Europa

Agricoltura biodinamica: da qualche parte tra scienza e fede

Gli oliveti della premiata fattoria Marina Palusci sono gestiti secondo la biodinamica, un metodo molto dibattuto ma spesso di successo.

Giovani ulivi inondati di una flora abnorme a Oliveto Pependone, azienda agricola di Marina Palusci
Giu. 9, 2018
Di Ylenia Granitto
Giovani ulivi inondati di una flora abnorme a Oliveto Pependone, azienda agricola di Marina Palusci

Notizie recenti

"Dai diami, non è nato niente. Dal letame nascono i fiori.â €

Ad un certo punto durante il nostro incontro, mi è sembrato necessario usare le parole di un grande italiano cantautore e poeta per descrivere come un buon frutto possa crescere da un approccio più naturale.

L'agricoltura biodinamica va oltre i metodi diffusi in quanto vieta l'uso di trattamenti che coinvolgono sostanze chimiche di sintesi e presta molta attenzione ad altre questioni come l'origine dei fertilizzanti.- Massimiliano D'addario, Marina Palusci

Tale è l'atteggiamento di Massimiliano D'Addario, che ha vinto tre Gold Awards di fila al NYIOOC con il monovarietale Dritta L'Uomo di Ferro e un 2018 Gold con la miscela Oliomania al concorso mondiale per l'olio d'oliva di quest'anno. Oltre a non essere filtrato, un'altra caratteristica distintiva di questi prodotti realizzati a Fattoria Marina Palusci in Abruzzo è stato realizzato utilizzando pratiche agricole biodinamiche.

Il numero di fattorie che lo hanno implementato "approccio olistico, eco-logico ed etico all'agricoltura, all'abbigliamento, al cibo e alla nutrizione, come definito dal Associazione biodinamica, è aumentato considerevolmente negli ultimi anni. In Italia, le aziende agricole biodinamiche sono raddoppiate a circa 4,500 nell'ultimo decennio in risposta a un crescente interesse da parte dei consumatori nazionali e internazionali.

Gli agricoltori possono richiedere certificazioni tramite associazioni private, di cui la più nota è Demeter. Tuttavia, gli organi istituzionali hanno notato la crescita di questa tendenza e il Ministero dell'agricoltura italiano ha dedicato un capitolo all'agricoltura biodinamica nell'ultimo piano strategico nazionale per lo sviluppo dell'agricoltura biologica.

pubblicità

In termini generali, possiamo dire che il metodo biodinamico si basa su a approccio agricolo privo di sostanze chimiche con requisiti aggiuntivi. Aziende biologiche come il vincitore del Gold Award Villa Pontina dillo 'si converte facilmente in questa tecnica agricola, che si basa sulla visione spirituale e antroposofica del mondo sviluppata da Rudolf Joseph Lorenz Steiner all'inizio del secolo scorso.

Oliveto Pependone uliveto e letame presso l'azienda agricola Marina Palusci

Un approccio di questo tipo è ciò che Massimiliano D'Addario ha eseguito alla sua Oliveto Pependone e nel vigneto adiacente dove produce vini naturali. Nella fattoria di Marina Palusci, in provincia di Pescara, gestisce 40 ettari (circa 99 acri) di varietà autoctone come Dritta e Intosso, affiancate da Leccio del Corno, Maurino, Frantoio e Leccino. Altri sette ettari (circa 7 acri) di Intosso sono stati piantati tre anni fa e presto entreranno nella fase di produzione.

"Come sappiamo, esistono diversi metodi di coltivazione ", ha dichiarato D'Addario riferendosi all'agricoltura convenzionale, integrata e biologica. "Per quanto riguarda l'impatto ambientale, l'agricoltura biodinamica va oltre questi metodi diffusi in quanto vieta l'uso di trattamenti che coinvolgono sostanze chimiche di sintesi e presta molta attenzione ad altre questioni come l'origine dei fertilizzanti ", hanno detto i produttori, chiarendo che, ad esempio, non usare mai un compost certificato biologico proveniente da un'area urbana perché potrebbe contenere molecole di sostanze non consentite come i metalli pesanti.

"Il produttore biodinamico si riferisce sostanzialmente a ciò che facevano i nostri nonni quando la chimica non veniva utilizzata in agricoltura ", ha osservato. "Hanno seguito le fasi lunari e le stagioni, basandosi sul loro potere di osservazione delle piante e degli elementi cosmici ”, ha spiegato D'Addario, specificando che in questa visione il concetto di vitalità del suolo è fondamentale. Le piante non contaminate possono crescere libere e rigogliose.

"Se un bambino è sempre stato a casa, nel suo primo giorno di scuola con gli altri bambini, è molto probabile che si ammali perché non è abituato a vivere in quelle condizioni e non potrebbe sviluppare anticorpi ", ha detto metaforicamente. "Mentre un bambino che è libero di giocare in strada, anche sotto la pioggia, probabilmente raramente si ammalerà nello stesso contesto. ”Allo stesso modo, con questo approccio le piante vengono rinforzate naturalmente, poiché assorbono tutto ciò di cui hanno bisogno dal suolo.

"La fertilità e la vitalità del suolo possono, e per me devono essere promosse con mezzi assolutamente naturali come il compost di letame di corno, la distruzione dei residui di potatura e così via ”, ha sottolineato. Inoltre, tra le varie pratiche, è fondamentale seguire il sole e i ritmi lunari per eseguire alcune operazioni. "Ho aspettato il momento giusto per piantare gli ulivi più giovani e ottenere risultati migliori ", ha osservato il produttore, mentre camminavamo tra le splendide e vigorose piante di Dritta.

Tuttavia, possiamo dire che le pratiche biodinamiche più distintive e spesso controverse sono le preparazioni di compost e spray che si basano su materiali vegetali tra cui achillea, camomilla, ortica, corteccia di quercia, dente di leone e valeriana; minerali come silice e materie organiche, ovvero sterco di vacca.

D'Addario ha spiegato che, secondo la visione biodinamica, l'uomo e gli animali si frappongono tra il cielo e la terra, e quindi gli umani possono fungere da collegamento tra questi due mondi. La terra è immersa nelle sfere planetarie del sistema solare e le forze planetarie influenzano il nostro pianeta e la morfologia delle piante.

I pianeti inoltre, direttamente e indirettamente, influenzano il flusso di acqua sulla terra, mentre elementi come l'humus sono fondamentali per la fertilità del suolo. Quindi possiamo trasmettere il legame cosmico alla terra attraverso la formulazione e l'uso dei preparati.

Il più noto di questi è probabilmente il letame di corno, o preparazione 500, che dovrebbe essere realizzato in una particolare notte dell'anno. I corni di vacca sono pieni di letame (di animali che non sono nutriti e trattati chimicamente). Dopo un periodo di maturazione sotterranea, alcuni grammi di questo compost devono essere sciolti in acqua e mescolati in base ai principi della dinamizzazione; quindi puoi spruzzare il preparato sul terreno.

Come hanno osservato le nostre aziende agricole, "nonostante l'efficacia di questo metodo, solo alcune di queste pratiche, come l'uso di determinate sostanze come fertilizzanti e la rotazione delle colture, sono supportate dalla ricerca. "Per la maggior parte, le applicazioni biodinamiche non sono state ancora confermate da prove scientifiche e, per questo motivo, i produttori convenzionali spesso criticano l'approccio per mancanza di basi oggettive.

Abbiamo parlato con Alessandro Piccolo, professore di chimica agraria presso il Dipartimento di suolo, piante, ambiente e produzione animale all'Università di Napoli Federico II, che ha condotto studi sulle pratiche biodinamiche tra cui un'esaminazione delle proprietà del preparato 500.

Giovani ulivi inondati da un'abbondante flora nell'Oliveto Pependone di Marina Palusci

"Abbiamo condotto uno studio che ha fornito, per la prima volta, una caratterizzazione scientifica di questo prodotto essenziale nell'agricoltura biodinamica ", ha affermato Piccolo. "I nostri risultati mostrano che i prodotti biodinamici sembrano essere arricchiti con componenti biolabili e, quindi, potenzialmente favorevoli alla stimolazione della crescita delle piante. "

Ha spiegato che le condizioni anaerobiche in cui il letame viene compostato, dopo essere stato messo nel corno e sigillato, favoriscono una degradazione e una trasformazione limitate della lignina rispetto ai composti aerobici, che hanno un'esuberanza di trasformazione batterica e fungina. In sostanza, il contenuto di lignina nel compost Preparation 500 è maggiore di quello normalmente presente nei composti aerobici.

"Ciò significa che l' componente polifenolico di preparazione 500 è in media superiore a quello di un compost convenzionale ”, ha sottolineato Piccolo, specificando che i composti polifenolici alimentano la biostimolazione delle centrali elettriche. Su questa base, fornendo compost dalla preparazione 500 alle piante, si dovrebbe ottenere una maggiore biostimolazione, il che significa quindi un maggiore effetto del compost sia sulla microflora microbica della rizosfera e del sistema radicale, quindi una maggiore stimolazione della fisiologia vegetale e biochimica. "Quindi, in generale, questa maggiore stimolazione dovuta ai polifenoli del Preparation 500, che è stata sottoposta a minore aerobiosi, favorisce sia l'esuberanza microbica della rizosfera sia l'aumento della crescita delle piante ", ha osservato.

"La biodinamica andrà avanti solo se sosteniamo la ricerca obiettivamente scientifica su questi prodotti ", ha aggiunto il ricercatore. Ecco perché il suo suggerimento ai produttori biodinamici è di cercare un contatto con le istituzioni scientifiche per comprendere meglio la composizione molecolare dei prodotti e la loro azione sulle piante. "Altrimenti, la biodinamica rimarrà una tendenza e probabilmente i suoi benefici andranno persi, mentre c'è ancora molto da scoprire ", ha concluso Piccolo.

Lo pensa anche il nostro produttore biodinamico, poiché nel corso degli anni ha visto i benefici di questo approccio nella sua fattoria.

Tra le piante di tre anni di Intosso, ha seminato vari altri tipi di colture secondo la pratica della rotazione delle colture. "Come puoi vedere, gli ulivi sono rigogliosi e sani ”, ha osservato D'Addario, mostrandomi alberi giovani e lussureggianti sotto la cui ombra cresce un rigoglioso prato di fave, senape e avena. "Ho piantato legumi, erbe e piante crocifere perché eniferizzano il terreno con diverse sostanze utili per gli ulivi ”, ha spiegato. "Rimettiamo la vita al centro. ”


Related News