Cile in pista per sorpassare la crescita percentuale 19 nella produzione di olio d'oliva

Progettato per superare le tonnellate di 22,000 di produzione di olio d'oliva in 2016, il Cile ha superato condizioni climatiche avverse con una sapiente combinazione di efficienza e una forte attenzione alla qualità.

Dicembre 5, 2016
Di Sarah Chambers

Notizie recenti

Riprendendosi da un periodo di siccità, il Cile ha costantemente aumentato la produzione, l'esportazione e persino il consumo di olio d'oliva nel mercato locale. La produzione è passata da 19,000 tonnellate prodotte nel 2015 a circa 22,000 tonnellate nel 2016.

Assistito dalle condizioni di mercato in Europa e dalla diminuzione della produzione di prodotti in Spagna, il Cile ha continuato ad aumentare la sua presenza sul mercato, esportando all'estero il 76% di tutto l'olio d'oliva prodotto, con una rappresentanza totale del mercato globale dello 0.8% a partire dal 2015.
Vedi anche: Copertura completa della raccolta delle olive 2016
Gabriela Moglia, direttore generale di Chile Oliva in un'intervista a mercurio, ha confermato questa prospettiva affermando che "negli ultimi 10 anni, l'aumento della produzione in Cile è stato esplosivo, oltre il 900 percento, attraverso l'espansione delle piantagioni di ulivi ".

La traiettoria positiva del Cile dal 2011 può essere collegata ai progressi nell'irrigazione e nell'efficienza del suolo. Nel 'La sezione Aceite de Oliva Special Farm Edition di El Mercurio, America Latina, è descritta come appartenente alla categoria di "sistemi di semina e raccolta intensi o super intensi.

Utilizzando i dati dell'ODEPA, El Mercurio ha citato i rendimenti in Cile di "Da 12 a 13 tonnellate prodotte per ettaro, in contrasto con solo 6.5 tonnellate / ha prodotte (in media) in Europa ", dall'uso dell'irrigazione specializzata.

Moglia da ChileOliva, ha confermato questo ulteriore affermando che "uno dei principali vantaggi competitivi della regione è stata la sua elevata resa per ettaro ottenuta dai produttori che lavorano con la fertilizzazione e la gestione delle colture ". Moglia ha confrontato i 1,800 - 1,900 litri / ha prodotti per ettaro in Cile con i 700 litri / ha in Spagna - un esempio chiave, ha detto, dei risultati dell'irrigazione controllata rispetto all'irrigazione temporale.

Anche a livello di vendita al dettaglio in Cile, i cambiamenti sono stati notevoli. Fernando González, manager locale di Jumbo, una delle principali catene di supermercati del paese, ha detto ai giornalisti di Reportajes 24horas che, "il boom del consumo di olio d'oliva (in Cile) è iniziato circa cinque anni fa ... e oggi ci sono più di 30 marchi presenti nel negozio ”.

Anche se l'olio d'oliva è prontamente disponibile in Argentina, Italia, Spagna e Stati Uniti, González ha concluso che il mercato cileno continua a preferire le varietà domestiche, note per la loro eccellente qualità e lodate come alternativa locale ad altri oli.

L'aumento del consumo può anche essere collegato a un calo complessivo dei prezzi dell'olio d'oliva in Cile per tonnellata metrica dal 2001 al 2010, citato a $ 3,013.48 nel settembre 2011, un calo del 23% dal 2008 ($ 3,914.53) e un calo del 47% dal settembre 2005, secondo ai dati di FAOSTAT e all'analisi di El Mercurio.

Quindi cosa possiamo aspettarci dal Cile in futuro?

La differenziazione del mercato, l'enfasi sulla qualità e il consolidamento del mercato tra i consumatori nei paesi emergenti Latam, Stati Uniti e Cina sono solo alcune delle numerose priorità che produttori ed esportatori hanno nella loro lista per sfruttare al massimo gli attuali vantaggi del mercato.

I produttori cileni hanno rappresentato le voci di 15 al Concorso internazionale di olio d'oliva 2016 di New York, dove anche uno dei leader della giuria, Carola Dummer Medina, è cileno. Due marchi, Olave e Kilkai ha conseguito i Gold Awards.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti