`Il Consiglio prevede il secondo anno più grande di sempre per la produzione di olio d'oliva - Olive Oil Times

Il Consiglio predice il secondo più grande anno per la produzione di olio d'oliva

Può. 17, 2011
Julie Butler

Notizie recenti

Quest'anno dovrebbe essere il secondo migliore al mondo per la produzione di olio d'oliva, grazie soprattutto agli aumenti in Algeria, Marocco, Siria e Turchia.

Secondo le previsioni del Consiglio oleicolo internazionale (CIO), la produzione 2010/11 si attesterà a 3.08 milioni di tonnellate - l'UE ne rappresenta il 73% - rispetto a 3.02 milioni di tonnellate nel 2009-10 e vicino al 2003/04 record di 3.17 milioni di tonnellate.

Si prevede che la Spagna peserà con 1.37 milioni di tonnellate - il 45% della produzione mondiale - seguita da Italia (480,000 tonnellate), Grecia (300,000 tonnellate), Portogallo (71,800 tonnellate) e Francia (5,600 tonnellate).

Nella sua newsletter di mercato di aprile, il CIO ha affermato che le principali fonti dell'aumento della produzione di quest'anno sono state la Siria (destinata a raggiungere un massimo storico di tonnellate 180,000), la Turchia (tonnellate 160,000), il Marocco (dove la produzione è destinata a raddoppiare a 150,000 tonnellate) e Algeria (tonnellate 50,000).

La produzione globale di olio d'oliva è aumentata dell'89% negli ultimi 20 anni. Nel 1.45-1990 erano solo 91 milioni di tonnellate.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Importazioni

Nei primi tre mesi del 2010-11 (ottobre-dicembre), le importazioni complessive nell'UE, negli Stati Uniti, in Brasile, Canada, Giappone e Australia sono aumentate del 17% rispetto allo stesso periodo di un anno fa. L'UE, in particolare, ha registrato un forte aumento, il 22%.

Considerate nel corso dei cinque mesi fino a febbraio, le importazioni in Giappone sono diminuite del 6% ma sono aumentate altrove: Australia (+2%), Brasile (+21%) Canada (+16%) e Stati Uniti (+9%).

Prezzi dei produttori

Il CIO ha notato un crescente divario tra i prezzi alla produzione in Italia e quelli pagati in Spagna e Grecia. Rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, i prezzi di EVOO sono inferiori del 5% sia in Grecia (€ 1.94 / kg) che in Spagna (€ 2.01 / kg), mentre in Italia sono aumentati del 44% (€ 3.90 / kg).

"Le ultime settimane hanno visto un forte aumento dei prezzi in Italia, in contrasto con un piccolo calo in Grecia e stabilità in Spagna. Ciò tende a confermare la crescente distanza tra i prezzi pagati ai produttori in Italia e quelli pagati in Spagna e Grecia ”, ha affermato il CIO.



Related News

Feedback / suggerimenti