La siccità, non il fuoco, rimane la rovina dei coltivatori di olive australiani

Gli olivicoltori australiani sono stati per lo più risparmiati dagli incendi che hanno devastato il paese. La siccità persistente, tuttavia, continua a destare preoccupazione.

Gli incendi che imperversano nell'Australia orientale possono essere visti dallo spazio. Foto per gentile concessione dell'Agenzia spaziale europea.
Gennaio 13, 2020
Di Daniel Dawson
Gli incendi che imperversano nell'Australia orientale possono essere visti dallo spazio. Foto per gentile concessione dell'Agenzia spaziale europea.

Notizie recenti

Mentre gli incendi continuano a bruciare su ampie porzioni del sud-est Australia, gli olivicoltori riferiscono che i loro oliveti sono stati in gran parte lasciati integri.

"L'unico danno fisico a un boschetto si è verificato nel sud dell'Australia e non è stato gravemente bruciato ", Greg Seymour, CEO del Associazione delle olive australiane (AOA), ha detto Olive Oil Times. "Sono gli unici che abbiamo avuto notizie di essere stati direttamente bruciati dal fuoco. "

Tuttavia, Seymour ha avvertito che questo rimane un quadro incompleto. Non ha ricevuto risposta da tutti i coltivatori nelle aree colpite e ha sottolineato che gli incendi continuano a bruciare in tutto il paese.

Stiamo entrando proprio nella stagione dei picchi di fuoco e non è prevista pioggia fino a marzo, quindi non è tutto finito ... Gli incendi non si spengono.- Greg Seymour, CEO dell'Australian Olive Association

Al momento della stesura e sulla base delle informazioni attualmente disponibili, sembra improbabile che il raccolto dell'Australia 2020 sia direttamente influenzato dagli incendi. Invece, Seymour sostiene che uno dei sintomi di questi incendi - il siccità lunga e persistente - e alcune ripercussioni impreviste dell'incendio hanno maggiori probabilità di incidere sul raccolto imminente.

"Quello che abbiamo visto è un enorme esodo di insetti e altri animali dalle aree colpite ", ha detto Seymour. "Stanno andando da qualche parte che è verde e sicuro. Abbiamo visto uliveti con livelli piuttosto elevati di parassiti, come il merletto, che normalmente non si verificherebbero a questi tipi di livelli e dobbiamo ancora vedere le ripercussioni di questo tipo di migrazione sugli uliveti. ”

pubblicità

Seymour ha anche avvertito che la stagione dei picchi di fuoco sta per iniziare in Australia, il che significa che gli incendi attivi potrebbero aumentare e che i nuovi incendi inevitabilmente inizieranno.

Vedi anche: Notizie sui cambiamenti climatici

"Stiamo entrando proprio nella stagione dei picchi di fuoco e non è prevista pioggia fino a marzo, quindi non è tutto finito ", ha detto. "Verrà di nuovo non appena il tempo cambia. Gli incendi non si spengono e basta. "

E anche quando gli incendi si spengono, il danno che causano all'agricoltura va ben oltre il danno immediato del fumo e delle piante in fiamme.

"Gli incendi hanno molti punti di impatto sulle imprese orticole ", ha detto Steve Milton, un olivicoltore e presidente del Western Australian Olive Council Olive Oil Times. "Terriccio, terriccio e pacciamature sono gravemente colpiti dalla perdita di microrganismi e dei microbiotici essenziali per la costruzione di un'ecologia del suolo in grado di sostenere le piante. Questo richiede molto tempo per essere costruito o ricostruito e può essere molto costoso. "

Milton ha anche sottolineato che la lotta agli incendi richiede enormi quantità di acqua che di solito proviene da fiumi e dighe locali a spese dell'agricoltura.

"Nel mio caso, la perdita d'acqua dalle mie dighe utilizzata per combattere gli incendi dello scorso anno, seguita da un inverno molto secco, ha portato le mie dighe ad essere gravemente impoverite al punto che non posso permettermi di irrigare il mio bosco quest'anno ”, Egli ha detto. "I miei alberi sono stressati e trovo molti frutti sul terreno. "

"Queste cose avranno un impatto sul prossimo raccolto? ”, Ha chiesto Milton. "Molto probabilmente per me. "

Gli incendi senza precedenti e grandi incendi in Australia sono un sintomo di un problema molto più grande che sta avendo un impatto molto maggiore su olivicoltori e agricoltori di ogni tipo in tutta l'Australia: non piove abbastanza.

"Non c'è stata pioggia. Questo è il problema ”, ha detto Seymour. "Per un sacco di persone, non hanno avuto pioggia o umidità significativa per due stagioni. "

Secondo il Bureau of Meteorology (BOM) in Australia, il 2019 è stato l'anno più caldo e secco in assoluto. Sulla base delle ricerche condotte dalla distinta base, è improbabile che ciò cambi nel prossimo futuro.

L'Australia è attualmente in un dipolo dell'Oceano Indiano positivo molto forte, dove temperature oceaniche più fredde al largo delle coste del continente e temperature più calde al largo delle coste africane portano a venti che soffiano da est a ovest. Questi venti allontanano l'umidità dalla costa australiana e depositano più pioggia nell'Asia meridionale e nell'Africa orientale.

Lo stato attuale del dipolo dell'Oceano Indiano significa che le possibilità di un notevole miglioramento della quantità di precipitazioni stagionali in Australia sono molto basse.

Un dipolo negativo nell'Oceano Indiano provoca il fenomeno opposto, in cui l'Australia riceverebbe più precipitazioni. Tuttavia, i dipoli negativi nell'Oceano Indiano sono considerevolmente più rari di quelli positivi, con solo due importanti che si verificano dal 1992.

Invece, il principale contributo delle precipitazioni in Australia è il fenomeno noto come La Niña, che si svolge nell'Oceano Pacifico. Durante gli eventi di La Niña, temperature più fredde dell'acqua lungo l'equatore fanno soffiare il vento ad ovest e depositano precipitazioni in Australia. Nell'ultimo decennio, ci sono stati tre eventi a La Niña con l'ultimo in arrivo nel 2017 - 18.

Nonostante ciò sfide climatiche, Seymour ha affermato che gli olivicoltori in Australia stanno imparando ad adattarsi. Una combinazione di mutevoli pratiche agronomiche, efficaci pressioni governative e buone pratiche di marketing contribuiranno a garantire un futuro sostenibile per il settore olivicolo del paese.

"Alla nostra conferenza del 2018, abbiamo fatto delle presentazioni su alcune buone ricerche condotte sui tempi di irrigazione, sui volumi, sugli impatti della salinità e sul rinnovamento della struttura degli alberi ", ha affermato Seymour.

Ha citato un esempio di coltivatori che usano anni in cui hanno scarsi raccolti per potare gli alberi e migliorare la salute generale dei loro boschi. Prendersi il tempo per farlo in anni improduttivi aiuta ad aumentare la produttività degli alberi nelle stagioni con più pioggia.

"Le persone stanno sfruttando le opportunità per fare cose che potrebbero non fare sempre ", ha detto Seymour.

Nell'Australia occidentale, dove le fonti idriche sotterranee si stanno rapidamente prosciugando, i produttori stanno anche studiando i periodi più efficaci per irrigare per mantenere sani alberi e suolo.

"Stiamo esaminando attentamente ciò di cui gli ulivi hanno davvero bisogno in determinati suoli ed ecosistemi in modo da poter raccomandare economie idriche che non riducano la produttività ", ha affermato Milton, del Western Olive Olive Council.

L'idea generale è quella di essere in grado di massimizzare la resa delle olive riducendo al minimo gli apporti idrici e quindi i costi di produzione. Mentre l'acqua si asciuga in tutto il continente, il prezzo dell'irrigazione sta rapidamente aumentando.

"Il costo dell'acqua aumenta in modo esponenziale perché c'è una carenza e le colture più redditizie possono pagare di più per questo ”, ha detto Seymour. "Ciò rende difficile per le persone ottenere l'acqua e, quando possono ottenerla, rendere redditizia la coltivazione delle olive ”.

Uno dei compiti dell'AOA è fare pressione sui governi federali e statali in Australia per garantire che i mercati dell'acqua siano più trasparenti e che gli agricoltori possano ottenere prezzi equi.

Seymour e AOA stanno attualmente aspettando i risultati di un audit da parte della Commissione australiana per i titoli e gli investimenti sulla gestione dei mercati idrici. Seymour ha detto che prevede di ottenere i risultati a marzo o aprile del prossimo anno.

"Speriamo che i mercati dell'acqua consentiranno ai coltivatori di ottenere un maggiore accesso e un prezzo più equo dell'acqua ", ha affermato.

In termini di marketing, Seymour ritiene che sia importante continuare propagandare la qualità degli oli di oliva australiani attraverso l'educazione e la sensibilizzazione dei consumatori. Ha affermato che è fondamentale sottolineare che gli oli d'oliva di alta qualità in Australia costano più degli oli di qualità inferiore, ma valgono la differenza di prezzo.

"Una parte molto grande del settore ha una buona acqua per l'irrigazione e francamente quando fa caldo e secco e hai molta acqua, è ottimo per la coltivazione delle olive perché c'è meno malattia da parassiti e massima fotosintesi ”, ha detto Seymour. "I tempi sono difficili, ma il fattore che redime è che otteniamo oli davvero di alta qualità. Questo è l'unico tipo di conforto che possiamo uscire da questa situazione. "





Related News