`Richard Gawel su una lacrima - Olive Oil Times

Richard Gawel su una lacrima

Dicembre 29, 2010
Sarah Schwager

Notizie recenti

australia-e-nuova-zelanda-richard-gawel-on-a-tear-olive-oil-times

Richard Gawel

Il leader del panel e blogger australiano di degustazione di olio extra vergine di oliva Richard Gawel è famoso in tutto il settore per non aver paura di esprimersi. E questo è stato sicuramente il caso di recente parlando Olive Oil Times.

"A volte vado al supermercato e prendo la roba dallo scaffale, le assaggio e penso 'questo è solo spazzatura 'e mi chiedo cosa stiano facendo gli inferi politici di tutto il mondo ", ha detto il dott. Gawel sulla qualità di alcuni cosiddetti EVOO. "Se pensano che questi oli d'oliva siano buoni, hanno le rocce nelle loro teste ".

Probabilmente vedono tutti questi commenti e pensano 'chi è questo ragazzo?'- Richard Gawel

Un fatto poco noto, l'esperto di olio d'oliva in realtà ha iniziato come uno statistico scientifico, progettando prove e analizzando i risultati. Questo spiega senza dubbio la sua ossessione per i dati quando scriveva il suo blog sull'olio d'oliva Slick Extra Virgin.

Ha poi lavorato come docente di vino, prima di essere sfruttato dal Associazione australiana dell'olio d'oliva nel 1997 a capo di un panel di degustazione di olio d'oliva. Ha diretto quel pannello per otto anni prima di decidere di rinunciarvi e iniziare come consulente autonomo per l'olio d'oliva, mentre presiedeva ancora una serie di spettacoli sull'olio d'oliva. Ora lavora nella ricerca sul vino, principalmente con i fenoli del vino bianco, e vive ad Adelaide con sua moglie, due giovani adolescenti, un cane e un gatto che non gli piace.

Niente di tutto ciò ha sottomesso i suoi post sul blog, la sua preferenza nel commentare la disinformazione sull'olio d'oliva che vede su Internet, il suo ruolo nella presidenza di spettacoli sull'olio d'oliva, incluso l'ambito Australian National Olive Oil Show, o il suo Twitter Aggiornamenti su tutte le cose EVOO.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Il dott. Gawel ha affermato che nonostante molte persone passino dall'industria vinicola all'industria dell'olio d'oliva, i due sono molto distinti. "Con il vino, hai così tante varietà diverse e diversi livelli di alcol. Comprendere le complessità di ognuno è il lavoro di una vita ", ha detto. "Con l'olio d'oliva le differenze sono più sottili perché fondamentalmente stai valutando il succo di frutta, ma quando ottieni 50 oli in uno spettacolo e devi capire qual è il migliore che in realtà è piuttosto impegnativo. "

Nato e cresciuto ad Adelaide, è ben lontano dai luoghi tradizionalmente associati alla produzione di esperti di olio d'oliva. "Se chiedessi a qualcuno nel mondo dell'olio d'oliva dove sarebbe il posto più remoto, credo che Adelaide, Melbourne o Hobart, l'Australia si avvicinerebbero molto ", ha detto il dottor Gawel.

E così Internet tende ad essere il suo sbocco nel mondo dell'olio d'oliva. Noto per essere schietto, il dottor Gawel ha detto che sta solo dicendo quello che pensa e quello che la maggior parte delle persone ha troppa paura di dire. Non avere legami commerciali importanti con una particolare azienda olearia aiuta sicuramente.

"Lavoro un po 'per un'azienda o per l'altra qua o là, ma ne ricavo così poco che non venderei l'anima per questo ", ha detto. "Perché dovrei voler fare cazzate per quella somma di denaro? Questa è l'altra cosa buona dell'essere milioni di miglia dal nulla. Probabilmente stanno vedendo tutti questi commenti scritti da me e stanno pensando 'chi è questo ragazzo? Oh, è solo australiano, non preoccuparti, non è nessuno ".

Ma le sue opinioni non verranno certo ignorate.

Un problema su cui il Dr. Gawel è rimasto al top è la qualità degli EVOO europei e l'etichettatura errata. Ha affermato che l'industria in tutto il mondo deve guardare alla qualità dell'olio d'oliva presentato al mercato di massa ed è lieto che le autorità di protezione dei consumatori dell'Andalusia "avuto il coraggio ”di uscire e oli di prova in tutta la Spagna, scoprendo che la metà di loro non erano effettivamente extravergine.

Dr. Gawel crede che Standard statunitensi hanno una lunga strada da percorrere. "Non sono molto diversi dal Standard IOC (International Olive Oil Council), in effetti c'è pochissima differenza. Se leggi davvero le scritte in piccolo, sono confuse come non lo sono mai state, e in effetti, puoi avere un olio d'oliva raffinato miscelato e chiamarlo un numero di cose diverse secondo gli standard attuali. La definizione di un buon insieme di standard è che un olio dovrebbe rientrare in una sola categoria. Non ho visto i nuovi standard australiani, ma spero che siano molto migliori. Ma dovremo aspettare e vedere. "

Il dottor Gawel ha affermato che un cambiamento importante nel settore è il miglioramento continuo della qualità degli oli d'oliva da parte dei grandi produttori che costringono i piccoli produttori artigianali di fascia alta a uscire dal mercato. "In passato, gli oli ad alto volume che si trovano nei supermercati di tutto il mondo erano generalmente di qualità piuttosto bassa. Ma penso che le cose cambieranno molto presto se guardi ai grandi produttori Cile, qui in Australia - Curva limite e simili - e in California. Per la prima volta in assoluto vedremo oli d'oliva davvero sani, freschi e di buona qualità che colpiscono gli scaffali dei supermercati a prezzi da supermercato ".

