`In Wake of Crisis, gli aiuti dell'UE ai produttori di olio d'oliva hanno le corde - Olive Oil Times

In Wake of Crisis, l'aiuto dell'UE ai produttori di olio d'oliva ha archi

Giu. 5, 2010
Daniel Williams

Notizie recenti

Di Daniel Williams
Olive Oil Times Contributore | Segnalazione da Barcellona

La Commissione europea, organo esecutivo dell'Unione europea, ha proposto June 30th sospendere gli aiuti agricoli e i sussidi agricoli ai paesi con disavanzi eccessivi nel tentativo di prevenire un'altra crisi del debito come quella attualmente esistente. In questa proposta, la Commissione ha il diritto di sospendere gli aiuti agricoli dell'UE a quegli Stati che violano le regole di bilancio, come quelli che vietano espressamente disavanzi superiori allo 3%.

Allo stato attuale, la maggior parte degli stati dell'UE ha deficit che superano di gran lunga questo limite 3% e gli autori di reati più gravi sono alcuni dei leader mondiali nella produzione di olio d'oliva: Grecia, Spagna e Portogallo. In base a queste nuove sanzioni, se questi paesi non riuscissero a restringere i propri bilanci, potrebbero perdere i sussidi agricoli e altre forme di aiuti agricoli dell'UE. Ciò potrebbe rivelarsi devastante per gli agricoltori e i produttori di olio d'oliva che giudicano gli aiuti dell'UE per rinnovare metodi di produzione obsoleti e potrebbe causare problemi di tariffazione per i paesi che fanno affidamento sui sussidi dell'UE per immagazzinare olio d'oliva per limitare la produzione e salvare i prezzi in calo nel settore.

Il Patto di stabilità e crescita dell'Europa richiede agli Stati di mantenere i deficit pubblici al di sotto del 60% della produzione nazionale e il debito a meno del -% del PIL. Finora, tuttavia, nessuna delle sanzioni proposte è mai stata applicata a causa di una procedura punitiva lunga e complicata. Nell'ambito di questo nuovo piano, tuttavia, l'UE promette un'azione più rapida e più dura, promettendo di sospendere prima i pagamenti degli aiuti agli Stati e poi, se non vengono compiuti sforzi per migliorare i deficit, giurando "la cancellazione degli impegni di bilancio e la perdita definitiva dei pagamenti per il paese interessato. "[1]

L'Unione europea è, di gran lunga, la più grande regione produttrice e consumatrice di olio d'oliva del pianeta con l'olio d'oliva che rappresenta un'enorme percentuale del PIL per i paesi del Mediterraneo colpiti maggiormente dall'attuale crisi economica. L'olivicoltura è significativa per le economie rurali di molti dei 27 paesi dell'UE, nonché per l'equilibrio ambientale delle regioni produttrici di olio d'oliva.

pubblicità

.

.


[1] Rafforzare il coordinamento delle politiche economiche per la stabilità, la crescita e l'occupazione - Strumenti per una governance economica dell'UE più forte http://ec.europa.eu/economy_finance/articles/euro/documents/com_2010_367_en.pdf
pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti