`Boom delle importazioni di olio d'oliva dal Brasile, crollo dei prezzi - Olive Oil Times

L'olio d'oliva del Brasile importa boom, crollo dei prezzi

Aprile 10, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

La produzione record di olio d'oliva in Spagna - già a 1.56 milioni di tonnellate entro la fine di febbraio - guida la newsletter del mercato di marzo dell'International Olive Council (IOC).

Citazione di cifre dal Agencia para el Aceite de Oliva (Olive Oil Agency), il CIO sottolinea che questo è ben al di sopra del precedente record di 1.41 milioni di tonnellate nel 2003/04. La raccolta delle olive da tavola, nel frattempo, è scesa del 14 percento rispetto alla scorsa stagione, con solo 519,310 tonnellate finora compensate.

Brasile: Importazioni di olio d'oliva in piena espansione e Virgin Triumphing

Il CIO si è concentrato questo mese sul Brasile, dove lancerà presto una campagna per promuovere le olive e l'olio d'oliva. Il paese ha raggiunto il suo massimo storico per le importazioni di olio d'oliva e di sansa d'oliva nel 2010/11, superando le 65,000 tonnellate e il 21% in più rispetto alla stagione precedente, con una crescita del 78% in cinque anni.

Più del 70% del totale di oliva e olio di sansa importato in Brasile la scorsa stagione era olio di oliva vergine (46,910 tonnellate), il 23% era di qualità di olio d'oliva e il resto era sansa. Il Portogallo è il principale fornitore del Brasile, rappresentando il 55% delle importazioni, seguito dalla Spagna con il 26%, l'Argentina con l'11% e l'Italia con il 6%.


Fonte: IOC

Mercato delle olive da tavola in Brasile: oltre il quaranta per cento di crescita in cinque anni

L'Argentina domina le vendite di olive da tavola in Brasile, fornendo il 75% delle importazioni totali della scorsa stagione di 65,218 tonnellate, seguita dal Perù con il 16% e dall'Unione Europea con il 9%. Le importazioni di olive da tavola brasiliane hanno registrato una crescita del 44% negli ultimi cinque anni, raggiungendo un totale di quasi 87,000 tonnellate la scorsa stagione.

Mercato mondiale: le importazioni cinesi salgono la percentuale 20 ma le importazioni totali diminuiscono della percentuale 1.7

Per i primi quattro mesi della stagione 2011/12 (ottobre-gennaio), le importazioni di olio d'oliva e olio di sansa di oliva sono aumentate del 20% in Cina, del 10% negli Stati Uniti e dell'8% in Brasile, rispetto allo stesso periodo della scorsa stagione , ma in calo del 18% in Canada e del 10% in Australia.

Mentre i dati di gennaio non erano disponibili al momento della stesura, le importazioni in Russia per ottobre-dicembre sono aumentate del 35%. I dati per lo stesso periodo per le importazioni extra-UE e intra-UE mostrano una flessione rispettivamente del 18% e del 3%.

Olive da tavola

Le importazioni di olive da tavola per ottobre-gennaio sono aumentate del 22% in Brasile e del 4% in Canada, ma sono diminuite dell'11% negli Stati Uniti e del 4% in Australia.

I prezzi dei produttori di olio d'oliva si immergono nuovamente in Spagna e in Italia

Dopo una leggera ripresa, i prezzi dell'olio extravergine di oliva sono nuovamente crollati in Spagna e in Italia, ma sono variati poco in Grecia. Rispetto allo stesso periodo di un anno fa, sono in calo del 28% in Italia (2.35 € / kg) del 13% in Spagna (1.75 € / kg) e del 3% in Grecia (1.84 € / kg).

Olio d'oliva raffinato

I prezzi dell'olio raffinato in Spagna e in Italia sono i più bassi delle ultime tre stagioni. Negli ultimi 12 mesi sono diminuiti del 5% in Spagna (1.66 € / kg) e del 7% in Italia (1.77 € / kg). L'olio extravergine di oliva è attualmente solo circa 0.08 € / kg più costoso dell'olio raffinato in Spagna, mentre in Italia costa 0.58 € / kg in più.

[file gview = "https://1.oliveoiltimes.com/library/ioc-march-2012-newsletter.pdf" height = "617"]



Related News

Feedback / suggerimenti