La Croazia e la Slovenia ricevono una protezione comune dell'UE per l'olio d'oliva istriano

I due Stati balcanici ora condividono la denominazione DOP dell'Unione europea extra virgin olio d'oliva prodotto nella penisola adriatica.

Marzo 4, 2019
Di Isabel Putinja

Notizie recenti

L'olio extra vergine d'oliva dell'Istria è stato inserito nel registro delle denominazioni di origine protette (DOP) e delle indicazioni geografiche protette (IGP) dell'Unione europea come prodotto della DOP.

La denominazione "Istra ”(il nome croato e sloveno per l'Istria) è ora una DOP registrata per l'olio d'oliva prodotto in Istria, una penisola situata nel Mare Adriatico settentrionale che è condivisa da entrambi Croazia e Slovenia.

L'estensione dell'area geografica all'Istria slovena è giustificata dal momento che l'Istria slovena produce olio d'oliva che condivide la stessa storia, lo stesso legame e le stesse qualità con l'olio d'oliva istriano croato oggetto della domanda.- dichiarazione della Gazzetta ufficiale dell'UE

Mentre il 90 percento dell'Istria si trova in Croazia, la parte nord-occidentale della penisola appartiene alla Slovenia.

La nuova denominazione è stata annunciata in un regolamento pubblicato il 27 febbraio 2019 nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Guarda anche: Denominazione d'origine protetta

Dopo aver ricevuto lo status di Denominazione di origine nazionale protetta in 2015, la domanda di riconoscimento DOP a livello UE per l'olio d'oliva istriano era presentato per la prima volta dalla Croazia alla Commissione europea nel mese di luglio 2015.

pubblicità

A seguito della pubblicazione della domanda nel marzo 2016 e secondo le procedure, che includono un periodo di obiezione di tre mesi, un la Slovenia ha presentato opposizione giugno 22, 2016.

L'obiezione sosteneva che la proposta di denominazione "Istarsko ekstra djevičansko maslinovo ulje ”(olio extra vergine d'oliva istriano) può creare confusione poiché l'olio d'oliva sloveno dell'Istria aveva già lo status DOP nel registro dell'UE sotto il nome "Ekstra deviško oljčno olje Slovenske Istre ”(olio extra vergine di oliva dell'Istria slovena) dal 2007.

La Commissione europea ha accettato l'eccezione come ricevibile e in ottobre 2016 ha chiesto alle autorità dei due paesi vicini di raggiungere un accordo sulla questione.

A seguito di consultazioni, a maggio 2017 ha comunicato alla Commissione un accordo e una nuova domanda congiunta è stata presentata congiuntamente da entrambi i paesi.

Sono stati concordati numerosi emendamenti, il più importante dei quali è la modifica della denominazione proposta "Istria, ”e l'area di produzione ampliata per includere l'intera penisola.

A seguito dell'esame della nuova domanda congiunta, la Commissione europea ha accettato la domanda di registrazione sulla base del fatto che le condizioni erano soddisfatte e che la denominazione "Istra "essere iscritto nel registro dei prodotti dell'UE con DOP.

Il regolamento pubblicato nella Gazzetta ufficiale dichiara che: "L'estensione dell'area geografica all'Istria slovena è giustificata dal momento che l'Istria slovena produce olio d'oliva che condivide la stessa storia, lo stesso legame e le stesse qualità con l'olio d'oliva istriano croato oggetto della domanda. L'uso del nome 'Istra 'è stata ampiamente dimostrata in Slovenia e Croazia ".

La DOP è la più alta delle tre denominazioni previste dal sistema di certificazione dei prodotti UE per i prodotti agricoli, che protegge i nomi dei prodotti dagli abusi e garantisce ai consumatori la loro autenticità.

Un prodotto etichettato con una designazione DOP è quello che viene prodotto, elaborato e preparato in una specifica area geografica utilizzando conoscenze e metodi locali.

Le altre due designazioni UE includono IGP - per prodotti con almeno una fase di produzione, trasformazione o preparazione in una determinata area geografica - e TSG (Specialità tradizionale garantita), che designa prodotti con un "carattere tradizionale "in termini di composizione o produzione.

La Croazia e la Slovenia condividono già una DOP nel registro dell'UE per il prosciutto istriano, o prosciutto crudo, che è stato registrato nell'ottobre 2015.





Related News