`L'inversione di marcia di Cioloş sorprende l'Unione degli agricoltori - Olive Oil Times

Cioloş U-Turn Surprises Farmers 'Union

Può. 23, 2013
Michael Angelopoulos

Notizie recenti

La decisione del commissario europeo all'Agricoltura Dacian Cioloş di ritirare il divieto di ampolline ricaricabili di olio d'oliva nei ristoranti non ha riportato il genio in bottiglia.

Il Commissario ha annunciato che incontrerà le parti interessate sulle questioni e ha riconosciuto che vi è stato un netto contrasto nelle opinioni dei paesi produttori e dei consumatori del nord, come ha spiegato.

Tuttavia, Cioloş sembra aver sorpreso molti se non tutti dalla mossa.

L'organizzazione COPA-COREGA che rappresenta gli agricoltori europei di 36 paesi ha pubblicato ieri un messaggio su Twitter, in merito all'imminente annuncio del Commissario sulla questione ed esprimendo sostegno a Ciolos (che da allora è stato rimosso dal feed di Twitter).

Tuttavia, dopo l'annuncio, COPA-COREGA ha pubblicato un altro aggiornamento dicendo:

In ancora un altro aggiornamento, COPA-COGEGA ha incolpato l'inversione di marcia del Commissario "pressione politica ".

La situazione in Grecia

Nel frattempo, la descrizione da parte del Commissario della divisione tra produttori di olio d'oliva e paesi consumatori non descrive perfettamente la situazione in Grecia, che ha avuto una certa esperienza in materia.

La Federazione greca dei ristoranti e professioni simili (POESE) ha detto Olive Oil Times che due anni fa hanno firmato un accordo per eseguire un programma pilota in 20 ristoranti in Grecia, per utilizzare solo bottiglie monouso sulle loro tavole.

Altri ristoranti greci hanno adottato la pratica volontariamente, offrendo prodotti di olio d'oliva etichettati di qualità esclusiva come gesto per i visitatori e differenziare i loro prodotti da paesi competitivi.

Tuttavia, ha detto Giorgos Kourassis, segretario generale del POESE, la sua organizzazione ha riconosciuto che si tratta di una politica costosa che alla fine supera il prezzo. "I ristoranti greci, anche nelle loro bottiglie e barattoli ricaricabili, offrono a olio d'oliva di alta qualità ai loro ospiti. "

"Nella Grecia produttrice di petrolio non abbiamo episodi di adulterazione "e, di conseguenza, non è necessaria la modifica immediata del regolamento.

Reazioni in Italia

Le prime reazioni in Italia illuminano il caso e in particolare il contesto che ha portato in primo luogo alla proposta di modifica del regolamento.

Coldiretti (la Confederazione Nazionale degli Agricoltori), la più grande associazione che rappresenta l'agricoltura italiana, ha condannato fermamente il cambio di rotta da parte della Commissione europea sul divieto di bottiglie di olio d'oliva senza etichetta e ampolle nei ristoranti.

Ha affermato che la mossa ha favorito le frodi e le importazioni di petrolio a basso costo, in un momento in cui la domanda interna mostra un calo dell'-%.

Tuttavia, Coldiretti ha detto che le normative nazionali su "la qualità e la trasparenza delle bottiglie di olio di oliva vergine ”, è ancora in vigore per le imprese locali come lo è stato dallo scorso febbraio.

"Abbiamo intenzione di difenderlo dalle pressioni della lobby ”, ha affermato il presidente di Coldiretti, Sergio Marini.

"Dobbiamo ammettere che i lobbisti europei hanno vinto contro uno standard sostenuto da ben quindici paesi. Tra questi, grandi produttori come l'Italia e la Spagna, che hanno perso contro paesi come Germania, Paesi Bassi e Regno Unito, dove non è possibile coltivare un solo olivo ", ha aggiunto.

Secondo Coldiretti, la legge nazionale stabiliva a "rivoluzione sulle tavole ”per il condimento preferito dagli italiani e disposizioni stabilite tra cui la data di scadenza di 18 mesi stampata sull'etichetta, le indicazioni di origine e un modo per controllare le importazioni che non soddisfano le specifiche regolamentate dell'olio d'oliva .

"L'Italia è il secondo produttore di olio d'oliva con circa 250 milioni di ulivi e una produzione di oltre mezzo milione di tonnellate. L'industria impiega persone in 50 milioni di giorni lavorativi, il che si traduce in 2 miliardi di euro ”, ha affermato Coldiretti.

"Per noi è una battaglia culturale oltre che legale. Il regolamento ritirato dalla Commissione ci avrebbe consentito di migliorare la lotta alle frodi nel mercato della ristorazione dove i consumatori hanno il diritto di sapere che tipo di olio viene utilizzato ”, ha affermato il ministro italiano delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Nunzia De Jerome .

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti