Il maltempo in vista del raccolto smorza gli alcolici dei produttori italiani di olio d'oliva

Eventi meteorologici estremi, che vanno dalle tempeste di grandine alle inondazioni improvvise, hanno avuto un impatto sugli olivicoltori in tutta Italia. Per molti agricoltori, le speranze di un raccolto promettente sono svanite.
Settembre 14, 2020
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Forti piogge, grandinate e altri eventi meteorologici estremi hanno devastato l'Italia nelle ultime settimane, causando gravi danni agli ulivi, ai vigneti e ad una serie di altre colture.

Nel nord del Paese migliaia di ulivi sono stati danneggiati da forti tempeste. Citando i dati forniti dal Database europeo di condizioni meteorologiche avverse (ESWD), l'associazione italiana degli agricoltori, Coldiretti, ha affermato che il paese ha subito fino a nove tempeste al giorno, con gravi ripercussioni su molte attività agricole in tutto il paese.

(2020) è un anno da dimenticare per l'agricoltura. La (pandemia COVID-19) non è stata sufficiente, abbiamo anche avuto l'impatto devastante degli eventi climatici che in pochi minuti distruggono il duro lavoro degli agricoltori.- Paola Agabiti, Sottosegretario all'Agricoltura, Regione Umbria

Nella sola provincia di Bergamo, quasi 50 ettari (124 acri) di ulivi sono stati danneggiati da forti venti e grossi chicchi di grandine, con molti che hanno perso la maggior parte o tutte le loro drupe.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2020

Coldiretti ha stimato che il maltempo ha colpito più di un terzo degli uliveti della zona. Alcuni agricoltori della regione hanno riferito di aver perso il 90% delle olive sugli alberi colpiti.

"Avevamo grandi speranze per il raccolto in arrivo, ma in pochi minuti la possibilità di riprenderci il cattivo raccolto dell'anno scorso scomparso ", ha detto Andrea Longaretti, capo del settore olivicolo alla Coldiretti Bergamo. "Le olive in questo periodo sono in una fase delicata poiché maturano durante questa stagione, e questo significa che i danni subiti sono irrecuperabili ”.

pubblicità

Più a ovest, nella regione Piemonte, cereali, frutta e verdura hanno subito forti tempeste di grandine per settimane, con i danni peggiori che si sono verificati negli ultimi giorni.

Gli agricoltori di Cuneo hanno perso molti dei raccolti pronti per essere raccolti e le attività agricole in tutta la provincia hanno registrato danni anche alle attrezzature e alle infrastrutture.

Secondo Coldiretti, di conseguenza andrà perso un terzo di tutta la produzione italiana di frutta.

Circa 560 miglia a sud-est, nella regione di Puglia ha registrato acquazzoni record. Lo ha avvertito la filiale locale della Coldiretti "vento, pioggia e allagamenti inarrestabili ”avevano danneggiato numerose colture, tra cui il pomodoro foggiano e il vigneto brindisino.

La Puglia è di gran lunga la più grande regione produttrice di olio d'oliva in Italia e i recenti eventi meteorologici hanno preoccupato i produttori locali. Molti dei boschetti della zona hanno già sofferto di inondazioni e grandinate nel mese di luglio e gli agricoltori temono che all'orizzonte possa esserci ancora maltempo.

Anche le tempeste di grandine sono state problematiche per i produttori di olio d'oliva nella regione centrale di Umbria, danneggiando oliveti, vigneti e anche altre colture.

"Ciò a cui abbiamo assistito durante questa estate è il risultato dell'enorme energia termica accumulata nell'atmosfera durante l'ultimo anno, in cui le temperature sono state più di 1 ºC (1.8 ºF) sopra la media ", ha detto Coldiretti. "È stato uno degli anni più caldi per l'Italia dal 1800 ".

Nonostante gli anormali nubifragi e le inondazioni, il 2020 è stato in realtà un anno piuttosto secco in Italia, con il paese che ha registrato il 33% di precipitazioni in meno rispetto alla media.

"Stiamo assistendo alle conseguenze di cambiamento climatico, con una tendenza verso un clima tropicale, che si manifesta con grandine più grandi, una maggiore frequenza di eventi violenti, piogge brevi e intense e il rapido passaggio dal sole al maltempo ", ha detto l'associazione agricola.

Coldiretti ha stimato che nell'ultimo decennio sono stati arrecati danni per 14 miliardi di euro (16.5 miliardi di dollari) al settore agricolo e alle infrastrutture associate a seguito di inondazioni e smottamenti.

In risposta a questi disastri, Teresa Bellanova, il ministro dell'agricoltura, ha annunciato che esaminerà nuove iniziative e sovvenzioni per agricoltori e organizzazioni agricole che riducono il consumo di suolo, che contribuisce alle inondazioni.

"Il settore agricolo è il più impegnato nella lotta al cambiamento climatico, purtroppo è anche il più colpito ”, ha detto Paola Agabiti, segretaria all'agricoltura della regione umbra. “[Il 2020] è un anno da dimenticare per l'agricoltura. Il [Pandemia di COVID-19] non è stato abbastanza, abbiamo anche avuto l'impatto devastante degli eventi climatici che in pochi minuti distruggono il duro lavoro degli agricoltori ".





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti