`Un esperimento di olio d'oliva in India - Olive Oil Times

Un esperimento di olio d'oliva in India

Giu. 3, 2010
Gita Narrayani

Notizie recenti

L'olio d'oliva è noto per le sue proprietà salutistiche e ampiamente utilizzato per cucinare nei paesi del Mediterraneo. In India, viene utilizzato principalmente in massaggi, trattamenti per il viso e altri trattamenti di bellezza.

L'uso dell'olio d'oliva come mezzo di cottura non è ampiamente diffuso e limitato alla minuscola minoranza delle classi benestanti che possono permettersi il prezzo esorbitante della merce importata. L'India è al quarto posto nel consumo di olio vegetale nel mondo ed è uno dei principali importatori di questo prodotto. Le importazioni di olio commestibile nel paese sono di circa 5.4 milioni di tonnellate, rendendo l'India il terzo delle importazioni totali di olio commestibile nell'economia globale.

Problemi di salute dell'India

La popolarità dell'olio d'oliva è in crescita, anche se confinata di nuovo alla classe media benestante ed è passata da 2300 tonnellate nel 2007 a 4500 tonnellate nel 2008. Entro il 2012, si prevede un aumento a 42,000 tonnellate, che sarebbe alimentato principalmente da la diffusa preoccupazione per le malattie cardiovascolari (CVD) e altri problemi di salute. La CVD è ora la principale causa di morte in India e anche i fattori di rischio sono in aumento. L'India è ora la capitale mondiale del diabete e anche la CVD è destinata a rappresentare un serio problema di salute nel prossimo futuro. Il conteggio di "si prevede che gli individui ipertesi passeranno da 118 milioni nel 2000 a 214 milioni nel 2025. La CVD colpisce precocemente e uccide le persone nella mezza età produttiva. L'Organizzazione Mondiale della Sanità stima che l'India perderebbe 237 miliardi di dollari USA a causa di malattie cardiache, ictus e diabete nei prossimi 7 anni.

L'importanza dell'olio d'oliva

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Queste proiezioni allarmanti rendono il consumo di olio d'oliva ancora più importante e l'attenzione principale dovrebbe essere la disponibilità e il prezzo. Il prezzo elevato dell'olio d'oliva importato lo rende inaccessibile alla maggior parte della popolazione e la coltivazione locale è un modo per abbassare i prezzi a un livello accessibile.

L'olio d'oliva è ricco di grassi monoinsaturi, antiossidanti e vitamina E e si dice che abbia un effetto significativo sul colesterolo. L'uso dell'olio d'oliva come mezzo di cottura può abbassare la pressione sanguigna e prevenire il rischio di attacchi di cuore. Ci sono numerosi altri vantaggi dell'olio d'oliva che lo rendono un'aggiunta vitale in una dieta sana e i problemi di CVD e diabete dell'India possono certamente essere mitigati con questo mezzo di cottura salutare per il cuore.

Coltivazione di olio d'oliva

La coltivazione dell'olio d'oliva si è ora diffusa in molti nuovi posti nel mondo, inclusa l'India. Ora è prevalente in Australia, Croazia e Cile. La Spagna continua ad essere il primo produttore con l'Italia seconda. Con i progressi della tecnologia, la raccolta meccanica e altri dispositivi hanno ridotto la manodopera e l'hanno resa più efficiente in termini di costi.

Rajasthan

In India, il Rajasthan è il luogo del primo esperimento di coltivazione dell'olivo. La società Rajasthan Olive Cultivation Ltd (ROCL) è una collaborazione a 3 vie tra il Rajasthan State Agriculture Board, Plastro Plasson di Pune e Indolive Ltd, tutti con quote uguali. Plastro Plasson Industries (India) Ltd è una joint venture tra Finolex Ltd dell'India e due società israeliane e si occupa di microirrigazione, mentre Indolive è una società israeliana parzialmente finanziata dal governo israeliano, che promuove tecniche in agricoltura.

Lior Weintraub, un portavoce dell'ambasciata israeliana ha detto: "Un progetto come questo, che prevede l'introduzione di una nuova specie di albero in un ambiente scarsamente idrico, fa perno sul sistema di irrigazione utilizzato. Quindi il progetto delle olive riguarda tanto l'irrigazione a goccia quanto la trasformazione del Rajasthan in un importante olivicoltore. Il motivo principale per cui il progetto è stato preso in considerazione per il Rajasthan erano le somiglianze nei problemi climatici e di coltivazione nello stato e in Israele. Tuttavia, ci sono grandi differenze nel suolo e altri fattori che dovranno essere affrontati ".

Un accordo è stato firmato tra Israele e il governo dello stato del Rajasthan nel 2006 e l'accordo è stato finalizzato e un accordo di joint venture è stato firmato nel 2007. Un campo di 30 ettari nel piccolo villaggio di Basbisna a circa 160 km dalla capitale Jaipur, è il luogo per questo esperimento. I test sul campo hanno dimostrato quale varietà potrebbe adattarsi meglio al clima e al suolo di questa regione. Un piano agricolo triennale introdurrà in India molte colture dal Medio Oriente e dal Mediterraneo e si spera che il paese sarà un esportatore di olio d'oliva entro il 3.

Piantine di olive ad alto rendimento di appena un pollice sono state portate da Israele, coltivate fino a un'altezza di 1.5 metri nei vivai e poi trapiantate nei campi qui. Le piante saranno irrigate con la più recente tecnologia di irrigazione a goccia, dove le radici vengono annaffiate direttamente e le sostanze nutritive aggiunte insieme ad esse. Questo metodo consente di risparmiare il 40% di acqua in più rispetto al metodo precedente ed è stata la ragione dell'elevata resa di 2.8 tonnellate di olive per ettaro in Israele, che sperano di duplicare in Rajasthan.

Coinvolgimento di Israele

Oltre agli impianti e all'accordo di joint venture con il governo del Rajasthan, Israele è stato coinvolto in ogni fase dell'interessante esperimento. La tecnologia di irrigazione a goccia e altre tecniche di riciclaggio dell'acqua hanno inaugurato la "rinverdimento della regione desertica del Negev ”, considerato un miracolo agricolo.

Indolive uno degli stakeholder di ROCL è un'azienda che ha coltivato con successo olive nel sud di Israele. Anche due società israeliane, specializzate nella più recente tecnologia di irrigazione a goccia, fanno parte di Plastro Plasson Industries (India) Ltd, che è un altro azionista di ROCL.

Su un investimento iniziale di 60 milioni di rupie (circa 1.3 milioni di dollari) che probabilmente verrà fatto per il progetto, la società israeliana sta contribuendo con 15 milioni di rupie (circa 325,000 dollari), con l'Agricultural Marketing Board che ne investe altri 15 milioni e il restante Rs 30 milioni (US $ 750,000) presi in prestito da banche indiane.

Gideon Peleg è il responsabile tecnico israeliano, che sta supervisionando l'intero progetto pilota e Indolive ha già pre-acquistato il raccolto da coltivare nel progetto.

Il futuro

Il governo del Rajasthan sta cercando di convincere gli agricoltori locali ad interessarsi alla coltivazione dell'olivo. Vengono informati sull'olio d'oliva e sulla sua domanda sia in India che all'estero. Il basso costo e il feedback positivo hanno entusiasmato gli agricoltori della regione. Gli ulivi sono stati piantati in filari distanti 7 metri l'uno dall'altro, per consentire la coltivazione di arachidi nel terreno tra i filari. Ciò aiuterebbe gli agricoltori a iniziare a guadagnare anche prima che gli ulivi inizino a dare frutti. Gli ulivi impiegano 3 anni e mezzo per dare i loro frutti e poi continuano a produrli per più di 500 anni. Gli agricoltori di Basbisna e di altri 6 luoghi in cui è stato avviato il progetto pilota stanno ora aspettando che gli alberi diano frutti, per vedere e vendere le loro prime olive.

Come accennato, le olive sono già state acquistate da un'azienda israeliana, che sta anche installando un impianto di spremitura dell'olio e sta pianificando di vendere l'olio d'oliva all'estero. Tutte le parti interessate si aspettano anche un aumento della domanda interna di olio d'oliva con crescenti problemi di salute. Questa crescita prevista è fonte di grande speranza per gli agricoltori locali laboriosi e per la ROCL.

Ci sono tuttavia diverse sfide da affrontare in questo tentativo alle prime armi di coltivare olive nel suolo indiano. Nel deserto israeliano le temperature raggiungono i 40 gradi Celsius, mentre in Rajasthan possono arrivare fino a 49 gradi. Il caldo torrido è aggravato da venti forti e afosi, che possono bruciare i delicati ulivi e distruggerli. Nelle 7 piantagioni di olivo, tuttavia, sono stati fatti grandi sforzi per proteggere gli alberi dai forti venti. Per gli alberi sono stati costruiti speciali supporti in bambù insieme a sensori per monitorare la salute di ogni pianta. Gli alberi sono stati piantati anche su terreni ondulati, circondati da foreste tropicali e sempreverdi, che garantirebbero un'ulteriore protezione dal caldo e dal vento.

Tutto è pronto per il successo del progetto, secondo Gideon Peleg, il direttore tecnico israeliano.

Related News

Feedback / suggerimenti