` L'olio d'oliva turco mira all'Asia - Olive Oil Times

L'olio d'oliva turco punta sull'Asia

Marzo 1, 2011
Gita Narrayani

Notizie recenti

L'olivo è uno degli alberi coltivati ​​più antichi del mondo e oggi è apprezzato per le varie proprietà del suo olio che lo rendono uno dei mezzi di cottura più sani. Nonostante i suoi attributi noti, l'uso di olio d'oliva non è così diffuso come dovrebbe essere. Con i suoi 130 milioni di ulivi, la Turchia è il secondo olivicoltore più grande del mondo ed è anche tra i primi cinque paesi nella produzione di olio d'oliva. La Turchia è uno dei paesi produttori che ha intrapreso una campagna di marketing aggressiva nella regione asiatica per la promozione del suo olio d'oliva unico.

Cina

L'Assemblea degli esportatori turchi (TİM) è l'organizzazione ombrello che sta formulando le campagne pubblicitarie per tutti i settori, comprese le olive e l'olio d'oliva. Il presidente del TİM Oğuz Satıcı è stato chiaro a suo avviso che la Cina e l'India sono gli obiettivi prioritari delle campagne pubblicitarie. Le 4 province costiere primarie sono state selezionate tra le 23 province cinesi per l'avvio del progetto pilota.

Con una popolazione di 40 milioni in una sola provincia, quest'area ha un enorme potenziale per la vendita e il consumo di olio d'oliva turco. Sebbene il consumo di olio sia elevato in queste province, la percentuale del consumo di olio d'oliva è estremamente bassa e potrebbe essere considerata un potenziale mercato per l'olio d'oliva turco.

La cucina cinese si trova generalmente ad essere unica nel suo sapore, ingredienti e gusto. Tuttavia, la sua dipendenza dal glutammato monosodico (MSG) e dall'uso eccessivo di olio è considerata malsana. È solo di recente che l'olio d'oliva ha iniziato lentamente a diventare popolare grazie ai suoi benefici per la salute e le importazioni sono aumentate dal 2001 di quasi il 70% ogni anno. Quindi i produttori turchi ritengono che, sebbene il consumo di olio d'oliva sia ora solo una piccola parte del mercato cinese dell'olio commestibile, un'efficace campagna promozionale e una sinergia con la cucina locale potrebbero generare un enorme potenziale.

India

L'India è uno dei mercati emergenti che tutti i paesi produttori stanno osservando nei loro piani promozionali. La Turchia non deve essere lasciata indietro e i produttori ora desiderano vendere il loro olio d'oliva con le proprie etichette, piuttosto che alla rinfusa dove il paese di origine non è etichettato separatamente. Si ritiene che la regione dell'Anatolia sia la dimora originale dell'olivo nei tempi antichi e gli esportatori turchi sono desiderosi di promuovere le proprietà, il gusto e il sapore unici del loro olio d'oliva per il popolo indiano. Il comitato promozionale per l'olio d'oliva e d'oliva ha avviato un progetto di marketing per l'olio d'oliva turco nel paese.

I produttori turchi sono consapevoli che il consumo di olio d'oliva è attualmente una percentuale minuscola del mercato totale dell'olio commestibile nell'enorme mercato. Le ragioni sono duplici; una è la particolarità della variegata cucina indiana e l'altra è il prezzo esorbitante dell'olio d'oliva rispetto agli altri oli. Mehmet Aytek, consigliere commerciale capo dell'ambasciata turca a Nuova Delhi è tuttavia ottimista sulle prospettive future in quanto vi è un tentativo mirato di persuadere il governo a ridurre i dazi all'importazione sull'olio d'oliva e diverse campagne promozionali nel paese.

L'India è un mercato di destinazione attraente con una classe media benestante e una crescente consapevolezza dei problemi di salute. Questi sono i fattori che hanno mantenuto le importazioni di olio d'oliva su una tendenza al rialzo da 1500 tonnellate nel 2006 a 2300 tonnellate in appena un anno. Il presidente della Indian Olive Oil Association VN Dalmia prevede che la domanda toccherà 3000 tonnellate entro il 2011, di cui 2000 tonnellate sarebbero per uso commestibile.

Related News

Feedback / suggerimenti