Crisi ricorrenti di olio d'oliva in Turchia

Con rendimenti e prezzi fluttuanti, l'industria petrolifera inefficiente della Turchia è raramente in grado di competere con i produttori europei nei mercati esteri.

Un uomo vende olive nel mercato di Ayvalik, in Turchia
Settembre 7, 2016
Di Yasemin Orhun
Un uomo vende olive nel mercato di Ayvalik, in Turchia

Notizie recenti

Le esportazioni turche di olio d'oliva sono diminuite da 92,000 tonnellate a solo 7,000 mila tonnellate dalla stagione 2012/2013 a causa dell'aumento dei prezzi e di altri fattori.

Davut Er, il capo dell'Unione degli esportatori di olio d'oliva, ha affermato che la Turchia non può competere sul mercato estero con prezzi che si aggiravano intorno a 14 YTL al litro ($ 4.78), rispetto a 8-9 YTL in Spagna, 6 YTL in Egitto e 9 YTL in Grecia all'inizio di questa stagione.
Vedi anche: I migliori oli d'oliva della Turchia
Dieci delle società esportatrici attive in Turchia hanno lasciato il mercato. In una stagione, le esportazioni sono diminuite dal 83 percento. Davut Er ha affermato che anche se i prezzi dell'olio d'oliva in Turchia sono ora scesi a 11 YTL, i consumi non sono aumentati perché il costo dei prodotti sugli scaffali è superiore a quello che la gente vuole pagare.

A Balikesir, una delle città più importanti coinvolte nella produzione di olio d'oliva in Turchia, centinaia di tonnellate di olio d'oliva rimangono nelle mani dei produttori.

Abbiamo parlato con Ahmet Sucu, il capo di Ozgun Zeytin, la società di olio d'oliva 25 di cui l'olio d'oliva è stato scelto tra i migliori oli 35 da Feinschmecker. Sucu si è lamentato del fatto che i costi di produzione della Turchia sono notevolmente superiori ai costi di produzione esteri, quindi il prezzo dell'olio di oliva turco è di conseguenza più elevato e la Turchia non può competere sul mercato estero.

Sucu ha osservato che i problemi nell'industria dell'olio d'oliva in Turchia non sono un problema recente e si verificano ogni pochi anni. La Turchia può competere efficacemente sui mercati solo quando la resa dei produttori europei diminuisce. Si lamentava anche della mancanza di "una corretta agenda per l'olio d'oliva in Turchia ", che non esiste una produzione stabile di olio d'oliva, con una resa notevolmente diversa ogni anno.

Sucu ha convenuto che i costi di produzione della Turchia sono più elevati a causa della differenza delle condizioni del terreno, delle circostanze della raccolta, del costo del lavoro più elevato e del costo delle macchine per la raccolta. I prezzi elevati incidono anche sul mercato interno della Turchia, poiché i consumatori tendono ad acquistare oli più economici anziché olio d'oliva. Quando quest'anno i prezzi sono stati ridotti, i consumatori erano già passati all'acquisto di prodotti diversi dall'olio d'oliva e la riduzione dei prezzi non era sufficiente per riportare i consumatori passati a utilizzare nuovamente l'olio d'oliva.

In Europa, ha affermato Sucu, agli agricoltori vengono pagati € 1.30 per kg di olio d'oliva che vendono, dove in Turchia questo numero è 0.80 YTL, ovvero circa € 0.24. Ha aggiunto che per migliorare l'industria dell'olio d'oliva in Turchia, i costi di produzione devono essere ridotti, il che può essere fatto solo attraverso l'implementazione di sistemi di agricoltura meccanica.

Ci sono solo 6 o 7 macchine per la raccolta utilizzate nella regione di Ayvalik di Balikesir, che è uno dei più grandi siti di produzione di olio d'oliva in Turchia. Ha intuito che probabilmente non ci sono nemmeno 50 macchine di questo tipo in totale in tutta la Turchia.

I produttori si lamentano anche di prodotti contraffatti e adulterazione nell'industria dell'olio d'oliva poiché il Ministero dell'alimentazione, dell'agricoltura e del bestiame ha annunciato il 1 settembre i nomi di oltre 30 aziende coinvolte in frodi. I produttori si lamentano del fatto che le multe non sono abbastanza disincentivanti: i falsi produttori possono farla franca pagando una mera penale di 9,700 YTL ($ 3,309).

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti