Affari

La Corte interrompe la rimozione di alberi per la conduttura della Puglia

La decisione di un tribunale del Lazio di sospendere il permesso del Ministero dell'Ambiente blocca lo sradicamento degli alberi almeno fino ad aprile 19th, quando sarà ascoltato un appello del governo regionale pugliese contro l'autorizzazione.

Aprile 11, 2017
Di Julie Al-Zoubi

Notizie recenti

Il TAR del Lazio ha fermato lo sradicamento degli ulivi per far posto al controverso Trans Adriatic Pipeline (TAP). La sentenza del 6 aprile ha annullato il trasferimento dell'autorizzazione da parte del governo italiano da un boschetto a Melendugno, in Puglia.

La decisione del TAR di sospendere il permesso del ministero dell'ambiente blocca lo sradicamento degli alberi almeno fino al 19 aprileth, quando verrà ascoltato un appello del governo regionale pugliese contro il permesso.

Stiamo facendo tutto il possibile per garantire che gli ulivi già sradicati sul sito rimangano sani e salvi.- Ulrike Andres, direttore degli affari esteri della TAP

L'ultima sentenza è un ulteriore colpo al progetto TAP che ha avuto fino alla fine di aprile per spostare gli ulivi prima che inizi il loro scatto di crescita stagionale; altrimenti o aspetta fino a settembre. L'inizio del gasdotto è già stato ritardato di un anno.

Nel marzo 7th, ha detto a Reuters un portavoce della TAP, "Inizieremo a spostare le olive tra qualche giorno. ”Circa 33 alberi furono sradicati prima che i manifestanti costringessero il lavoro a cessare.


pubblicità


Lo ha detto Ulrike Andres, direttore degli affari commerciali e esterni della TAP Olive Oil Times, "TAP continua a collaborare con tutte le autorità coinvolte nel processo per riprendere le sue attività sul campo. A seguito della decisione del TAR Lazio del 6 aprile, TAP ha temporaneamente sospeso la rimozione e il trasporto di alberi fino al 19 aprile, quando si terrà la prossima udienza. "

Andres ha aggiunto, "Stiamo facendo tutto il possibile per garantire che gli ulivi già sradicati sul sito rimangano sani e salvi. Il programma di TAP è a rischio se gli ulivi non vengono spostati entro la fine di aprile. TAP spera che sposterà gli ulivi entro aprile e che consegnerà gas in Italia nel 2020. "

La prima sezione del TAP richiede la rimozione di 231 alberi di ulivo dall'area del micro-tunnel della condotta. Sedici di questi alberi sono registrati come "alberi di ulivo monumentali. "ha detto Andres Olive Oil Times, "TAP sta lavorando a stretto contatto con le autorità regionali competenti per stabilire il modo migliore (con il minimo impatto ambientale) di spostare questi 16 ulivi monumentali ".

Altri 2,000 alberi saranno spostati dalla rotta del gasdotto 8 km e il numero totale di olivi da spostare potrebbe colpire 10,000, se si tiene conto della sezione Snnam dal terminal di ricevimento del gasdotto TAP a Brindisi.

"È importante sottolineare che gli alberi saranno temporaneamente curati in una zona di vivaio e successivamente piantati nelle loro posizioni originali ", ha detto Andres.

L'oleodotto fu originariamente dato il via libera da Roma a 2015 con la stipulazione che gli ulivi dovevano essere trapiantati durante il lavoro e poi restituiti ai loro siti originali.

Andres disse: "L'autorizzazione unica (SA) concessa dal Ministero dell'Economia a TAP il 20 maggio 2015 rimane legalmente valida ed efficace, come indicato nello stesso decreto del TAR Lazio. "

Le autorità locali hanno combattuto per il reindirizzamento dell'oleodotto in una zona industriale a nord dell'oliveto.

Il gasdotto da 4.5 miliardi di euro è l'ultima tappa del corridoio meridionale del gas da 40 miliardi di dollari, che trasporterà il gas asiatico verso l'Europa. Il gasdotto doveva consegnare il primo gas in Italia nel 2020.



Related News