Australia / Nuova Zelanda

La stella australiana non conosce confini

Rob McGavin ha guidato Boundary Bend per conquistare consumatori australiani sempre più istruiti. Con l'espansione della sua azienda nel più grande mercato del mondo, le probabilità di trovare i premiati oli d'oliva della Tenuta Cobram in un negozio vicino a te stanno migliorando ogni giorno.

Il CEO di Boundary Bend, Rob McGavin, ha ricevuto un premio al 2015 New York International Oil Oil Competition (foto NYIOOC)
Giu. 8, 2016
Di Wendy Logan
Il CEO di Boundary Bend, Rob McGavin, ha ricevuto un premio al 2015 New York International Oil Oil Competition (foto NYIOOC)

Notizie recenti

A febbraio, in Australia Revisione finanziaria pubblicato una storia di Mark Abernethy che in soli quattro mesi si rivelerebbe profetica. Nel "Tutti gli oli d'oliva non sono creati uguali ”, Abernethy ha affrontato il dilemma affrontato da un'industria australiana che esplode sulla scena EVOO con prodotti di altissima qualità e una crescente attività di esportazione, ma una sfida nel magnetizzare i suoi consumatori di erba domestica.

Gli australiani lo adorano quando uno dei loro prende il mondo e vince.- Mark Abernethy, Revisione finanziaria

Nella storia, il CEO di Boundary Bend e l'azionista di maggioranza Rob McGavin hanno dichiarato: "È un settore davvero difficile. I coltivatori australiani sono in grado di produrre l'olio extra vergine di oliva di altissimo livello, ma è difficile superare l'etichettatura e la commercializzazione delle importazioni europee. ”Ha osservato che, per fortuna, i marchi Euro sono stati ciò che i consumatori si aspettavano e cercano quando acquistano alti olio di oliva di qualità.

Sebbene Spagna, Italia e Grecia abbiano dominato tradizionalmente il commercio, Abernethy ha visto cambiare la marea. "Il dilemma australiano di vendite interne di altissima qualità ma relativamente basse potrebbe trarre vantaggio. Gli australiani adorano quando uno dei loro prende il mondo e vince ”, ha scritto Abernathy.

Dopo un altro anno di raggio mondiale di migliori riconoscimenti e i risultati dei test hanno nuovamente portato gli oli di oliva Cobram Estate di Boundary Bend ai primi posti della classifica, "il pendolo delle preferenze è salito saldamente a favore dell'Australia ", ha dichiarato la scrittrice Sue Neales in Rassegna commerciale australiana. La sua storia del 6 giugno, "Aussie Grower Boundary Bend Olives Eyes the Big Stage ”ha messo il punto esclamativo sulla previsione di Abernethy. Ad oggi, Boundary Bend Olives è una società da 200 milioni di dollari che fornisce ai suoi connazionali il 65% del mercato in olio extra vergine di oliva di alta qualità.

L'allontanamento dalle importazioni è stato informato da un forte aumento negli ultimi anni dell'istruzione sulla categoria di questo prezioso prodotto. Crescente domanda da parte dei consumatori australiani attenti alla salute di olio extra vergine di oliva fresco e locale, unito ai risultati dei test che hanno continuato a indicare che molti marchi importati che affermavano di essere extra vergini erano adulterati con additivi e tagliati con olio di semi di cotone e di canola di bassa qualità , ha cambiato la situazione. E ora Boundary Bend sta guardando il consumatore americano.

pubblicità

La società ha ampliato la sua operazioni in California negli ultimi due anni, con la sua Cobram Estate EVOO prodotta negli Stati Uniti, già disponibile in 1,000 punti vendita. McGavin ha detto a Neale "In questa fase è solo un piccolo mercato e un investimento per noi - meno del 4 percento delle nostre risorse - ma ha un enorme potenziale se possiamo affermarci come un marchio affidabile e affidabile. La sfiducia nei confronti dei prodotti alimentari negli Stati Uniti e l'ossessione per provata provenienza e qualità è enorme. "

Sebbene sia stato avvicinato dagli investitori cinesi che desiderano acquistare la società, McGavin ha affermato che l'integrità culturale della sua attività viene prima di tutto. "Perché dovremmo vendere a una società estera? Non appena assomigliamo a qualsiasi altra grande azienda di proprietà straniera, penso che ci siamo persi. Non riesco a vedere alcun lato positivo. "


Related News