Europa

Preoccupazione in Europa per i nuovi standard di olio d'oliva

Ottobre 17, 2013
Di Julie Butler

Notizie recenti


Il gruppo consultivo della Commissione europea per le olive e i prodotti derivati ​​Presidente Rafael Sánchez de Puerta Díaz

Il settore europeo dell'olio d'oliva sta tenendo d'occhio gli Stati Uniti e l'Australia per qualsiasi mossa volta a introdurre standard di qualità obbligatori, mostrano i verbali di un comitato di consultazione dell'UE.

E secondo il progetto di relazione sull'ultima riunione del gruppo consultivo della Commissione europea su olive e prodotti derivati, sono richiesti dati migliori per consentire istantanee più chiare dello stato del mercato dell'olio d'oliva.

Il recentemente pubblicato minuti della riunione di giugno di 14 a Bruxelles affermano inoltre che l'UE vorrebbe che gli Stati Uniti introducessero un livello massimo di residui per il pesticida clorpirifos-etile nell'olio d'oliva, perché la mancanza di un LMR ha visto respinti vari contenitori di olio d'oliva italiano nei porti americani .

Preoccupazione per un possibile ordine di commercializzazione dell'olio d'oliva negli Stati Uniti

pubblicità

Nell'ambito dell'ordine del giorno "ostacoli non tariffari agli scambi", alcuni membri del gruppo hanno espresso preoccupazione per la possibilità che gli Stati Uniti introducano un ordine di commercializzazione dell'olio d'oliva. Quest'ultimo potrebbe comportare il mantenimento di standard più elevati anche per le importazioni.

Tra le opinioni espresse vi erano che "i californiani dovrebbero rispettare gli stessi requisiti degli operatori dell'UE, in modo che tutti noi giochiamo secondo le stesse regole" e che "gli standard IOC (International Olive Council) dovrebbero essere adottati e applicati alle importazioni e ai prodotti nazionali nel NOI"

Un rappresentante della Commissione ha dichiarato di essere stato in contatto con le autorità statunitensi, monitorando gli sviluppi e cercando di sensibilizzare in merito alla questione.

pubblicità

La Commissione ha anche fornito un aggiornamento sui suoi colloqui di libero scambio con gli Stati Uniti, indicando che era "disposto a concludere i negoziati entro la fine di 2015".

La paura che lo standard australiano dell'olio d'oliva possa essere applicato

pubblicità

Anche le preoccupazioni sono state mandate in onda Lo standard australiano dell'olio d'oliva, adottato in 2011, e se aderirvi potrebbe smettere di essere volontario in quel paese.

La Commissione ha affermato che il governo australiano ha confermato che lo standard rimarrà volontario "e non c'erano prove che ciò potesse cambiare presto."

Un rappresentante del settore ha chiesto alla Commissione di "rimanere cauti" sulla questione, in quanto il settore non è stato completamente rassicurato, come sarebbe avvenuto, "dato che c'era molta pressione da parte dei produttori australiani".

La Commissione ha inoltre affermato che non vi erano piani per avviare negoziati di libero scambio con l'Australia e che probabilmente non sarebbe cambiato nel prossimo futuro.

Pesticidi che causano problemi alle importazioni statunitensi: clorpirifos-etile

Vari contenitori di italiano extra virgin erano l'olio d'oliva respinto nei porti degli Stati Uniti all'inizio di quest'anno perché avevano tracce di clorpirifos-etile, un pesticida autorizzato negli Stati Uniti per altri prodotti agricoli, ma non per l'olio d'oliva.

In una discussione sul problema, la Commissione ha affermato che la soluzione era chiedere all'Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti di stabilire un LMR per l'olio d'oliva.

pubblicità

La Commissione era pronta a sostenere tale richiesta e a sollevare la questione nei colloqui bilaterali.

Desiderio di migliori dati di mercato

Una panoramica dei mercati dell'olio d'oliva e delle olive da tavola - compresi i dati provvisori relativi alla produzione, al consumo, al commercio e al riporto per la stagione 2012/13 e le prospettive per il 2013-14 - ha portato a discussioni sulla raccolta di tali dati.

Alla precedente riunione del gruppo, nel dicembre 2012, alcuni membri hanno espresso preoccupazione per "incoerenze" tra i dati della Commissione e quelli del CIO.

Nell'ultima riunione, la Commissione ha ricordato ai partecipanti che i membri dell'UE devono fornirle regolarmente informazioni sulle loro scorte e che l'UE è tenuta a comunicare i dati di mercato al COI.

Il verbale afferma che molti degli esperti presenti alla riunione hanno ritenuto molto importante compilare un bilancio esauriente, ma "avere dati globali sulla prossima campagna è stato più importante".

"Il rappresentante della Commissione ha raccomandato cautela nel mettere le previsioni per il prossimo anno sulla carta, dato che ciò potrebbe influenzare indirettamente i prezzi. Inoltre, molto potrebbe ancora succedere prima dell'inizio della raccolta il prossimo ottobre, come situazioni climatiche avverse ", affermano anche i verbali.

L'agenzia spagnola per l'olio d'oliva raccoglie i dati di mercato in quel paese e pubblica rapporti mensili su di esso.

Un rappresentante dei produttori di un altro paese, supportato da alcuni rappresentanti commerciali, ha chiesto alla Commissione di aiutare altri Stati dell'UE a raccogliere statistiche simili, compresi i dati sulle scorte, "esaustivi come quelli in Spagna, al fine di migliorare il livello di informazioni disponibili e fornire una panoramica generale della situazione per tutti gli operatori di mercato ".

Il verbale afferma che si è quindi tenuta una discussione "su come migliorare la certezza giuridica dei panel test", ma non sono stati forniti dettagli.

Attuazione del piano d'azione dell'UE per l'olio d'oliva: nuovo regolamento sui parametri di campionamento e prova

Tra le altre questioni discusse nel corso della riunione, la Commissione ha fornito un aggiornamento sull'attuazione della sua piano d'azione per il settore dell'olio d'oliva dell'UE, durante il quale si è anche discusso della sua inversione di tendenza a maggio sulla sua proposta di vietare le bottiglie di olio d'oliva ricaricabili dai tavoli dei ristoranti dell'UE.

Il rappresentante del produttore ha dichiarato che "non è chiaro il motivo per cui la Commissione abbia deciso di ritirare la proposta".

Nel frattempo, la Commissione ha dichiarato di aver preparato un nuovo regolamento relativo al "campionamento e vari parametri per l'analisi chimica" che sperava sarebbe stato messo ai voti entro la fine dell'anno.

Ruolo del CIO

Dato l'accordo internazionale che regola il CIO scade alla fine del prossimo anno, è proseguito il dibattito su come dovrebbe evolversi il consiglio.

La Commissione ha affermato che dovrebbe svolgere un ruolo importante come custode globale della qualità e "punto di riferimento per la standardizzazione e i bilanci".

E in un probabile riferimento alla possibilità di aprire l'appartenenza al CIO ai paesi consumatori, non solo a quelli dei produttori, la Commissione ha affermato che era "il momento di iniziare a pensare di espandere la sua base di membri".

Nuovo presidente e vicepresidente

Con la fine del mandato del presidente del gruppo consultivo Gennaro Forcella dopo due mandati consecutivi, si è svolto un voto e lo spagnolo Rafael Sánchez de Puerta Díaz è stato eletto all'unanimità per succedergli.

Il gruppo consultivo è stato tradizionalmente guidato da italiani e Sánchez, direttore generale della FAECA, la Federazione andalusa delle imprese cooperative agricole, è il primo spagnolo a guidarlo.

Rafael Pico Lapuente, anch'egli spagnolo, e direttore di Asoliva, l'associazione spagnola degli esportatori di olio d'oliva, è stato eletto vicepresidente, con un'astensione.

Forcella è stato presidente di Federolio, l'associazione commerciale italiana di olio d'oliva, sin da 1997.

Gruppi consultivi CE

Il gruppo consultivo per le olive e i prodotti derivati ​​si riunisce di solito due volte all'anno. Il prossimo incontro sarà a Bruxelles il 12 di novembre.

La Commissione informa che le opinioni espresse dal gruppo di lavoro rappresentano le opinioni delle parti interessate del settore e non possono essere attribuite ad esse.

I rapporti sulle riunioni del gruppo generalmente non elencano i partecipanti né nominano la fonte delle opinioni espresse.