` L'Europa più vicina al divieto di ampolle di olio d'oliva ricaricabili nei ristoranti - Olive Oil Times

L'Europa più vicina al divieto delle ampolle di olio di oliva ricaricabili nei ristoranti

Febbraio 4, 2013
Julie Butler

Notizie recenti

Le ampolle riutilizzabili di olio d'oliva sarebbero effettivamente bandite in ristoranti e caffè in tutta l'Unione europea a partire dal prossimo anno, in base alle modifiche proposte davanti alla Commissione europea. I progetti di modifica mostrano anche che la CE è favorevole a nuove regole in merito alle date di raccolta sulle etichette dell'olio d'oliva e alla dimensione minima delle lettere per determinati dettagli dell'etichetta.

Le mosse sono in fattura (in francese) recentemente pubblicate online dalla CE. Riguardo alle modifiche al regolamento UE 29/2012 sulle norme di commercializzazione dell'olio d'oliva, la sua introduzione afferma che è destinata a "proteggere e informare meglio i consumatori ... e migliorare l'effettivo monitoraggio del rispetto di questi standard. "Presenta la dichiarazione di non responsabilità che è ancora soggetta a consultazione interna e probabilmente cambierà.

Tra le misure:

- Contenitori non ricaricabili: gli oli d'oliva messi a disposizione degli utenti in hotel, ristoranti e caffè devono essere in imballaggi non ricaricabili, adeguatamente etichettati.

pubblicità

Questo per garantire la qualità e l'autenticità di questi oli d'oliva, dice il progetto.

- Leggibilità dell'etichetta: alcuni dettagli dell'etichetta, compresi quelli che comprendono l'origine dell'olio, devono apparire nel campo visivo principale del contenitore. Queste informazioni obbligatorie devono comparire in lettere con un'altezza minima di: 2mm per volumi fino a 25ml, 3mm per 25 sopra ma non più di 100ml e 4mm sopra 100ml.

Una buona leggibilità è considerata importante per aiutare la selezione dei prodotti di consumo.

- Data del raccolto: questo può apparire sull'etichetta solo se tutti i contenuti sono di quel raccolto.

Destinato ad aiutare i consumatori a garantire la freschezza del prodotto.

- Condizioni di conservazione: avviso che l'olio d'oliva deve essere conservato lontano dalla luce e dal calore deve apparire chiaramente sulla confezione o su un'etichetta allegata.

Progettato per garantire che i consumatori siano adeguatamente informati della conservazione ottimale.

- Alimenti conservati nel solo olio d'oliva: un requisito attuale secondo il quale le etichette per i prodotti alimentari (diverse dalle sardine e dal tonno) conservate nell'olio d'oliva indicano la percentuale di olio rispetto al peso netto totale del prodotto alimentare. Invece, l'etichetta dovrebbe dire che il prodotto alimentare è stato conservato solo in olio d'oliva.

Per fornire maggiore chiarezza ai consumatori.

- Sanzioni e controlli: sanzioni efficaci, proporzionate e dissuasive devono essere stabilite a livello nazionale da ciascuno Stato membro dell'UE. Devono inoltre effettuare controlli per garantire la verità delle dichiarazioni sull'etichetta e della conformità al regolamento. Se vengono rilevate irregolarità, devono richiedere un audit. Devono inoltre riferire alla CE ogni anno con i dettagli specifici di tali controlli.

Periodo di transizione

Si propone che le modifiche si applichino dal prossimo 1 gennaio in tutti gli Stati membri dell'UE. Tuttavia, i prodotti conformi alle norme vigenti che sono stati fabbricati, etichettati o importati nell'UE e in circolazione prima del 2014 potrebbero essere venduti fino all'esaurimento delle scorte.

Maggiori dettagli attesi sul piano d'azione per il settore dell'olio d'oliva dell'UE

Un voto indicativo sul progetto di emendamento è all'ordine del giorno del comitato di gestione della CE per l'organizzazione comune dei mercati agricoli che si terrà a Bruxelles il 6 di febbraio.

Come precedentemente riportato do olive oil Times, la CE ha inoltre elaborato una legislazione separata per modificare il regolamento 2568/91 sulle caratteristiche e sui metodi di analisi dell'olio d'oliva. Tale disegno di legge, che richiederebbe agli Stati membri di effettuare almeno un controllo mirato per 1000 tonnellate di olio d'oliva commercializzato al loro interno e le persone o entità che detengono olio d'oliva tengono un registro delle iscrizioni e dei ritiri, è anche all'ordine del giorno.

I due progetti contengono alcune delle misure promosse dal commissario europeo all'Agricoltura Dacian Cioloş nel suo piano d'azione per il settore dell'olio d'oliva dell'UE, pubblicato lo scorso giugno per una discussione. Deve ancora annunciare il piano finale.



Related News

Feedback / suggerimenti