`Cioloș On Europe's Olive Oil Backflip - Olive Oil Times

Ciolo su Backflip all'olio d'oliva in Europa

Può. 24, 2013
Julie Butler

Notizie recenti

Tra proteste pubbliche e politiche contro la mossa, il commissario europeo per l'agricoltura Dacian Cioloș ieri ha congelato il suo piano di vietare le bottiglie di olio d'oliva riutilizzabili dai tavoli dei ristoranti. Invece, si è impegnato a coinvolgersi direttamente nei nuovi colloqui sulla protezione dei consumatori dalle frodi sull'olio d'oliva.

Di seguito sono riportati degli estratti dall'annuncio di ieri, in cui Cioloș ha spiegato le sue motivazioni per la misura e la visione per il futuro del settore.

Perché l'inversione di tendenza?

Da venerdì scorso, ed è per questo che vi parlo oggi, sono state adottate una serie di posizioni piuttosto forti contro questa proposta di regolamento, in particolare dai paesi consumatori.

Si tratta di una misura che ha lo scopo di aiutare i consumatori, informarli adeguatamente e fare in modo che non siano fuorvianti ma non può attirare, al momento, un ampio sostegno dei consumatori e questo è fondamentale a mio avviso. E così ho deciso di ritirare questa proposta.

Cosa succederà adesso?

Intendo nei prossimi giorni tenere incontri con rappresentanti dei consumatori, rappresentanti di ristoranti e anche produttori, per vedere come possiamo raggiungere meglio questi obiettivi e trovare gli strumenti migliori che sarebbero accettabili in senso lato e non creare burocrazia o dubbi sulla obiettivo sottostante.

Volevo venire qui oggi per renderti molto chiaro, per dimostrare che sono stato molto vivo con l'attuale dibattito sulla stampa.

... Insieme ai ristoranti troveremo il modo migliore per fornire migliori informazioni ai consumatori su ciò che stanno mangiando ed evitare qualsiasi imbroglio.

Se c'è davvero un problema, perché ritiri il piano?

Ho concluso, in seguito al dibattito sulla stampa di questi ultimi giorni, che forse il nostro sforzo e quello del settore non sono stati sufficienti (riguardo alla) discussione con gli Stati membri dei consumatori.

… Per me ha lo stesso livello di importanza ciò che gli Stati membri consumatori pensano del futuro del settore dell'olio d'oliva (come) di quelli produttori.

Non è una questione politica oltre che consumistica, con i paesi del sud a favore e quelli del nord contrari?

Qui lavoriamo con argomenti molto tecnici nell'interesse di tutti i consumatori nell'Unione Europea ... per discutere e definire insieme il modo migliore e non per forzare una decisione perché alcuni stati membri sono favorevoli e altri sono contrari.

Se la maggior parte delle frodi avviene prima dell'imbottigliamento, qual era la logica alla base di tale legge?

Fin dall'inizio il mio obiettivo, e anche guardare alla sopravvivenza economica del settore dell'olio d'oliva, era quello di migliorare la qualità, non in modo artificiale di sostenere la produzione di olio d'oliva se non è riconosciuta e accettata dal consumatore.

Ora abbiamo alcuni casi in alcuni ristoranti in cui troverai una bottiglia etichettata con un certo tipo di olio d'oliva, ma una volta che la bottiglia è vuota, viene rabboccata con altro olio. Ha ancora la stessa etichetta ma non c'è modo di essere sicuri che quello che viene messo nella bottiglia sia effettivamente quel tipo di olio d'oliva.

Quindi, per evitare questo tipo di situazione, abbiamo avuto questa idea. Per prima cosa assicurarsi che il cliente non sia frodato.

... Ma è anche per stimolare i produttori a fare uno sforzo per etichettare i loro oli e concentrarsi sulla produzione di oli di qualità e non solo di bassa o media qualità a basso prezzo.

Vogliamo la diversità sul mercato europeo ma vogliamo che i produttori siano in grado di vivere dal prezzo del loro prodotto e in questo caso il consumatore deve essere sicuro di ottenere ciò per cui sta realmente pagando. E quello era il principio originale dietro la nostra proposta e non una lobby particolare che ci spingesse.

Perché non trattare il vino e altri prodotti allo stesso modo o lasciare ai consumatori la scelta in quali ristoranti andare?

Quello che stavamo guardando prima di tutto erano gli anelli della catena in cui c'è il rischio di frode o qualche sorta di imbroglio e abbiamo caratteristiche per la qualità dell'olio. In passato non avevamo la capacità tecnica e analitica per farlo, quindi vedrai che ci sono diverse azioni nel piano, i ristoranti ne sono solo una parte.

Perché non facciamo la stessa proposta per il vino? Beh, penso che sia raro trovare una bottiglia aperta sul tavolo quando vado al ristorante. Normalmente ordino una bottiglia di vino e la bevo durante un pasto. Mentre nel caso dell'olio d'oliva hai spesso una bottiglia sul tavolo, è lì quando arrivi ed è aperta, perché non berrai una bottiglia intera di olio d'oliva.

... È solo una misura, ma come sto dicendo abbiamo bisogno di più misure a monte di questo, e guardando produttori, imbottigliatori e così via e stiamo guardando questo senza intenzione di aggiungere burocrazia. Vogliamo fare il minimo per assicurarci di ottenere il massimo livello di fiducia per i consumatori.

(Cioloş a volte parlava in francese e altre volte in inglese.)



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti