`Stai cercando di vendere olio d'oliva in Giappone? Usa bottiglie piccole - Olive Oil Times

Stai cercando di vendere l'olio d'oliva in Giappone? Usa bottiglie piccole

Settembre 17, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

Vendi il tuo olio in piccole bottiglie e sottolinea i benefici per la salute. Questi sono tra i suggerimenti dell'Istituto spagnolo per il commercio estero (ICEX) per le aziende che cercano una fetta del mercato in espansione dell'olio d'oliva in Giappone, la terza economia più grande del mondo.

In un nuovo rapporto, si afferma che nell'ultimo decennio, le importazioni di olio d'oliva del Giappone sono cresciute del 41%, raggiungendo il picco nel 2010 con oltre 41,000 tonnellate e rendendo il paese il numero 14 nel classifica mondiale degli importatori di olio d'oliva. Nel 2011, le sue importazioni di olio d'oliva vergine avevano un valore di 11.3 miliardi di yen (144 milioni di dollari). Eppure l'olio d'oliva rappresenta finora solo il 2% delle vendite di olio vegetale in Giappone.

L'Italia guida il mercato

"Il mercato dell'olio d'oliva in Giappone "afferma che l'Italia ha spianato la strada al consumo di vino e olio d'oliva in Giappone con la sua promozione della cucina italiana. I giapponesi ora associano l'olio d'oliva al cibo e al favore italiani "Made in Italy ”etichette.

Il leader delle vendite in Italia rappresenta la metà del volume totale, la Spagna segue con 40 percento e la Turchia ha rapidamente superato la Grecia raggiungendo il terzo posto.

ICEX afferma che la Spagna e la Turchia competono strettamente sul prezzo - con i rispettivi prezzi all'ingrosso medi per l'olio di oliva vergine di circa 350 e 365 yen per litro in 2011 - mentre l'Italia è la più costosa con 514 yen.

Preferenze dei consumatori in Giappone

I consumatori giapponesi attualmente usano l'olio d'oliva a casa circa una o due volte alla settimana e principalmente per pasta o insalate, sebbene preferiscano l'ampia gamma di condimenti prefabbricati per questi ultimi e gli oli di semi più economici per la frittura.

Sebbene i due terzi dell'olio d'oliva giapponese importato in 2011 fosse vergine, la maggior parte dei consumatori finora non conosce o si preoccupa molto della differenza tra questo e l'olio raffinato.

L'olio d'oliva Riviera dal sapore delicato, un mix di extravergine e olio d'oliva raffinato, è il più popolare lì, riferisce ICEX.

Prezzi e dimensioni delle bottiglie

Dato che non usano olio d'oliva tutti i giorni e le loro cucine sono piccole, i giapponesi preferiscono le bottiglie 250ml.

In genere acquistano il loro olio d'oliva nei supermercati o nei piccoli negozi locali dove i prezzi al dettaglio variano da 300-1800 yen ($ 4 - 23).

"Gli oli d'oliva più economici sono quelli dei giganti alimentari giapponesi che imbottigliano gli oli d'oliva importati con la propria etichetta e beneficiano di economie di scala e canali di distribuzione consolidati. I prezzi di queste bottiglie sono tuttavia di solito superiori a 8 € ($ 10.50) al litro ”afferma ICEX.

Chiave dei benefici per la salute

Credere che sia benefico per la salute è il fondamento della domanda di olio d'oliva in Giappone.

"La più grande possibilità di successo per i cardini dell'olio d'oliva è che "prodotto sano "che può competere direttamente con altri oli e prodotti alimentari sani sul mercato giapponese".

Sebbene difficile da ottenere, la certificazione ufficiale JAS per i prodotti biologici merita di essere perseguita, ICEX consiglia gli esportatori.

Il suo rapporto include un collegamento ai residui chimici massimi consentiti negli alimenti in Giappone e afferma che alle compagnie petrolifere viene spesso chiesto informazioni sui livelli di pesticidi nei loro prodotti.

Sebbene consumati principalmente come cibo, cosmetici e prodotti farmaceutici rappresentano un decimo dell'uso di olio d'oliva in Giappone e la domanda nel segmento della cura della pelle quotidiana è aumentata in modo significativo.

Vendite su Internet in crescita

Il successo nell'ingresso nel mercato giapponese dipende sempre di più dalla scelta del distributore, ma alcuni importatori hanno eliminato l'intermediario e ottenuto il successo con le vendite online, un canale previsto in espansione.

ICEX sollecita aspettative realistiche per tutti gli esportatori: "Nonostante la crescita delle vendite di olio d'oliva, il Giappone dovrebbe essere visto come un mercato a lungo termine perché questo prodotto non farà parte della dieta quotidiana ma tenderà a diventare uno di consumo regolare ".

La Olive Oil Times segnalato in aprile che il Consiglio oleicolo internazionale stava finanziando una campagna in Giappone per il 2012-13 per promuovere il consumo di olio d'oliva e olive da tavola con particolare attenzione ai benefici per la salute, in particolare per quanto riguarda le malattie cardiovascolari, l'invecchiamento e il diabete.



Related News

Feedback / suggerimenti