`L'ottimismo abbonda all'incontro della Indian Olive Association - Olive Oil Times

L'ottimismo abbonda a Indian Olive Association Meeting

Gennaio 25, 2012
Olive Oil Times STAFF

Notizie recenti

Kishore Biyani e VN Dalmia del Future Group durante l'incontro annuale della Indian Olive Association a Nuova Delhi, gennaio 13, 2012.

Gli ambasciatori di Spagna, Italia, Portogallo, Siria e Giordania sono stati onorati ospiti alla riunione annuale della Indian Olive Association della scorsa settimana.

L'incontro del venerdì sera in un hotel di Nuova Delhi è stato presieduto dal presidente della Indian Olive Association VN Dalmia e dal suo consiglio esecutivo che comprende i dirigenti delle filiali indiane delle multinazionali Borges, Cargill e Del Monte.

L'oratore principale è stato Kishore Biyani, CEO di Future Group, una società privata che gestisce catene di grandi magazzini discount e magazzini.

Biyani ha detto che la sua compagnia lo farebbe "assumere la guida "nel promuovere l'olio d'oliva per il consumatore indiano. Le sue vendite di olio d'oliva "La catena "Big Bazaar" era destinata a raddoppiare ogni anno, secondo una dichiarazione, e raggiungere una stima di Rs. 100 crore (circa $ 20 milioni) nell'anno 2014.

Dalmia ha riferito che le vendite di olio d'oliva in India crescevano ogni anno a un tasso superiore al 50 percento. Si aspettava che il totale delle importazioni del 2011 raggiungesse le 6,000 tonnellate, rispetto alle 4,000 del 2010.

Si tratta comunque di numeri incredibilmente bassi per gli 1.2 miliardi di persone dell'India che mangiano in media 1/4 di cucchiaio all'anno di olio derivato dalle olive.

La maggior parte delle vendite riguardava l'olio di sansa di oliva, un tipo di olio commestibile estratto chimicamente dalle fosse e dalla pelle rimanenti che non può essere chiamato "olio d'oliva "secondo gli standard internazionali.

La compagnia di Dalmia di recente ha sponsorizzato una sperimentazione clinica condotto dalla Diabetes Foundation of India e dalla National Diabetes, Obesity & Cholesterol Foundation che ha mostrato i benefici per la salute per gli indiani che sono passati alla sansa di oliva o all'olio di canola da altri oli che non avevano un alto contenuto di grassi monoinsaturi.

Ripetendo un punto che è noto per fare, Dalmia ha detto che la maggior parte degli indiani pensava che l'olio d'oliva fosse costoso, ma se si considera che è necessario solo "un terzo di altri oli commestibili e potrebbe essere riutilizzato tre volte "che era, in effetti, un nono del suo prezzo al dettaglio.

Rajneesh Bhasin, vice presidente dell'associazione e capo di Borges India, ha aggiunto che alcuni anni fa la Cina consumava solo poche migliaia di tonnellate di olio d'oliva, proprio come l'India, ma oggi ha consumato circa 30,000 tonnellate e si aspettava che gli indiani seguissero lo stesso schema nei prossimi anni.

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti