L'Europa presenta un piano per dimezzare le emissioni di gas serra entro il 2030

Il piano estenderà lo scambio di emissioni a nuovi settori e aumenterà l'uso di energie rinnovabili, tra le altre politiche.

Giu. 30, 2021
Di Paolo DeAndreis

I Commissione europea ha presentato il suo pacchetto Fit-for-55, 13 proposte di azioni legislative e strumenti per ridurre le emissioni di carbonio all'interno dei 27 Stati membri.

Entro il 2030, Bruxelles spera di ridurre Emissioni di gas serra dell'Unione europea del 55 per cento rispetto ai livelli record registrati nel 1990.

Chiederemo molto ai nostri cittadini. Chiederemo molto anche alle nostre industrie, ma lo facciamo per una buona causa. Lo facciamo per dare all'umanità una possibilità di combattere.- Frans Timmermans, vicepresidente, Commissione europea

Secondo la Commissione europea, il raggiungimento dell'obiettivo del nuovo pacchetto sulle emissioni di carbonio è fondamentale per fornire il Green Deal europeo e che il continente diventi climaticamente neutro entro il 2050.

Una nuova serie di regole e una revisione delle normative esistenti saranno "consentire la necessaria accelerazione delle riduzioni delle emissioni di gas serra nel prossimo decennio", ha scritto la commissione. Le proposte della commissione saranno ora discusse dagli Stati membri dell'UE ed entreranno in vigore dopo l'approvazione del Parlamento europeo.

Vedi anche: Un quinto dell'Italia a rischio desertificazione, avvertono gli esperti di irrigazione

Il pacchetto Fit-for-55 include l'espansione dello scambio di emissioni a nuovi settori, l'aumento dell'uso di energie rinnovabili al 40% entro il 2030, la spinta per una maggiore efficienza energetica e un'implementazione più rapida di infrastrutture di trasporto a basse emissioni.

Include anche nuove politiche fiscali che incoraggeranno la transizione dell'industria della produzione di energia e delle industrie pesanti verso energie più pulite, nuove misure per prevenire la rilocalizzazione delle emissioni di carbonio e strumenti per preservare e far crescere i pozzi naturali di carbonio.

Insieme al pacchetto Fit-for-55, Bruxelles prevede anche di destinare 144 miliardi di euro dal budget 2025 al 2032 a un Fondo sociale per il clima, che aiuterà gli europei a migliorare le proprie case per renderle più efficienti dal punto di vista energetico.

Frans Timmermans, il vicepresidente della commissione incaricata del Green Deal, ha presentato il nuovo pacchetto come il più ambizioso di sempre.

"Chiederemo molto ai nostri cittadini", ha detto. "Chiederemo molto anche alle nostre industrie, ma lo facciamo per una buona causa. Lo facciamo per dare all'umanità una possibilità di combattere".

Oltre a ridurre le proprie emissioni, che secondo alcune stime rappresentano il 6.4 per cento delle emissioni globali totali, la commissione spera che il suo nuovo impegno influirà sui piani degli altri principali inquinatori globali.

"L'Europa è il primo continente a dichiarare che sarà climaticamente neutrale nel 2050 e ora siamo i primi a mettere sul tavolo una road map concreta", ha affermato Ursula von der Leyen, presidente della commissione.

Viste le obiezioni sollevate nelle scorse settimane sia dalle principali associazioni di categoria sia dagli ambientalisti in merito alla proposta in arrivo, molti osservatori ritengono che si possano aspettare diversi mesi di difficili trattative.

"Concentrarsi solo sulla riduzione delle emissioni potrebbe essere fuorviante perché contrastare cambiamento climatico, ci sono diverse azioni che potrebbero essere messe in atto – ad esempio, sullo spreco idrico, sul consumo di suolo, sull'acidificazione e così via”, Andrea Muratore, InsideOver analista geopolitico della rivista, ha detto Olive Oil Times

"Tuttavia, la Commissione potrebbe aver trovato un modo per porre il suo limite politico al ruolo centrale che l'Unione europea ha assunto nella lotta ai cambiamenti climatici come Gli Stati Uniti sono in ritardo mentre Cina e India stanno aumentando le loro emissioni”, ha aggiunto Muratore.

Secondo Timmermans, la legislazione contribuirà a creare una nuova economia, il cui impatto è difficile da prevedere. Ha sostenuto che il rapido calo dei prezzi delle energie rinnovabili dovrebbe alimentare questa nuova economia verde, che richiederà nuove competenze e sarà il motore della crescita e del commercio.

Vedi anche: L'EPA prevede di affrontare lo spreco alimentare nel tentativo di ridurre le emissioni di carbonio

"L'altro messaggio che arriva dalla proposta della commissione è che investire nelle energie alternative e nelle attività necessarie per combattere il cambiamento climatico significa creare un settore tutto nuovo, un nuovo mercato, con nuove competenze e nuove opportunità", ha aggiunto Muratore. "Poiché alcuni Stati membri sono molto avanti su questo, la nuova proposta potrebbe finalmente portare un nuovo sforzo coordinato all'UE"

Gli agricoltori giocheranno un ruolo fondamentale nel nuovo scenario, secondo Timmermans.

"Penso che dobbiamo usare il politica agricola riformata mettere i nostri agricoltori in condizione di farne parte", ha affermato.

Timmermans ha aggiunto che il nuovo Politica agricola comune aiuta a raggiungere questo obiettivo incentivando la sostenibilità e pratiche di produzione tradizionali.

La chiave del nuovo pacchetto è la revisione dell'attuale sistema di scambio di quote di emissione dell'UE (ETS), che limita la quantità di emissioni di carbonio che possono essere prodotte e fa sì che le industrie paghino per tali emissioni.

Secondo la commissione, l'ETS ha contribuito a una riduzione del 43% delle emissioni derivanti dalla produzione di energia e dalle industrie ad alta intensità energetica negli ultimi 16 anni. Il nuovo ETS ridurrà ulteriormente il carbon cap e accelererà la sua riduzione annuale.

Tuttavia, questo piano è stato ampiamente criticato da diversi paesi dell'Europa centrale, le cui industrie pesanti si basano sui combustibili fossili. Per aiutarli a passare a un nuovo telaio energetico, il pacchetto Fit-for-55 offre opzioni per il rifinanziamento e crediti di carbonio.

Sarà inoltre introdotto un ETS separato per coprire le emissioni dei trasporti e degli edifici. Questo dovrebbe avere un significativo impatto sull'industria aeronautica e spedizione, che sarà inclusa nel programma per la prima volta.

La commissione ha anche chiesto che le nuove auto prodotte nell'UE siano prive di emissioni dal 2035 in poi, cosa che finora è stata osteggiata dalle case automobilistiche del continente. Il pacchetto Fit-for-55 prevede una massiccia trasformazione nel trasporto privato che richiederà l'installazione di punti di ricarica e rifornimento in tutto il continente per i veicoli elettrici.

Le entrate provenienti dagli Stati membri dallo scambio di emissioni dovranno essere interamente spese in progetti rispettosi del clima e legati all'energia, con particolare attenzione ai nuovi trasporti, alle persone vulnerabili e alle piccole imprese.

Al fine di impedire alle imprese europee di spostare le attività che creano emissioni fuori dall'Europa, la Commissione ha affermato che lo farà "mettere un prezzo del carbonio sulle importazioni di una selezione mirata di prodotti per garantire che un'ambiziosa azione per il clima in Europa non porti alla rilocalizzazione delle emissioni di carbonio".

"[Questo] garantirà che le riduzioni delle emissioni europee contribuiscano a un calo delle emissioni globali, invece di spingere la produzione ad alta intensità di carbonio al di fuori dell'Europa", ha aggiunto la commissione. "Mira inoltre a incoraggiare l'industria al di fuori dell'UE e i nostri partner internazionali a compiere passi nella stessa direzione".

Secondo Muratore, il piano della commissione "è pragmatico perché la tariffa sul carbonio dovrebbe essere applicata dal 2030 in poi. Ciò significa che l'intera catena di produzione ha il tempo di adattarsi".





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti