€ 5 prestito di milioni per aumentare le esportazioni di olio di oliva tunisino

Due società olivicole hanno ricevuto un prestito di 5 milioni di euro per estendere l'approvvigionamento e incrementare le esportazioni di olio di oliva con marchio tunisino.

Novembre 22, 2016
Di Michelle Smith

Notizie recenti

La Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) sta prestando € 5 milioni a due compagnie petrolifere in Tunisia per sostenere lo sviluppo e contribuire ad aumentare le esportazioni di olio d'oliva in bottiglia.

Mutuatari, Sovena MENA e Tiba Foods, sussidiarie di Sovena Group, una compagnia portoghese di olio d'oliva, utilizzeranno i fondi della banca per espandere il loro approvvigionamento di olio d'oliva, che approfondirà i legami con gli agricoltori e i frantoi locali e "il prestito contribuirà ad aumentare la produzione di olio d'oliva in bottiglia per l'esportazione ", ha affermato la BERS in un comunicato stampa.

Siamo orgogliosi di affermare che siamo presenti in molti mercati, ma dobbiamo ancora creare un profilo per l'olio d'oliva tunisino.- Abdel Salam al-Wadi, Assoc. Dell'olio d'oliva tunisino.

Attualmente, la maggior parte della produzione del paese viene esportata alla rinfusa, ma gli esportatori e i funzionari concordano sul fatto che la Tunisia debba esportare più olio d'oliva in bottiglia Financial Times. L'imbottigliamento crea un prodotto a valore aggiunto che offre ricompense economiche più elevate e aiuta la Tunisia a costruire un marchio.

L'anno scorso, la domanda di Olio d'oliva tunisino è salito a livelli senza precedenti. Le esportazioni hanno raggiunto le tonnellate 312,000 per la stagione 2014 - 15, rispetto alle tonnellate 45,000 nella stagione 2013 - 14, secondo i dati dell'Oxford Business Group. La Tunisia è stata il secondo produttore mondiale, tuttavia molti consumatori non sapevano quando versavano l'olio d'oliva del paese.

La Spagna e l'Italia hanno importato oltre la metà delle esportazioni di olio d'oliva tunisino in quanto entrambi hanno assistito a raccolti poveri di olive durante la campagna 2014 - 15. Una volta che l'olio d'oliva tunisino era all'interno dei loro confini, gran parte di esso è stato miscelato con l'offerta nazionale e bollato come proveniente dalle due nazioni europee.

Costruire un marchio esportando più olio d'oliva in bottiglia è una sfida che l'industria sta cercando di superare, ha dichiarato l'anno scorso al Financial Times Abdel Salam al-Wadi, presidente dell'Associazione tunisina dell'olio d'oliva. "Siamo orgogliosi di poter dire che siamo presenti in molti mercati, negli Stati Uniti, nel Golfo, in Cina e Giappone. Ma dobbiamo ancora creare un profilo per l'olio d'oliva tunisino ", ha affermato.

Le esportazioni tunisine di olio d'oliva in bottiglia sono cresciute negli ultimi dieci anni, raggiungendo 20,000 tonnellate l'anno scorso, secondo l'Oxford Business Group, che ha affermato che l'obiettivo è esportare 50,000 tonnellate entro il 2020. La BERS prevede che il suo investimento sarà un passo avanti.

La BERS si impegna a promuovere l'industria petrolifera della Tunisia in Tunisia e sta diventando uno dei maggiori sostenitori del dialogo sugli investimenti e sulle politiche, ha affermato Marie-Alexandra Veilleux-Laborie, responsabile dell'ufficio BERS in Tunisia. "Dopo due progetti nel settore dell'olio d'oliva in Tunisia, siamo molto orgogliosi di collaborare con il Gruppo Sovena per incrementare la produzione e l'esportazione di olio d'oliva tunisino ”.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti