Africa / Medio Oriente

L'Egitto vuole piantare 100 milioni di ulivi per la produzione di petrolio

Mentre l'Egitto è il secondo produttore al mondo di olive da tavola, poche infrastrutture nel paese sono dedicate alla produzione di olio d'oliva.

El Tur sulla penisola del Sinai
Può. 20, 2019
Di Julie Al-Zoubi
El Tur sulla penisola del Sinai

Notizie recenti

Il ministro dell'agricoltura egiziano Ezz El Din Abu Steit ha svelato l'ambizioso obiettivo del paese di piantare 100 milioni di ulivi in Egitto entro il 2022, nel tentativo di aumentare la produzione di olio d'oliva del paese.

Il piano è stato annunciato in un seminario sulle nuove opportunità di investimento nel settore olivicolo egiziano, che ha preceduto l'International Olive Council (CIO) cinquantatreesimo incontro che si è svolto al Cairo il mese scorso. L'Egitto si riunì al CIO l'anno scorso dopo che la sua iscrizione è stata revocata in 2017.

Abbiamo bisogno di fabbriche ben attrezzate per estrarre e produrre olio d'oliva. Queste fabbriche dovrebbero essere stabilite vicino ai terreni coltivati ​​a olive. Quindi è molto importante dare nuova vita agli investimenti agricoli.- Hussein Abu Saddam, capo del Sindacato degli agricoltori egiziani

Il governo egiziano ha reso disponibili terreni per gli investitori. Sia gli investitori egiziani che quelli stranieri avranno accesso a terreni che costano 10,000 acri nel Minya occidentale dell'Alto Egitto e 25,000 acri in Matrouh, insieme a terreni designati nelle oasi del deserto occidentale.

Altri 10,000 acri nell'area di El Tur nella penisola del Sinai meridionale saranno riservati esclusivamente agli investitori egiziani.

Guarda anche: Africa e Medio Oriente

Abu Steit ha messo in evidenza i progressi sull'espansione degli oliveti egiziani, che sono passati da 5,000 acri alla fine degli anni '1970 a 108,000 nel millennio e ora comprendono 240,000 acri.

pubblicità

L'Egitto è il secondo produttore mondiale di olive da tavola e ha prodotto circa 450,000 tonnellate nel 2018/19, di cui circa 100,000 tonnellate sono state esportate.

Mentre il paese è stato in grado di soddisfare la sua crescita percentuale del 3,260 nel consumo interno di olive da tavola, la produzione di olio d'oliva è stata di poche tonnellate 20,000. Molti nel settore agricolo sperano che l'aumento della produzione di olio d'oliva apporti un valore aggiunto tanto necessario al settore.

Hussein Abu Saddam, capo del Sindacato degli agricoltori egiziani, ha confermato la necessità per gli investitori di aumentare la produzione di olio d'oliva, dicendo ad Al-Monitor: "Questo passaggio è inevitabile. L'olivo è l'albero più adatto per essere coltivato nel paese poiché può essere piantato in diversi tipi di terreno e non consuma grandi quantità di acqua. "

Ha inoltre sollevato la necessità per il governo di introdurre misure per prevenire e combattere le malattie degli ulivi durante il programma di espansione.

Abu Saddam, che ha affermato che 100 milioni di ulivi equivalgono a un ulivo per ogni cittadino aggiunto, "abbiamo bisogno di fabbriche ben attrezzate per estrarre e produrre olio d'oliva. Queste fabbriche dovrebbero essere stabilite vicino ai terreni coltivati ​​a olive. Quindi è molto importante dare nuova vita agli investimenti agricoli ".

L'anno scorso Olive Oil Times segnalato su L'aspirazione dell'Egitto a diventare il primo produttore di olive da tavola al mondo espandendo le varietà di olive coltivate e aumentando la produzione nelle terre desertiche.

Aprire le porte agli investitori stranieri nel settore oleicolo darebbe impulso all'economia in sofferenza del paese e fornirà la valuta necessaria, oltre a creare posti di lavoro nel paese, che continua a risentire degli impatti della sua rivoluzione del 2011.

L'Egitto ha lottato per raccogliere i 58 miliardi di dollari necessari per finanziare la creazione della sua nuova capitale, ancora senza nome, che sarebbe situata a circa 30 miglia a est del Cairo entro la metà del 2020.





Related News