Molti dei produttori più grandi stanno ora trasformando le olive in oli di qualità non appena sono state raccolte, qualcosa che un piccolo produttore potrebbe solo sognare. Il dottor Gawel ha detto che in questi oli stanno trovando livelli di acidità dei grassi liberi (un indicatore importante della qualità di un olio d'oliva) di 0.1 e 0.15, bassi perossidi e sono freschi e fruttati.

Richard Gawel ha affermato che un problema di cui non si parla ampiamente è la riduzione del consumo di olio extra vergine di oliva e di olio d'oliva in generale, in Europa. "Se si guarda alla Spagna, all'Italia e in particolare alla Grecia, il consumo pro capite è diminuito notevolmente negli ultimi 10 anni. Il CIO non ne parla mai perché in realtà non vuole che nessuno ne parli ".

Ha detto che il consumo annuale pro capite in Grecia è diminuito da qualcosa come 28 a 21 litri negli ultimi 10 anni. "È un sacco di olio d'oliva. Devi fare la domanda 'perché le persone in Europa non mangiano tanto olio d'oliva quanto una volta? In ogni altro paese del mondo - Stati Uniti, Australia, Germania e Gran Bretagna - il consumo è stabile o in aumento "

"In Europa, stanno facendo iniziative promozionali India e Cina, che è grandioso. Se convincete le persone in Cina a mangiare anche una sola goccia di olio d'oliva all'anno, saremmo tutti ricchi, ma è un lungo cammino per farlo ".

Il dottor Gawel sta sicuramente facendo la sua parte per aiutare a mantenere in movimento le industrie del vino e dell'olio d'oliva. Come parte del suo lavoro, assaggia vino quasi ogni giorno e assaggia più di 500 oli d'oliva all'anno. E questo è solo il suo lavoro quotidiano.

A casa, ha detto che uno dei suoi figli ama davvero EVOO e lo mette su tutto, mentre l'altro "non importa di meno ”. "Sono bambini per te ", ha detto.

Nonostante l'enorme numero di oli che hanno toccato il suo palato, il suo appetito per la degustazione di oli di oliva di buona qualità non è diminuito. "Sarebbe bello vedere altri oli europei freschi super-duper che potremmo provare, ma ancora una volta l'Australia è un po 'fuori mano ", ha detto il dottor Gawel.

Ma ha detto che una delle cose migliori dell'industria australiana è la sua capacità di sperimentare e provare nuove miscele con le sue diverse varietà e stili di oli d'oliva, che vanno dagli stili toscani alle varietà spagnole e greche, e con olive verdi, a metà gamma e olive più mature.

"È molto aperto su ciò che costituisce un buon olio d'oliva qui. Alcune delle combinazioni che non troverai in nessun'altra parte del mondo. Riceviamo alcuni oli per cani qui da produttori australiani sugli scaffali dei supermercati, ma penso che la cosa principale sia che il problema non è sistemico. Quello che ho scoperto è che gli oli australiani sugli scaffali dei supermercati australiani sono davvero di buona qualità e abbastanza coerenti, a parte quello strano ".

Tra i suoi vari impegni di olio d'oliva e vino, il dottor Gawel riesce anche a dedicare del tempo ad alcune delle sue altre passioni che spesso si fanno strada nel suo feed di Twitter (@oliveoilguy) come i diritti umani. Come membro di Amnesty International, ha detto che si sente privilegiato a vivere in un paese "dove puoi effettivamente dire quello che pensi e non finire in prigione per questo ”.

Quando ha il tempo di pescare a mosca, scrive anche di questo. "È una cosa abbastanza autoindulgente da fare ", ha detto. Un appassionato giardiniere, i suoi pomodori potrebbero anche ricevere una menzione, principalmente a "schernire "i vicini. "Amo il cricket. I miei amici americani pensano che sia la cosa più divertente del mondo, come chiunque possa sedersi davanti alla televisione per cinque giorni e guardare un'estrazione ", ha detto.

"E ho sempre amato l'AFL (Australian Football League). Sono un forte sostenitore di Melbourne Football Club (conosciuto come I demoni). Sono un appassionato ciclista quando non vengo investito dalle auto, cosa che ho fatto alcune volte e sono stato in ospedale. Penso che i ciclisti abbiano un periodo difficile, non ci prendiamo cura così bene. Ma a parte andare in bicicletta, pescare e guardare il cricket, questa è davvero la mia vita ".

Per quanto riguarda la domenica, curerà il suo giardino, andrà a fare un giro in bicicletta se ha voglia, scriverà il suo blog, avrà alcuni amici in giro per qualche birra e passerà un po 'di tempo con i suoi figli.

"Molte persone pensano che le mie domeniche potrebbero essere sprecate, ma non le ho mai viste sprecate ”, ha detto.
.

Related News

Feedback / suggerimenti