preso la decisione di cui avevamo bisogno per rafforzare i nostri sforzi nel mercato cinese. Finora è stato molto interessante per noi ", ha detto Fragaki.

Fragaki ha aggiunto che gli sforzi negli ultimi anni hanno comportato una preparazione sostanziale che include tutto, dalla traduzione, alla creazione di un piano di marketing strategico all'assunzione di rappresentanti cinesi con sede nelle città target. 

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Di recente, Fragaki si è unito a un viaggio di marketing organizzato dalla conferenza e dal gruppo espositivo greco sull'olio d'oliva, Eleotexnia. Nel novembre 2013, insieme a molti altri produttori greci, il team della Cooperativa Sitia mirava ad ampliare i contatti e presentare i propri oli d'oliva alla Shanghai Food Exhibition. Fragaki ha detto che i risultati devono ancora essere visti, ma lo sforzo è stato fatto "ne vale la pena. "

"Stiamo iniziando a svelare i segreti del mercato. Sento che a questo punto possiamo continuare a fare piccoli passi e entro il prossimo anno possiamo pensare di passare a passi più grandi ".

Cambiando i piani

Nikos Monahoyios di Ergofood Greece non è più così ottimista. Ha partecipato a diverse mostre di cibo cinese dove ha imparato rapidamente che la partecipazione greca e il sostegno al marketing erano bassi. Sentiva di aver trovato una grande opportunità per mostrare il suo marchio greco e gli oli d'oliva greci di qualità. Tuttavia, ammette di essere stato deluso.

Nikos Monahoyios di Ergofood Greece non è così fiducioso sul mercato in Cina per i suoi oli d'oliva greci.

"I cinesi possono avere una classe superiore in crescita interessata a prodotti come il nostro, ma non riescono a trovare la massima qualità. Il loro mercato non è affidabile e non sono ancora abbastanza addestrati per selezionare autentici prodotti di olio d'oliva e vino di alta qualità ".

Monahoyios, che esporta anche vini greci, ha affermato che in Cina vengono acquistati prodotti come gli oli di oliva greci "principalmente per mettersi in mostra tra amici e ottenere uno status sociale ".

"Secondo noi il comportamento di consumo cinese non è abbastanza maturo. Vogliono seguire la cultura e le abitudini dei consumatori occidentali, ma il loro unico criterio nella loro scelta è il prezzo e non la qualità ".

Ha sottolineato che una recente ricerca ha dimostrato che la maggior parte dei vini francesi venduti in Cina non sono effettivamente francesi, ma hanno solo un'etichetta francese. Crede che lo stesso possa accadere con l'olio d'oliva. Monahoyios ha detto che una società cinese ha suggerito di cambiare i numeri anche sui livelli di acidità, anche se, ha detto, non sapevano cosa significassero i numeri.

"Ovviamente abbiamo negato di lavorare con loro ".

Nel frattempo, alle mostre, Monahoyios era entusiasta del fatto che i commercianti cinesi amassero il gusto e la qualità del suo olio d'oliva.

"Stavano dicendo che era il miglior olio d'oliva che avevano assaggiato, ma quando hanno chiesto il prezzo la prima reazione è stata che era troppo costoso. "

Dopo i suoi sforzi, Monahoyios si arrende.

"Onestamente sono così deluso dal mercato cinese dopo tutte queste esperienze negative con il comportamento e la percezione dei consumatori cinesi che posso dire ora che non sto più mirando a questo mercato ".

Monahoyios si concentrerà invece sul mercato statunitense.

"La percezione del consumatore è più avanzata ", ha detto. "Ora posso capire perché c'è un ampio sforzo da parte di diverse aziende greche che cercano di promuovere l'olio d'oliva greco e la sua qualità, soprattutto negli ultimi anni ".

Su e giù

Stelios Vytogiannis di Foodrinco ha introdotto i suoi oli extravergine di oliva greci sul mercato cinese due anni fa. Aveva anche assunto un addetto alle vendite e al marketing cinese locale per promuovere i suoi prodotti.

"La lingua, la differenza di fuso orario e la cultura giocano tutti un ruolo ", ha affermato Vytogiannis. "C'è spazio in Cina, ovviamente, ma è difficile accedervi ". Per descrivere la sua frustrazione ha paragonato i suoi tentativi in ​​Cina a un altro mercato asiatico.

"In Corea, sono stato in grado di spedire prodotti e creare un buon rapporto commerciale abbastanza facilmente in meno di due mesi. La mia esperienza in Cina è stata una battaglia in salita ".

Vytogiannis ha detto che tutto sembrava triste quando il suo socio cinese ha smesso di rispondere alle sue telefonate e alle sue e-mail. La loro relazione d'affari si è conclusa. Quel colpo al suo investimento, dice, non lo ha fermato.

"È il nostro terzo anno di tentativi e abbiamo già investito così tanto, quindi dobbiamo andare avanti. Troveremo qualcuno di nuovo che ci aiuti in Cina. Siamo determinati a ottenere dei risultati ".


Related News

Feedback / suggerimenti