`Il gruppo consultivo della Commissione europea ha dichiarato ai panel test "non sostenibili" - Olive Oil Times

Il gruppo consultivo della Commissione europea ha dichiarato che i test "non sono sostenibili"

Può. 7, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

Le preoccupazioni per il test del pannello dell'olio d'oliva sono state trasmesse nell'ultima riunione del gruppo consultivo della Commissione europea su olive e prodotti derivati.

Secondo una bozza di rapporto della riunione del 9 novembre - appena pubblicata sul sito web della CE - le opinioni espresse includevano che il test era "costoso "e "insostenibile ”a lungo termine.

Il rapporto, che non elenca i partecipanti né menziona la fonte delle opinioni espresse, afferma che vi è stata una discussione sulle proposte fisico-chimiche e "soprattutto problemi organolettici.

In quella che in parte sembra essere una traduzione in inglese, il rapporto rileva che, "Un rappresentante del settore ha sottolineato che il problema esiste da molti anni ed è costoso. L'unico modo per differenziare l'olio d'oliva vergine da quello extra vergine è il panel test: mentre il modo in cui viene applicato in tutta Europa dovrebbe essere valutato attentamente, il panel test dovrebbe essere mantenuto in vigore poiché finora non è stato trovato alcun metodo alternativo per scoprire il differenziazione di cui sopra. "

"Il presidente ha sottolineato che non è stata chiesta l'abolizione del panel test ma che il sistema non è sostenibile nel lungo periodo ".

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Il rapporto prosegue dicendo che un rappresentante commerciale alla riunione ha affermato che il problema non era con il sistema di panel test di per sé, "ma il modo in cui viene applicato negli Stati membri (dell'Unione europea) ".

"In realtà, in Spagna non vengono segnalati problemi particolari, mentre, forse, potrebbe essere qualcosa legato al modo in cui le autorità italiane applicano il panel test che crea problemi laggiù ".

Il rapporto termina il suo riassunto della questione rilevando, "La Commissione ha concluso che è comunque opportuno sottoporsi a un panel test ".

Altri affari

Tra le altre questioni discusse durante l'incontro c'era la mancanza di uno standard uniforme per l'olio d'oliva a livello internazionale. I membri del gruppo hanno esaminato le informazioni da "organizzazioni socioprofessionali "sui problemi di esportazione che coinvolgono Stati Uniti e Australia "a causa delle differenze esistenti degli standard nazionali in altri paesi. "

L'incontro ha anche ascoltato una richiesta dei produttori per la creazione di un osservatorio del mercato dell'olio d'oliva e ha ricevuto informazioni sullo stato delle norme dell'UE sulle indicazioni sulla salute consentite per l'olio d'oliva; di negoziati di libero scambio con paesi tra cui Israele, Palestina e Marocco; e l'attuale riforma del sistema di sovvenzioni della politica agricola comune (PAC) della CE.

Proposta post PAC 2013 'misure "verdi" "ha innescato un vivace scambio di opinioni ". Un rappresentante dei produttori ha detto che il settore era, "cercando di migliorare e di raggiungere un migliore livello di qualità ”, ma le riforme mettono a rischio questi sforzi.

Elezione

Il portoghese José Maria Amorim Falcão, della federazione agricola europea Copa-Cogeca, è stato eletto all'unanimità vicepresidente del gruppo consultivo. Secondo un rapporto separato, sulla riunione del gruppo il 7 giugno dello scorso anno, Gennaro Forcella, dall'Italia, è stato eletto presidente in quella riunione e anche il greco Léonidas Vostanis è stato eletto vicepresidente.

Filo della Torre

I presenti hanno segnato un minuto di silenzio in onore dell'ex direttore di UNAPROL Ranieri Filo della Torre, scomparso a Roma poco prima dell'incontro. Lui è stato "un prezioso collega che promuove l'olio d'oliva e la sua produzione. "

Gruppi consultivi CE

Il gruppo consultivo sulle olive e sui prodotti derivati ​​si riunisce solitamente ogni giugno e novembre. L'ordine del giorno per la sua prossima riunione non è stato reso pubblico, ma secondo il rapporto sulla riunione dello scorso giugno, è dovuto a rivedere le questioni relative al livello ammissibile di estere alchilico nell'olio d'oliva.

Una nota sopra i precedenti rapporti della riunione afferma che le opinioni espresse in essi rappresentano i punti di vista dei partecipanti alla riunione delle ONG legate all'agricoltura e loro, "non può in nessun caso essere attribuito alla Commissione europea. "

La Commissione ha vari gruppi consultivi nel settore agricolo e di solito includono vari rappresentanti del COPA-COGECA, nonché rappresentanti del commercio, dell'industria e dei consumatori.



Related News

Feedback / suggerimenti