`Gli investitori cinesi acquistano l'olio d'oliva biologico Kailis australiano - Olive Oil Times

Gli investitori cinesi acquistano l'olio d'oliva biologico australiano Kailis

Ottobre 17, 2012
Charlie Higgins

Notizie recenti

Sei investitori cinesi hanno firmato un accordo da 15 milioni di dollari australiani (15.47 milioni di dollari) per l'acquisto della compagnia di olio d'oliva precedentemente di proprietà di due delle più importanti famiglie imprenditoriali dell'Australia occidentale, i Kailises e i D'Orsognas.

Kailis Organic Olive Groves è stata fondata nel 2001 da Mark Kailis, nipote del patriarca di Kailis George Peter e figlio di Peter Kailis, che ha fondato la catena di fast food Red Rooster nel 1972. 

Nel 2010 l'azienda ha acquistato l'oliveto e gli asset produttivi dell'agrobusiness australiano Great Southern.

Tra gli altri investitori della società c'erano Marco D'Orsogna, comproprietario del produttore italiano di prodotti D'Orsogna, e il banchiere d'investimento di Sydney Christopher Ryan. Peter Kailis possedeva circa il 30 percento, con il restante 10 percento appartenente Mark Kailis e altri membri della famiglia.

Prima del buyout, Oliveti biologici di Kailis aveva vissuto un paio di anni difficili, con perdite di 3.4 milioni di dollari australiani (3.5 milioni di dollari) registrate nel 2009-2010. Al suo apice l'azienda possedeva 3,813 ettari di piantagioni nell'Australia occidentale, vendendo circa l'80% dei suoi prodotti sui mercati interni ed esportando in sette paesi, inclusi gli Stati Uniti.

Indebolito dal basso livello internazionale prezzi dell'olio d'oliva, la società aveva accumulato 18 milioni di dollari di debiti quando è stata consegnata a curatori e amministratori nel novembre 2011. Scott Langdon di KordaMentha, un'azienda australiana nota per il suo lavoro come specialisti in insolvenza e ristrutturazione, ha affermato che l'accordo avrebbe assicurato almeno il posti di lavoro delle circa 100 persone impiegate da Kailis Organic.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

"È stata venduta come un'impresa in funzionamento con tutti i dipendenti trasferiti alla nuova entità ", ha affermato Langdon.  "È un risultato piacevole che il business delle olive biologiche continuerà in tutto il sud-est asiatico con grandi prospettive ".

Secondo L'australiano occidentale, fonti vicine all'accordo Kailis hanno affermato che si tratta di un altro indicatore della crescita della classe benestante in Cina e in altri paesi asiatici, dove più investitori stanno cercando di diversificare la propria ricchezza acquisendo grandi proprietà terriere all'estero.

Secondo l'2013 Beijing International Oil Expo, la Cina è destinata a diventare la più grande mercato dell'olio d'oliva nel mondo. Sebbene il consumo sia ancora limitato alla fascia alta a causa del suo costo, i prezzi più bassi potrebbero portare la Cina a consumare metà dell'olio d'oliva mondiale.



Related News

Feedback / suggerimenti