Il Brasile cerca la propria oliva

Mentre il dibattito ruota attorno al fatto che Maria da Fé sia ​​o meno una specie di oliva unica del Brasile, sia i mulini tradizionali che i macchinari tecnologicamente avanzati hanno contribuito all'aumento della qualità dell'olio d'oliva qui.

Aprile 25, 2017
Di Jun Cola

Notizie recenti

In 2008, gli olivicoltori brasiliani hanno estratto i loro primi litri di olio d'oliva. Quasi un decennio dopo, questi produttori gourmet di EVOO stanno ancora lavorando diligentemente per stabilire una base di clienti.

L'avanguardia brasiliana dell'olio d'oliva ha messo radici in due regioni principali, la Serra da Mantiqueira (Minas Gerais) e lo stato meridionale del Rio Grande do Sul.

Olivas do Sul, Batalha de Ouro de Sant'Ana, Oliq, Cardeal, Prosperatoe da allora sono emersi altri marchi EVOO, che hanno trovato successo nei mercati locali e regionali per la freschezza dei loro prodotti e la conoscenza che l'acquisto locale non solo vanta l'economia ma, soprattutto, riduce la nostra impronta di carbonio.

Ma l'identità fiorente di EVOO in Brasile dipende anche dalla prospettiva della sua terra arabile e dall'impiego del suo terroir per produrre la propria cultivar di olive.

Circa il 70 percento delle olive raccolte in Brasile proviene dalla varietà Arbequina. L'altra percentuale 30 è divisa tra Frantoio, Grappolo, Koroneiki, Picual e una specie peculiare, Maria da Fé, che è stata piantata decenni fa a Serra da Mantiqueira.

pubblicità

Mentre la Company of Farming Research of Minas Gerais (EPAMIG) attesta che Maria da Fé è una varietà di olivo unica in Brasile, alcuni olivicoltori sostengono che le sue caratteristiche sono troppo simili alla sua varietà materna, la portoghese Galega.

Mentre il dibattito ruota attorno al fatto che Maria da Fé sia ​​o meno la brasiliana, Marcelo Scofano, autoproclamato oliveologist e un assaggiatore professionista di olive ha affermato che cinque olive con qualità uniche sono emerse dal terroir nella città di Pelotas (Rio Grande do Sul).

Olive Maria da Fé

"Cinque campioni genetici sono stati inviati a laboratori in Portogallo e in altri paesi del Mediterraneo. Sono preparati per essere dichiarati indigeni, non possedendo un'identità con le varietà originali ", ha detto Scofano, aggiungendo che l'oliva è attualmente in fase di registrazione presso il Ministero dell'agricoltura brasiliano.

Negli ultimi dieci anni, sia i frantoi tradizionali che i macchinari tecnologicamente avanzati hanno contribuito all'aumento della qualità dell'olio d'oliva in Brasile.

Durante il periodo in cui la produzione è salita a circa 53 tonnellate in 2016, tuttavia, è stata la sperimentazione irriverente di piantare olive nei biomi del Brasile che ha suscitato maggiore interesse.

La guava e altri sapori maturi ed erbacei sono stati da allora notati tra i marchi di olio d'oliva brasiliani. Tali aromi distintivi hanno aiutato i produttori EVOO locali a consolidare la loro presenza nei poli locali e regionali nel paese. E nuove edizioni, nate dalla terra e dall'ecosfera a sud dell'equatore, potrebbero essere all'orizzonte.



Related News