`I dettagli emergono dalla repressione dell'Europa sulla frode dell'olio d'oliva - Olive Oil Times

Dettagli Emerge del crack europeo sulle frodi dell'olio d'oliva

Gennaio 25, 2013
Julie Butler

Notizie recenti

Rafforzate le misure antifrode nell'Unione europea richiederebbero agli Stati membri di effettuare almeno un controllo mirato ogni mille tonnellate di olio d'oliva commercializzate al loro interno, secondo i progetti di legge della Commissione europea.

E qualsiasi persona o entità che detiene olio d'oliva dovrebbe tenere un registro che traccia l'entrata e il ritiro per ciascuna categoria di olio fino alla fase di imbottigliamento, sotto un altro aspetto del progetti di modifica del regolamento UE 2568/91 sulle caratteristiche dell'olio d'oliva e sui metodi di analisi.

"L'esperienza ha mostrato alcuni rischi di frode che ostacolano il pieno effetto della protezione dei consumatori offerta dal regolamento 2568/91 ”, afferma la bozza in merito alla necessità dei registri.

Parla inoltre della necessità di aggiornare alcuni metodi di analisi cui si fa riferimento nel regolamento e propone quindi due nuovi allegati.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Uno, all'esame spettrofotometrico nell'ultravioletto, è progettato per "rimediare ad alcune incongruenze e imperfezioni nel metodo di analisi ”.

Un altro, sulla determinazione della differenza tra contenuto effettivo e teorico di triacilgliceroli con ECN 42, è progettato per sostituire l'allegato esistente con un "metodo più efficiente ”.

Il progetto di legge propone che le modifiche entrino in vigore il prossimo 1 gennaio, fatta eccezione per le nuove norme sulle relazioni degli Stati membri alla CE sui loro controlli di conformità, che entreranno in vigore all'inizio del 2015.

Anche per quanto riguarda i controlli di conformità, gli Stati membri dovrebbero fornire informazioni molto più dettagliate alla CE sui loro test e sui suoi risultati. I controlli devono essere effettuati in modo selettivo, sulla base dell'analisi dei rischi e con la frequenza appropriata, afferma la bozza.

Dice anche che i riferimenti a "olio d'oliva commercializzato ”in uno stato particolare indica la quantità totale di olio d'oliva e olio di sansa di oliva di quello stato che viene consumato in esso o esportato da esso.

Si ritiene che la modifica proposta abbia la benedizione del Comitato di gestione per l'organizzazione comune dei mercati agricoli e si trovi in ​​uno stato avanzato di consultazione e negoziazione.



Related News

Feedback / suggerimenti