`La spagnola Bogaris cerca uliveti negli Stati Uniti e in Cile - Olive Oil Times

I Bogaris spagnoli cercano gli oliveti negli Stati Uniti e in Cile

Settembre 29, 2010
Daniel Williams

Notizie recenti

Di Daniel Williams
Olive Oil Times Contributore | Segnalazione da Barcellona

Il gruppo imprenditoriale spagnolo Bogaris cerca di acquisire e gestire una seconda piantagione di olivi in ​​Cile e al momento è anche impegnato nella ricerca per acquistare una piantagione simile negli Stati Uniti. Il gruppo ha delineato pubblicamente questo piano e ha previsto che i due progetti raggiungeranno il loro completamento prima del 2012.

Secondo il sito Web dell'azienda, Bogaris "promuove, sviluppa e gestisce progetti nel settore dello sviluppo immobiliare (retail, industriale e residenziale) e anche nelle energie rinnovabili, nel riciclaggio dei rifiuti e nell'agroindustria ". Il gruppo diversificato, nato nel 1988 come distributore spagnolo di Dupont de
Nemours, ha recentemente annunciato un utile netto annuo di oltre 26 milioni di euro
vendite per 82 milioni di euro.

Presidente Rodrigo Charlo Molina

Secondo il direttore commerciale dell'azienda, Manuel Moyano, la società non ha più piani per espandersi oltre queste importanti acquisizioni a breve termine.

"Vorremmo che i prossimi insediamenti di Bogaris fossero situati in un nuovo paese straniero situato in prossimità degli Stati Uniti per mano del settore agroindustriale americano ", ha spiegato Moyano. "Stiamo già iniziando a prospettare piantagioni in varie regioni della California, dove sono già presenti ulivi ", ha aggiunto.1

Secondo la sua garanzia, l'istituzione di una tale piattaforma negli Stati Uniti darebbe al gruppo Bogaris una serie di enormi vantaggi competitivi rispetto alla produzione e commercializzazione di olio d'oliva lì, poiché la ricerca continua a mostrare un enorme potenziale commerciale per la vendita di olive petrolio in Nord America.

Per quanto riguarda lo sforzo cileno, Moyano afferma che il piano è anche "un altro magnifico piano per esportare negli Stati Uniti dal momento che il Cile vanta accordi di libero scambio tariffario e canali aperti per le esportazioni ”.2

Il gruppo Bogaris prevede che il progetto cileno raggiungerà la sua conclusione nel 2011 e sarà incentrato sulla produzione e lo sviluppo di olio d'oliva sfuso. Allo stato attuale, Bogaris ha già 981 ettari (oltre 2,400 acri) di ulivi nel sud del Cile, 941 dei quali sono piantati nella valle di Colchagua.

Oltre a questi progetti imminenti, Bogaris ha spiegato che la società sta cercando di distribuire oli d'oliva in una serie di altri modi diversi, come il marchio privato. Inoltre, Bogaris sta cercando di commercializzare l'olio d'oliva ottenuto dalle sue nuove piantagioni al settore della ristorazione e della ristorazione americana.

.

.

[1] Bogaris

[2] Europa Press 25 settembre 2010.

Related News

Feedback / suggerimenti