I produttori di olio d'oliva della California affrontano un futuro incerto mentre continua la siccità storica

Mentre alcuni agricoltori rimangono ottimisti sul fatto che la ricerca e la preparazione produrranno un futuro fruttuoso, altri si preoccupano delle minori prospettive dell'irrigazione di superficie.
Camarillo, CA
Agosto 5, 2021
Daniel Dawson

Notizie recenti

California è nel mezzo del suo peggior periodo di siccità dal 2016 ed è improbabile che si interrompa presto.

Secondo un'immissione errata dei dati dal Drought Monitor degli Stati Uniti, circa il 47 percento dello stato è in una siccità eccezionale. Un altro 95% è in una grave siccità e l'intero stato è considerato in una siccità moderata.

Ho bisogno che i nostri sei piccoli laghetti riempiano fino al 100% della capacità per irrigare adeguatamente i frutteti e il paesaggio... Quest'anno ci mancano circa 22 milioni di galloni d'acqua.- Samantha Dorsey, presidente, McEvoy Ranch

Da quando sono iniziate le registrazioni nel 1895, la California ha sperimentato questo livello di siccità eccezionale solo in altre quattro occasioni.

Tra le aree più colpite dalla siccità dello stato ci sono la San Joaquin Valley e la Sacramento Valley, che vantano entrambe alcune delle terre agricole più fertili degli Stati Uniti.

Vedi anche: La famiglia dietro le radici organiche si adatta mentre la siccità in California si rifiuta di rompersi

Istituto di politica pubblica della California stime che circa 216,500 ettari – il 10% – dei terreni agricoli della San Joaquin Valley usciranno dalla produzione nei prossimi due decenni a causa della siccità.

Pochi raccolti rischiano di essere risparmiati. Tuttavia, gli olivicoltori e i produttori di olio potrebbero essere nella posizione migliore per far fronte a una California sempre più calda e secca.

"La California è stata colpita da siccità per 50 anni", Javier Fernandez-Salvador, direttore esecutivo dell'Università della California-Davis Olive Center, Ha detto Olive Oil Times. "Ci sono più anni di siccità di quelli che erano considerati normali. Gli olivicoltori, in generale, si sono preparati abbastanza bene".

"Certo, è impossibile generalizzare", ha aggiunto. "Tutto dipende dalla gestione e da come ognuno sta gestendo le diverse stagioni”.

Da quando ha iniziato il lavoro due mesi fa, Fernandez-Salvador è già andato a visitare alcuni degli stati super-alta densità e boschetti ad altissima densità. Ha detto che i produttori dietro queste operazioni hanno già iniziato ad adattarsi.

"Stanno iniziando a cambiare il loro approccio al modo in cui potano e gestiscono, diventando più tecnici", ha affermato.

Sulla base delle sue discussioni con i produttori finora, Fernandez-Salvador non pensa che questo periodo di siccità avrà un impatto importante sulla situazione dello stato. produzione di olio d'oliva in 2021.

"Non ho sentito parlare di problemi con l'impollinazione o la riduzione della resa quest'anno", ha detto. "Penso che il raccolto sia abbastanza decente. Alcune persone si aspettano di avere ottimi raccolti”.

affari-nord-america-produzione-california-i-produttori-di-olio-d'oliva-affrontano-il-futuro-incerto-come-storico-la-siccità-continua-i-tempi-di-olio-d'oliva

Bacino idrico di San Luis

Secondo i dati della Olive Oil Commission of California, lo stato produrrà circa tre milioni di galloni (13.6 milioni di litri) di olio d'oliva nel 2021, un grande miglioramento rispetto il rendimento dell'anno scorso di 1.9 milioni di galloni (8.6 milioni di litri), ma leggermente inferiore ai 3.6 milioni di galloni (16.4 milioni di litri) prodotti nel 2019.

Tuttavia, la siccità non ha colpito allo stesso modo tutti i coltivatori. Situato su 220 ettari a Petaluma, appena a nord di San Francisco, Samantha Dorsey, presidente di McEvoy Ranch, si aspetta di vedere un rendimento inferiore a quello che si aspettava in precedenza a causa di diversi fattori.

"La stagione di crescita è impegnativa... e ci sono una serie di fattori", ha detto Olive Oil Times. "C'è la siccità, i venti estremamente alti e le alte temperature che si sono concentrate intorno alla fioritura e all'allegagione. Penso che l'allegagione sarà un po' più bassa".

Il produttore della contea di Sonoma ha affermato che i forti venti hanno spazzato i suoi boschi a maggio e giugno, proprio mentre gli alberi stavano sbocciando. In combinazione con le scarse precipitazioni, il vento ha soffiato via molti fiori dagli alberi e ha asciugato il polline in altri fiori, portando all'essiccamento floreale.

"Ne abbiamo avuti molti questa primavera, quindi mentre la fioritura iniziale sembrava davvero buona, quando siamo arrivati ​​all'allegagione, molto meno frutti si erano formati a causa del vento durante la fioritura", ha detto.

Vedi anche: Un quinto dell'Italia a rischio desertificazione, avvertono gli esperti di irrigazione

Come la stragrande maggioranza dei produttori che irrigano in California, Dorsey ha affermato che McEvoy Ranch utilizza l'irrigazione a goccia. Questo aiuta i produttori a utilizzare l'esatta quantità di acqua richiesta dall'albero durante le diverse fasi di sviluppo.

Tuttavia, anche con l'irrigazione a goccia, i produttori che dipendono dall'acqua di superficie per l'irrigazione stanno lottando con la mancanza di precipitazioni durante la scorsa primavera e l'autunno e un manto nevoso molto più basso nella Sierra Nevada.

"Gli agricoltori che stanno irrigando con acqua di pozzo sono meno colpiti quest'anno", ha detto Dorsey. "Potrebbero avere problemi di approvvigionamento a lungo termine che scendono dal luccio poiché le falde acquifere sono sempre più esaurite”.

"Considerando che i coltivatori come noi dipendono completamente dal nostro deflusso idrico superficiale, il nostro accesso annuale all'acqua è variabile", ha aggiunto. "Ma da una prospettiva a lungo termine, non dipendo da alcuna falda acquifera per l'irrigazione”.

Per contestualizzare, Dorsey ha detto di avere sei stagni sparsi per la fattoria che immagazzinano acqua per l'irrigazione dei suoi alberi e viti.

affari-nord-america-produzione-california-i-produttori-di-olio-d'oliva-affrontano-il-futuro-incerto-come-storico-la-siccità-continua-i-tempi-di-olio-d'oliva

Un laghetto di irrigazione su McEvoy Ranch. Foto: Samantha Dorsey

"Ho bisogno che i nostri sei piccoli laghetti riempiano fino al 100% della capacità per irrigare adeguatamente i frutteti e il paesaggio", ha detto. "Il nostro massimo quest'anno è stato di circa il 33%. Quest'anno ci mancano circa 22 milioni di galloni (100 milioni di litri) d'acqua”.

Tornato a Davis, Fernandez-Salvador ha affermato che uno dei principali progetti su cui sta lavorando con l'Olive Center è come migliorare l'irrigazione. Il centro ha recentemente assunto un nuovo specialista dell'irrigazione per ricercare l'ottimizzazione, l'evapotraspirazione e la riduzione dell'acqua per gli oliveti, tra le altre colture.

"C'è una sovvenzione che l'università ha ricevuto per esaminare specificamente l'ottimizzazione dell'acqua nelle olive ", ha affermato Fernandez-Salvador. "Questo è fantastico. Stiamo già lavorando per determinare quali saranno gli standard per la nuova normalità, che saranno clima più caldo, primavere ed estati più secche e autunni ancora più caldi".

"Il vantaggio è che stiamo lavorando con un raccolto che perdona molto", ha concluso. "Le olive possono resistere a condizioni avverse e penso che una volta che avremo i dati e potremo iniziare a dare buoni consigli ai coltivatori, saremo in grado di affrontare la siccità e ridurre la disponibilità di acqua meglio di altre colture".


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti