Deoleo ribatte contro "Fake News"

La più grande compagnia petrolifera al mondo è passata all'offensiva contro i titoli click-bait.

Giu. 19, 2018
By Curtis Cord

Notizie recenti

La più grande azienda di olio d'oliva del mondo sta lanciando un'offensiva contro ciò che vede come una proliferazione di 'articoli di notizie false e titoli a scatto che denigrano i suoi marchi.

Da anni circolano articoli su Internet che disgregano la maggior parte dei principali marchi di olio d'oliva, portando all'attuale onnipresente "14 falsi marchi di olio d'oliva che dovresti evitare ora ”, che nomina Bertolli di Deoleo tra gli altri.

Gli articoli citano il 2010 University of California at Davis study che ha riscontrato che la maggior parte dei marchi di supermercati etichettati extra vergini sono di qualità inferiore quando sottoposti a test chimici e valutazione sensoriale.

Lo studio, che è stato finanziato in parte dai produttori californiani, era di dimensioni ridotte, ma ha dato un grande pugno: "Il 69 percento degli oli d'oliva importati etichettati come extra vergini non ha rispettato lo standard sensoriale IOC ”, ha affermato il rapporto. In altre parole, la maggior parte degli oli extra vergine di oliva importati non erano affatto extra vergini.

Questa semplice affermazione si rivelerebbe irresistibile per la stampa mainstream e il rapporto Davis è stato citato e citato da allora.

pubblicità

Lo documento divenne una prova materiale nelle cause legali e nelle audizioni delle commissioni commerciali. Sarebbe il grido di battaglia nel tentativo di imporre controlli sulle importazioni nella legge federale sull'agricoltura, l'istituzione di una commissione per l'olio d'oliva della California e l'adozione di nuovi standard di qualità in California.

"All'epoca sembrava degno di nota ", Dan Flynn, direttore esecutivo dell'UC Davis Olive Center detto in 2015, "ma non avevo davvero idea di quanto sarebbe diventato grande e che avrebbe riverberato per tutto il tempo che ha ”.

A Google search rivela quanto spesso il rapporto dell'Olive Center è stato citato nel corso degli anni, ma nessuna citazione era di alto profilo e imprecisa, come quella di un famigerato Infografica del New York Times che proclamava il 69 percento di tutti gli oli d'oliva importati "doctored. ”Mentre il Times alla fine corretto l'articolo, il danno era stato fatto e altro ancora le accuse sono volate avanti e indietro attraverso l'Atlantico.

E ora, più di otto anni dopo la pubblicazione del rapporto, le citazioni non mostrano alcun segno di riduzione e sembrano aver persino raggiunto un nuovo crescendo dopo che un blogger da qualche parte ha trasformato le scoperte del rapporto in modo accattivante '14 Falsi titoli di oli d'oliva che si sono fatti strada attraverso Internet.

La scorsa settimana l'amministratore delegato di Deoleo, Pierluigi Tosato ha detto ai dirigenti del settore, "Il consumo sta diminuendo perché i consumatori hanno poca fiducia e non si fidano di nulla ". A soli due anni dalla sua carica di capo del colosso globale dell'olio d'oliva, Tosato ha messo in moto il suo team di pubbliche relazioni per far luce su come un modesto, un sondaggio sulla qualità di otto anni è stato trasformato in un meme Internet impreciso.

Il mese scorso, giornalisti e influencer hanno ricevuto un pacchetto da Deoleo contenente una bottiglia di Bertolli, un bicchiere da degustazione marchiato e opuscoli con punti di discussione sulla qualità dell'olio d'oliva e dati di mercato.

Quindi la società ha lanciato un sito Web, deoleo.info, che separa la creazione di un meme e rivela chi chiama "14 falsi blogger di olio d'oliva. "

"Mostriamo in che modo qualsiasi azienda può essere influenzata da notizie false rivelando i trucchi utilizzati dai click-baiter per creare storie che diventano virali indipendentemente dalla loro autenticità. ”Afferma il sito web.

La spinta delle pubbliche relazioni coincide con quello che sembra essere un impegno accelerato per migliorare la qualità da parte della società 135: tre dei suoi marchi in edizione limitata ha vinto l'oro Al 2018 NYIOOC World Olive Oil Competition, ad esempio, e Tosato ha affermato di aver rinnovato i protocolli di approvvigionamento dell'azienda (in particolare pagando gli agricoltori per raccogliere le olive in precedenza).

"Abbiamo affrontato attacchi e molte notizie false su Internet ", ha detto Tosato in a video rilasciato dalla società. "Stiamo negando tutte queste accuse e quello che vogliamo fare è venire di fronte ai consumatori e mostrare loro esattamente quello che stiamo facendo. "

Gli osservatori del settore notano che sono queste le accuse, false o no, che sono state la forza trainante dei cambiamenti di Deoleo e di altri importanti produttori negli ultimi anni, e se non fosse stato per lo studio Davis e altri come se fossero stati condotti in tutto il mondo da allora , sarebbe probabilmente come al solito.

La qualità dell'olio d'oliva è stata tendenza al rialzo, spinto da produttori più piccoli che si sforzano di distinguere i loro marchi da opzioni a basso prezzo, aumentando l'interesse dei consumatori per gli alimenti sani e le esposizioni ben pubblicizzate. Ora i marchi più grandi stanno vedendo la scritta sul muro sotto forma di titoli a scatto e un'impennata azioni legali di classe.

Mentre poche persone finora sembra essere in visita il nuovo sito web Deoleo per ottenere l'altro lato della storia, i principali produttori che raccoglievano in anticipo e garantivano che i prodotti extra vergini rimanessero in questo modo attraverso le loro shelf life sarebbero passi significativi con una trazione probabilmente molto maggiore.


Related News