L'Europa approva aiuti da 1 miliardo di euro agli agricoltori greci, altre imprese come bobine del settore agricolo

Le imprese agricole hanno diritto a ricevere fino a € 100,000 ($ 109,000) in anticipi rimborsabili nell'ambito del programma di aiuti.

Aprile 14, 2020
Di Costas Vasilopoulos

Dopo il colpo del nuovo coronavirus sull'economia della Grecia che ha bloccato molti settori economici, la Commissione europea ha approvato una misura di aiuto urgente di 1 miliardo di euro (1.09 miliardi di dollari) in anticipi rimborsabili alle aziende in estremo bisogno.

Non possiamo vendere i nostri prodotti, siamo disperati, abbiamo iniziato a scaricarli e paghiamo i lavoratori solo per sbarazzarsi delle zucchine poiché nessuno li sta comprando.- Stathis Gatzounas, un coltivatore di Myrsini

Le imprese di tutti i settori possono trarre vantaggio dagli aiuti finanziari a condizione che la loro attività sia stata interrotta dall'epidemia di virus. I fondi devono essere erogati dalla Public Revenue Authority (AADE), aggirando banche e altri istituti finanziari.

"Questo programma di anticipi rimborsabili dalla Grecia da 1 miliardo di euro contribuirà a garantire che vi sia sufficiente liquidità nell'economia greca ", ha affermato Margrethe Vestager, vicepresidente esecutivo della commissione responsabile della politica di concorrenza dell'Unione. "Assicura che le aziende più colpite dall'epidemia di coronavirus continueranno la loro attività economica durante e dopo la crisi ".

Il programma di aiuti aderisce al quadro temporaneo della Commissione, che prevede che le aziende del settore agricolo possano ricevere una sovvenzione fino a 100,000 euro (109,450 dollari). Un importo massimo di € 120,000 ($ 131,340) è disponibile per le imprese del settore della pesca e dell'acquacoltura, mentre le imprese di tutti gli altri settori possono ricevere fino a € 800,000 ($ 875,680) come sussidio.

Nel frattempo, gli agricoltori in Grecia si sono lamentati del fatto che i loro prodotti rimanessero inattivi a causa della chiusura dell'intero settore HoReCa (hotel, ristoranti e catering) del paese.

Gli agricoltori cretesi hanno affermato che i supermercati attualmente assorbono il 30% della loro produzione di frutta e verdura, mentre il resto rimane invenduto poiché molti ristoranti e altri servizi di ristorazione sono chiusi, mentre le loro controparti nella regione di Ilia del Peloponneso hanno già scartato parte del loro raccolto fresco di fragole e zucchine a causa della domanda limitata.

"Non possiamo vendere i nostri prodotti, siamo disperati, abbiamo iniziato a scaricarli e paghiamo i lavoratori solo per sbarazzarci delle zucchine poiché nessuno le compra ", ha detto Stathis Gatzounas, un coltivatore del villaggio di Myrsini in Ilia. "Tutti affrontano altri problemi tranne quello del settore primario. Le spese stanno aumentando e l'unica cosa che possiamo fare è smettere ".

Tra le proteste, il ministero dell'Agricoltura ha annunciato che un totale di 150 milioni di euro (164.05 milioni di dollari) è stato stanziato esclusivamente come compensazione diretta per agricoltori, allevatori e pescatori, sebbene i fondi non siano ancora stati sbloccati.

Coltivatori e produttori hanno anche fatto appello alla Corte Suprema per ribaltare la decisione del governo che vietava loro di vendere prodotti nei mercati degli agricoltori tenuti in altre regioni del paese a causa di restrizioni al traffico e ai trasporti.



Related News

Feedback / suggerimenti