Il comitato UE approva l'eliminazione della durata del periodo 18 su etichette EVOO

La Commissione Politiche Ue del Senato ha votato per l'attuazione di una legge che prevede la controversa eliminazione della shelf-life di 18 mesi sull'etichetta dell'olio extravergine di oliva e delle indicazioni sull'origine.

Aprile 16, 2016
Di Ylenia Granitto

Notizie recenti

La Commissione Politiche Ue del Senato ha votato per dare attuazione alla normativa UE che prevede l'eliminazione del limite di 18 mesi di shelf-life sulle etichette dell'olio extravergine di oliva e le indicazioni di provenienza.

L'articolo 1 della legge europea 2015 prevede la possibilità di imbottigliare extravergine con scadenza superiore a 18 mesi.

Il limite di 18 mesi è ora richiesto da una legge italiana, più rigida della normativa comunitaria, ma sicuramente più favorevole alla conservazione dell'olio d'oliva di qualità e alla tutela del consumatore.

Il provvedimento, che attua, tra l'altro, la Direttiva dell'Unione Europea sulla fornitura di informazioni alimentari ai consumatori, mira a modificare l'articolo 7 della legge 9/2013 che recita: "Il periodo minimo di conservazione entro il quale gli oli di oliva vergini conservano le loro proprietà specifiche quando in condizioni di utilizzo adeguate, non può superare i diciotto mesi dalla data di imbottigliamento. "

"L'approvazione di una misura che rimuove il limite di durata di conservazione dell'olio extravergine di oliva facilita lo smaltimento dell'olio d'oliva vecchio e nega un'importante tutela per il consumatore ", ha affermato il presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo. "È un errore che mette in pericolo la qualità in Italia ".

Nonostante numerosi studi abbiano dimostrato che nel tempo EVOO modifica le sue caratteristiche, la legge italiana sembra essere troppo rigida per l'UE, che ha ordinato la rimozione del limite.

L'Italia rischia l'apertura di una procedura di infrazione. Con l'attuazione degli orientamenti dell'UE, la data di scadenza sarà decisa liberamente a discrezione degli imbottigliatori.

"Ciò equivale alla cancellazione della data di scadenza poiché tutti possono decidere la data in base ai propri interessi commerciali ", ha sollecitato Coldiretti. "Esiste il rischio evidente che qualcuno ne trarrà vantaggio. "

La legge europea 2015 2015 intende inoltre sopprimere le misure che prevedono l'indicazione dell'origine delle miscele di oli d'oliva con diversa e più rilevante rilevanza cromatica rispetto al colore di sfondo, rispetto alle altre indicazioni e descrizioni, a ulteriore svantaggio della qualità e consumatori, secondo la parte principale del settore olivicolo italiano.

Alcuni produttori si stanno ribellando e hanno deciso di persistere per indicare il limite di 18 mesi di validità sulle etichette dei loro oli extra vergine di oliva. Tra questi, gli agricoltori marchigiani continueranno a dichiararlo sulle loro bottiglie. "Continueremo a garantire la qualità dei nostri prodotti ai consumatori ", ha affermato il presidente di Coldiretti Marche, Tommaso Di Sante.

Il voto non è formalmente definitivo poiché il Senato ha l'ultima parola sulla decisione, ma non ci sono molte possibilità di ribaltare la direzione del governo in merito ai mandati dell'UE.


Related News

Feedback / suggerimenti