`Copa Cogeca e traguardo della tracciabilità in Italia - Olive Oil Times

Copa Cogeca e il risultato di tracciabilità in Italia

Ottobre 10, 2013
Luciana Squadrilli

Notizie recenti

traguardo-tracciabilità-europa-copa-cogeca-e-italia-tracciabilità-olio-d'oliva-tempi-copa-cogeca-e-italia-tracciabilità

Il 19 settembre il Parlamento europeo a Bruxelles ha ospitato un evento intitolato "verso una migliore comprensione del consumo di olio d'oliva. " È stato ispirato dal Copa Cogeca, l'unione agricola dell'UE che rappresenta oltre 13 milioni di agricoltori europei e 38,000 cooperative.

L'obiettivo era promuovere il consumo di olio extravergine di oliva di alta qualità garantendo ai consumatori informazioni trasparenti. A tal fine, è necessario aderire e promuovere un sistema di regole e criteri di qualità.

I deputati Luis Manuel Capoulas Santos (Pt, S&D) e Sergio Silvestris (I, PPE) hanno delineato le misure fondamentali per informare meglio i consumatori sulla qualità del prodotto e sulle diverse categorie e qualità che esistono per l'olio d'oliva, come etichette comprensibili e la chiara indicazione dell'origine del prodotto.

Osservato il segretario generale del Copa-Cogeca, Pekka Pesonen "Nonostante la difficile situazione del mercato, i produttori e le cooperative hanno fatto molti sforzi e fatto grandi investimenti per migliorare la qualità dell'olio d'oliva, ma questo non è stato riconosciuto né dal mercato né dai consumatori. È fondamentale che la Commissione proceda con l'attuazione del piano d'azione della Commissione europea per migliorare la redditività e la competitività del settore dell'olio d'oliva dell'UE. Gli agricoltori hanno bisogno di rendimenti migliori dal mercato per migliorare la sostenibilità di questo tipo di produzione, soprattutto perché si trova principalmente nelle aree colpite dalla crisi economica ".

L'evento chiave è stato anche l'occasione per ratificare il successo della tracciabilità in Italia, che deriva principalmente dall'attività di Unaprol, il più grande consorzio italiano di produttori di olio d'oliva.

Secondo le normative UE sulle associazioni di produttori, l'Unione Europea deve allocare almeno il 12 percento delle risorse per finanziare la misura di rintracciabilità. L'Italia ha raggiunto il suo obiettivo, attraverso le reti di produttori di olive 600 Unaprol, che raggruppano settemila aziende certificate e oltre il 70 percento delle reti produttrici di petrolio quotate in Italia.

L'iniziativa è arrivata a poche settimane dall'accordo sulla riforma della Politica Agricola risalente al 26 giugno, che entrerà in vigore il 1 ° gennaio 2014.

Come ha sottolineato Massimo Gargano, presidente di Unaprol, "questo accordo offre nuovi strumenti e opportunità per l'olio d'oliva. ”Ha aggiunto "rispetto alle proposte iniziali, l'Italia ha potuto migliorare alcuni elementi di criticità, e più precisamente gli impegni di inverdimento, che non riconoscevano il ruolo ambientale degli oliveti e l'accordo interno. Ciò ha permesso di scegliere una transizione più agevole dal sistema storico di aiuti a uno nuovo, che li ha assegnati in modo più equilibrato ".

Ciò può avere conseguenze positive anche sui mercati, dove la battaglia è incentrata sulla convenienza, e una delle strategie principali - sostenuta anche da Unaprol - è l'e-commerce. Nel 2012, il segmento dell'e-commerce ha generato un fatturato di circa 305 miliardi di euro (412 miliardi di dollari), con un aumento del 20% rispetto all'anno precedente.

Pietro Sandali, direttore generale di Unaprol, ha osservato, "grazie ad elevati standard qualitativi, allo sviluppo tecnologico e alla corretta attuazione delle strategie di comunicazione, il settore della produzione olearia nazionale rappresentato da Unaprol può già contare su una tracciabilità diffusa e certificata dei gusti tipici dei territori italiani. Questo sistema rappresenta una sfida, ma anche una grande opportunità per superare la crisi dei mercati ".



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti